Località da visitare in Kenya

Nairobi

Nairobi è la capitale e la città più grande del Kenya. Il nome deriva dalla frase Maasai “Enkare Nai-robi”, che si traduce in “luogo dell’acqua fredda”, un riferimento al fiume Nairobi che scorre attraverso la città. La città ha una popolazione di 3.138.369 abitanti, mentre l’area metropolitana ha una popolazione di 6.547.547 abitanti. La città è chiamata popolarmente come la Città Verde al Sole.
Nairobi fu fondata nel 1899 dalle autorità coloniali nell’Africa orientale britannica, come deposito ferroviario sulla Ferrovia dell’Uganda. La città è cresciuta rapidamente per sostituire Machakos come capitale del Kenya nel 1907. Dopo l’indipendenza nel 1963, Nairobi è diventata la capitale della Repubblica del Kenya. Durante il periodo coloniale, la città divenne un centro per il commercio di caffè, tè e agave. La città si trova sul fiume Athi nella parte meridionale del paese e ha un’altitudine di 1.795 metri sul livello del mare.
Con una popolazione di 3,36 milioni nel 2011, Nairobi è la seconda città per popolazione nella regione dei Grandi Laghi africani dopo Dar es Salaam, in Tanzania. Secondo il censimento del 2009, nell’area amministrativa di Nairobi, 3.138.295 abitanti hanno abitato in 696 km2. Nairobi è la decima città più grande d’Africa, inclusa la popolazione dei suoi sobborghi.
Le attrazioni turistiche di Nairobi e dintorni sono:
– Nairobi National Park: fondato nel 1946, il parco nazionale fu il primo del Kenya. Si trova a circa 7 chilometri a sud del centro di Nairobi, con una recinzione elettrica che separa la fauna selvatica del parco dalla metropoli. I grattacieli di Nairobi possono essere visti dal parco. La vicinanza degli ambienti urbani e naturali ha causato conflitti tra gli animali e le popolazioni locali e minaccia le vie di migrazione degli animali. Nonostante la sua vicinanza alla civiltà e le dimensioni relativamente ridotte per un parco nazionale africano, il parco nazionale di Nairobi vanta una grande varietà di fauna selvatica. Gli erbivori si riuniscono nel parco durante la stagione secca, ed è uno dei più importanti santuari di rinoceronti del Kenya.

– Il Parco Nazionale di Hell’s Gate (Porta dell’Inferno) si trova a sud del lago Naivasha in Kenya, a nord ovest di Nairobi. Il parco nazionale di Hell’s Gate prende il nome da una gola nelle scogliere, un tempo affluente di un lago preistorico che alimentava i primi umani nella Rift Valley.

– Il Giraffe Center si trova a Lang’ata, a circa 5 chilometri dal centro di Nairobi. E’ stato istituito al fine di proteggere la giraffa di Rothschild in via di estinzione, Giraffa camelopardalis rothschildi, che si trova solo nelle praterie dell’Africa orientale. Il Centro fu fondato da Jock Leslie Melville, il nipote keniano di un conte scozzese, quando lui e sua moglie Betty catturarono una giraffa per iniziare un programma di riproduzione in cattività nella loro casa a Langata – struttura attuale del centro. Da allora il programma ha avuto un enorme successo, con l’introduzione di diverse coppie riproduttive di giraffa di Rothschild nei parchi nazionali del Kenya. Nel 1979 Leslie Melville aggiunse un centro educativo al suo santuario privato. Nel 1983 aveva raccolto abbastanza soldi per stabilire un Centro visitatori come meta turistica a Nairobi. L’attrazione principale per i visitatori è l’alimentazione delle giraffe da una piattaforma di osservazione rialzata. Il Giraffe Center ospita anche numerosi facoceri che vagano liberamente nella zona insieme alle giraffe.

– Il Karen Blixen Museum, situato a 10 km da Nairobi, “ai piedi delle colline Ngong”, è l’ex casa africana dell’autrice danese Karen Blixen, famosa per il suo libro Out of Africa (La mia Africa) che racconta la vita di un gruppo di coloni.

– Bomas of Kenya è un villaggio turistico a Langata, Nairobi. Bomas (fattoria) mostra i villaggi tradizionali delle diverse tribù del Kenya. È stato istituito dal governo nel 1971 come società controllata dalla Kenya Tourist Development Corporation come attrazione turistica. L’intento era anche quello di preservare, mantenere e promuovere la ricchezza e la diversità dei valori culturali dei vari gruppi tribali del Kenya.


Amboseli National Park

Amboseli ha la classica vista da cartolina: il picco innevato del Kilimanjaro che si affaccia su enormi branchi di elefanti che attraversano le pianure sottostanti. Qui troverete i Big Five, insieme all’ippopotamo e l’habitat degli uccelli nelle campagne paludose. Sono possibili anche safari notturni.


Maasai Mara Game Reserve

Questa riserva nazionale è sinonimo di fauna selvatica e di tribù Maasai. Palcoscenico per la Grande Migrazione, la Maasai Mara vede circa due milioni di gnu e zebre che la attraversano da giugno a ottobre – se sopravvivono all’attraversamento del fiume Mara. Le comunità Maasai circostanti danno la possibilità di trascorrere del tempo con questa gente affascinante, e con le guide del posto potete visitare il villaggio e assistere alle lezioni di formazione dei guerrieri.


Tsavo East National Park

Tsavo Est e West costituiscono l’area protetta più estesa del Kenya, che ospita circa un terzo degli elefanti del paese. Tsavo West è la scommessa migliore per la fauna selvatica – attirata qui da sorgenti, fiumi e rapide, nonché campi e laghi. Si possono incontrare ippopotami e coccodrilli, bufali, rinoceronti neri, leoni e leopardi. I paesaggi lavici frastagliati delle colline Chyulu creano un contesto surreale.


Mombasa

Questa città si trova su un’isola separata di circa 1.000 anni, con fortificazioni del XVI secolo, architettura swahili e moschee islamiche. Ma soprattutto, Mombasa è l’ingresso alla costa del Kenya, con la sua spiaggia Nyali e il parco nazionale del Mombasa Marine. Escursioni in barca, immersioni con squali e balene, snorkeling e pesca sono tutte attività praticabili.

Il Mombasa Marine National Park and Reserve è un parco marino e una riserva nazionale. Il parco è di 10 km² (2.500 acri) mentre la riserva è di 200 km² (49.400 acri). Si trova sulla costa vicino a zone turistiche ed è una spiaggia popolare per lo snorkeling e le immersioni. È il più visitato dei parchi marini del Kenya. Le sue acque ospitano barriere coralline. È stato istituito come parco marino nel 1986 e racchiude parte della laguna, la barriera corallina e la scogliera areale di Bamburi-Nyali. Il parco marino è caratterizzato da calde condizioni tropicali che variano in superficie tra 25°C e 31°C durante l’anno, regimi di salinità stabili e livelli di nutrienti moderati.


Costa e isole

La costa tropicale del Kenya ha molto da offrire. I 10 chilometri di sabbia bianca di Diani sono un classico rifugio di relax – qui è anche possibile vedere le scimmie del colobus. Lamu offre siti archeologici e spiagge, e Malindi – la città preferita dagli italiani – ha un molti hotel, ristoranti e bar a prezzi accessibili.

Diani Beach è un importante località balneare sulla costa dell’Oceano Indiano del Kenya. Si trova a 30 chilometri a sud di Mombasa, nella vicina contea di Kwale.
La spiaggia è lunga circa 10 chilometri, dal fiume Kongo a nord e dalla spiaggia di Galu a sud (il punto di riferimento a sud è un vecchio albero di Baobab). È adiacente alla città di Ukunda, la cui popolazione è vicina a 100.000 abitanti. Una piccola pista di atterraggio si trova tra la spiaggia e la strada che arriva da Mombasa. L’acqua rimane poco profonda vicino alla riva, con alcuni banchi di sabbia sottomarini vicino alla superficie che consentono di vedere il fondale. Nell’entroterra, c’è una vasta vegetazione, tra cui numerose palme che coprono le aree costiere.
L’area generale è nota per le sue barriere coralline, per le scimmie colobus, di colore bianco e nero, e per la vicina Riserva Nazionale di Shimba Hills, una riserva naturale che si affaccia sull’Oceano Indiano. Diani Beach ha ristoranti, alberghi, supermercati e diversi centri commerciali. Diani Beach è anche una località popolare per praticare il kitesurf.

Lamu o Lamu Town è una piccola città sull’isola di Lamu, che a sua volta fa parte dell’arcipelago di Lamu. Si trova a 341 chilometri di strada a nord-est di Mombasa che termina a Mokowe Jetty da dove il canale marittimo deve essere attraversato per raggiungere Lamu Island. È la sede della contea di Lamu e sito dell’UNESCO. Lamu è la città più antica abitata continuativamente in Kenya e fu uno degli originari insediamenti swahili lungo la costa est dell’Africa, fondata nel 1370. La città comprende il Forte Lamu sul lungomare, la cui costruzione iniziò sotto Fumo Madi ibn Abi Bakr, il sultano di Pate, e fu completato dopo la sua morte nei primi anni del 1820. Lamu è anche sede di 23 moschee, tra cui la Moschea di Riyadha, costruita nel 1900.

Malindi è una città sulla baia di Malindi alla foce del fiume Galana, situata sulla costa dell’Oceano Indiano. Si trova a 120 chilometri a nord est di Mombasa. La popolazione di Malindi era 207.253 al censimento del 2009. È il più grande centro urbano della contea di Kilifi. La città è eccezionalmente popolare tra i turisti italiani. Malindi è servita da un aeroporto nazionale e da un’autostrada tra Mombasa e Lamu. Il vicino resort di Watamu e le rovine di Gedi sono a sud di Malindi, mentre la foce del fiume Sabaki si trova a nord. I parchi nazionali marini di Watamu e Malindi formano una zona costiera protetta a sud di Malindi. L’area mostra esempi classici di architettura swahili. La maggioranza della popolazione di Malindi è musulmana.


Lago Naruku

Uno degli otto laghi della Rift Valley, Nakuru attrae una grande varietà di fauna selvatica alle sue acque scintillanti, tra cui numerosi predatori, giraffe e bufali, rinoceronti bianchi e neri. Ma è l’avifauna che ha fornito le scene più belle di Nakuru. Il lago si trasforma periodicamente in un rosa pallido quando circa due milioni di fenicotteri scendono sulle sue acque ricche di alghe. I fenicotteri sono solo una delle 450 specie di uccelli che si trovano qui.


Lago Victoria

Il Lago Victoria è uno dei Grandi Laghi africani. Il lago prende il nome dalla regina Vittoria, intitolato a lei dall’esploratore John Hanning Speke, il primo inglese a documentarlo. Speke lo scoprì nel 1858, durante una spedizione con Richard Francis Burton per localizzare la sorgente del fiume Nilo.
Con una superficie di circa 68.800 chilometri quadrati, il Lago Vittoria è il lago più grande dell’Africa, il più grande lago tropicale del mondo e il secondo lago più grande al mondo per superficie, dopo il Lago Superiore del Nord America. In termini di volume, il Lago Vittoria è il nono lago continentale più grande del mondo, con circa 2.750 chilometri cubi di acqua.


Mount Kenya

La seconda montagna più alta dell’Africa si estende fino a 5.199m, ed è coperta da ghiacciai. Troverete pochi visitatori in questa Riserva della Biosfera dell’UNESCO, nonostante la splendida flora e la fauna selvatica – un bel contrasto con i versanti sterili del Kilimanjaro. I villaggi circostanti offrono una visione della vita all’ombra della montagna. La vicina grotta di Mau-Mau – un monumento nazionale – negli anni ’50 ha protetto i combattenti per la libertà.


Samburu National Park

Lontano dalle grandi attrazioni del sud, Samburu riceve pochi visitatori. In questo luogo è possibile entrare in contatto con la vera natura africana. Il fiume Ewaso Ng’iro nutre la vegetazione di Samburu e l’abbondante fauna selvatica: leoni, ghepardi e leopardi, visibili meglio durante l’alba o al tramonto.

Altri viaggi che potrebbero interessarti

Durata: 10 giorni / 8 notti

da € 2.040 - Voli esclusi

Articoli che potrebbero piacerti

Sport Il wrestling è lo sport più popolare del Senegal ed è diventato un’ossessione nazionale. Tradizionalmente serve a molti giovani per scappare dalla povertà ed è l’unico sport riconosciuto sviluppato indipendentemente dalla cultura occidentale. Nel 2002, la nazionale di calcio si è classificata seconda alla Coppa delle Nazioni d’Africa ed è diventata una delle sole squadre […]

Il parco nazionale impenetrabile di Bwindi nel sud ovest dell’Uganda, è un misto di foresta montana e pianura, dove vivono numerose specie animali, alcune delle quali a rischio estinzione, tra i quali una popolazione di circa 340 esemplari di gorilla di montagna, che è possibile ammirare da vicino dietro rilascio di un apposito permesso. Sei pronto per questa fantastica esperienza?

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: Procedendo con la compilazione e con l'invio di questo modulo, Lei acconsente al trattamento dei dati personali da Lei forniti per la finalità e nei limiti indicati nell'informativa privacy del sito, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Go Australia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02116980422 R.E.A. AN 162472
Capitale Sociale € 30.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
Continua a seguirci su