Economia e politica in Costa d’Avorio

Economia

La politica finanziaria Ivoiriana è fondamentalmente liberale e gli investimenti sono accolti con esenzioni fiscali e protezione giuridica contro la nazionalizzazione. L’aumento della privatizzazione è diventata politica governativa a metà degli anni ’80, in parte in risposta alla partecipazione precedente del governo a troppe imprese specializzate nel tentativo di diversificare l’economia. Il governo Ivoiriano ha soddisfatto con successo le condizioni di prestito internazionali per il rimborso del debito, ma sta ancora lottando per emanare riforme nella gestione delle sue finanze pubbliche e per ridurre gravi disparità nella distribuzione del reddito.

L’agricoltura fornisce mezzi di sussistenza per più della metà della forza lavoro e le colture di sussistenza localmente coltivate soddisfano la maggior parte delle esigenze domestiche rurali. L’urbanizzazione e il crescente impiego del lavoro a noleggio in tutto il paese hanno creato una richiesta di prodotti alimentari diversi da amari, cassava, plantain e mais. Un gusto acquisito per pane e birra ha portato a importazioni significative di grano.

I fagioli di cacao sono diventati la principale coltura di esportazione coltivati da più di un quarto della popolazione e alla fine degli anni ’80, dopo aver superato il Ghana nelle esportazioni di fagioli di cacao, la Costa d’Avorio è diventata il principale produttore mondiale di fave di cacao. Il caffè, anche se è caduto in valore di esportazione, rimane una coltura preferita e un’impresa commerciale per molte famiglie del sud-est. Anche se il caffè locale è di scarsa qualità, costituisce un investimento sicuro e gode di una posizione privilegiata sul mercato francese a causa dei bassi costi di produzione e di grande pubblicità. Migliaia di ettari vicino al mare sono stati piantati con alberi di cocco per aumentare la produzione di copra, il kernel secco da cui viene estratto l’olio di cocco. La stessa zona è anche adatta per ananas, una preziosa coltura di esportazione.

Il sud-ovest offre buoni suoli e climi per palme e alberi di gomma. All’inizio degli anni Sessanta è stata introdotta una specie sudamericana di albero di gomma hevea, e la coltivazione di palme per olio è stata promossa allo stesso tempo. A nord, la coltivazione del cotone è stata favorita utilizzando varietà di maggiore produttività; La pratica della rotazione del cotone-riso e del cotone-yam ha anche aumentato i rendimenti.

Il terreno forestale, dopo la radura, fornisce un terreno ricco per la coltivazione di radici commestibili e banane, così come di colture a alberi commerciali come il caffè, il cacao (coltivato per i semi, i fagioli di cacao) e la gomma. I suoli della savana sono buoni per riso e altri cereali. Cotone e canna da zucchero crescono in entrambe le aree.

La Costa d’Avorio era una volta nota soprattutto per le sue risorse forestali. Circa 30 specie di alberi sono di alto valore commerciale, i tipi più importanti sono sipo (utile) e sambu (obeche). Le foreste hanno subito un rapido esaurimento dopo molti decenni di esportazione di legname, esacerbato dall’eccesso di sfruttamento negli anni ’60 e ’70, e sebbene sia stata avviata la ricostruzione in numerose località, l’attività illegale di logging prevalente dopo l’inizio della guerra civile nel 2002 e continuando nei prossimi anni Al paese che ha uno dei tassi di deforestazione più alti al mondo.

I bestiame crescono nel nord-est, ma le esigenze nazionali sono incontrate anche dalle importazioni dal Mali e dal Burkina Faso. La pesca, un’importante attività economica, è un’occupazione tradizionale nelle lagune e viene praticata anche su base commerciale. Il sovraccarico era una preoccupazione nei primi anni del XXI secolo.
I fagioli di cacao sono diventati la principale coltura di esportazione coltivati da più di un quarto della popolazione e alla fine degli anni ’80, dopo aver superato il Ghana nelle esportazioni di fagioli di cacao, la Costa d’Avorio è diventata il principale produttore mondiale di fave di cacao. Il caffè, anche se è caduto in valore di esportazione, rimane una coltura preferita e un’impresa commerciale per molte famiglie del sud-est. Anche se il caffè locale è di scarsa qualità, costituisce un investimento sicuro e gode di una posizione privilegiata sul mercato francese a causa dei bassi costi di produzione e di grande pubblicità. Migliaia di ettari vicino al mare sono stati piantati con alberi di cocco per aumentare la produzione di copra, il kernel secco da cui viene estratto l’olio di cocco. La stessa zona è anche adatta per ananas, una preziosa coltura di esportazione.

Il sud-ovest offre buoni suoli e climi per palme e alberi di gomma. All’inizio degli anni Sessanta è stata introdotta una specie sudamericana di albero di gomma hevea, e la coltivazione di palme per olio è stata promossa allo stesso tempo. A nord, la coltivazione del cotone è stata favorita utilizzando varietà di maggiore produttività; La pratica della rotazione del cotone-riso e del cotone-yam ha anche aumentato i rendimenti.

Il terreno forestale, dopo la radura, fornisce un terreno ricco per la coltivazione di radici commestibili e banane, così come di colture a alberi commerciali come il caffè, il cacao (coltivato per i semi, i fagioli di cacao) e la gomma. I suoli della savana sono buoni per riso e altri cereali. Cotone e canna da zucchero crescono in entrambe le aree.

La Costa d’Avorio era una volta nota soprattutto per le sue risorse forestali. Circa 30 specie di alberi sono di alto valore commerciale, i tipi più importanti sono sipo (utile) e sambu (obeche). Le foreste hanno subito un rapido esaurimento dopo molti decenni di esportazione di legname, esacerbato dall’eccesso di sfruttamento negli anni ’60 e ’70, e sebbene sia stata avviata la ricostruzione in numerose località, l’attività illegale di logging prevalente dopo l’inizio della guerra civile nel 2002 e continuando nei prossimi anni Al paese che ha uno dei tassi di deforestazione più alti al mondo.

I bestiame crescono nel nord-est, ma le esigenze nazionali sono incontrate anche dalle importazioni dal Mali e dal Burkina Faso. La pesca, un’importante attività economica, è un’occupazione tradizionale nelle lagune e viene praticata anche su base commerciale. Il sovraccarico era una preoccupazione nei primi anni del XXI secolo.

 

Politica

l governo è diviso in tre settori: il potere esecutivo, il potere legislativo e il potere giudiziario. Nel settore legislativo Guillaume Soro dirige l’Assemblea Nazionale del 2016 ei 225 membri. Sono eletti per cinque anni.
Dal 1983 la capitale della Costa d’Avorio è stata Yamoussoukro, mentre Abidjan è il centro amministrativo. La maggior parte dei paesi mantiene le loro ambasciate in Abidjan. La popolazione Ivoiriana ha sofferto a causa della guerra civile in corso. Le organizzazioni internazionali per i diritti umani hanno rilevato problemi con il trattamento di entrambi i lati da parte di non combattenti prigionieri e la reinfestazione della schiavitù infantile nella produzione di cacao.

Anche se la maggior parte dei combattimenti si è conclusa entro la fine del 2004, il paese è rimasto suddiviso in due, con il nord controllato dalle nuove forze. Nell’ottobre 2005 si prevedeva l’apertura di nuove elezioni presidenziali, e nel marzo 2007 è stato raggiunto un accordo tra le parti rivali per proseguire, ma ha continuato ad essere posticipato fino a novembre 2010 a causa dei ritardi nella sua preparazione.

Le elezioni sono state finalmente tenute nel 2010. Il primo turno delle elezioni è stato tenuto in pace e ampiamente salutato come libero e giusto. Le riprese sono state svolte il 28 novembre 2010, dopo essere state ritardate una settimana dalla data del 21 novembre. Laurent Gbagbo, presidente, ha corso contro l’ex primo ministro Alassane Ouattara.

Il 2 dicembre, la commissione elettorale ha dichiarato che Ouattara aveva vinto l’elezione con un margine del 54% al 46%. In risposta, il Consiglio Costituzionale allineato con Gbagbo ha respinto la dichiarazione e il governo ha annunciato che i confini del paese erano stati sigillati. Un portavoce militare ivoriano ha dichiarato: “L’aria, la terra e il confine marittimo del paese sono chiusi a tutto il movimento di persone e beni”.

Altri viaggi che potrebbero interessarti

Durata: 10 giorni / 7 notti

da € 6.020 - Voli esclusi

Articoli che potrebbero piacerti

Moschea di Zitouna (Jemaa ez-Zitouna) La moschea di Aghlabite risale all’VIII secolo, ed è la più grande moschea della Tunisia; il minareto quadrato distintivo è stato aggiunto molto più tardi del XIX secolo. I non musulmani non hanno accesso alla moschea , ma possono entrare solo in una piattaforma di visualizzazione sul bordo del cortile. […]

Letteratura L’Algeria ha prodotto molti importanti scrittori. Alcuni, come il vincitore del premio Nobel, Albert Camus e il suo contemporaneo Jean Sénac, erano francesi, anche se il loro lavoro era influenzato dai tanti anni trascorsi in Algeria. La scrittura di Henri Kréa riflette i due mondi in cui abitava come figlio di padre francese e […]

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: Procedendo con la compilazione e con l'invio di questo modulo, Lei acconsente al trattamento dei dati personali da Lei forniti per la finalità e nei limiti indicati nell'informativa privacy del sito, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Go Australia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02116980422 R.E.A. AN 162472
Capitale Sociale € 30.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
Continua a seguirci su