Economia e politica in Tanzania

Economia

L’economia tanzaniana è in gran parte agraria. La preoccupazione del paese in materia di produzione agricola, che è aumentata negli anni ’70 e ’80, è un riflesso dell’impegno del governo in quel momento nello sviluppo socialista e nella pianificazione centrale, come descritto nella dichiarazione Arusha del 1967. La dichiarazione ha anche portato alla nazionalizzazione una serie di industrie e servizi pubblici. A lungo termine, tuttavia, l’economia pianificata a livello centrale ha contribuito a un notevole declino economico.

A partire dal 1979 e proseguendo negli anni ’80, il relativamente elevato prezzo del petrolio internazionale, il declino dei mercati del paese e la lentezza dell’economia domestica hanno determinato un’inflazione rapida e l’emergere di un mercato non ufficiale (consistente nel contrabbando di merci all’estero per evitare imposte e controlli sui prezzi). Nonostante i tentativi di tagliare le importazioni al minimo, il deficit commerciale si è allargato a un livello senza precedenti e il problema della bilancia dei pagamenti è diventato così acuto che i progetti di sviluppo dovevano essere sospesi. Questa crisi economica ha costretto il governo a chiedere un prestito dal Fondo Monetario Internazionale (FMI) nel 1986. Le condizioni del prestito richiedevano l’eliminazione delle sovvenzioni e dei controlli sui prezzi, nonché alcuni servizi sociali e le posizioni del personale nelle imprese statali. Negli anni Novanta e 2000, il governo ha continuato ad attuare misure destinate a creare un’economia mista e ridurre l’entità dei mercati non-tattici inattesi.


Politica

Per legge la Tanzania era uno stato monopartitico fino al 1992, quando la costituzione è stata modificata per stabilire un processo politico multipartitico. Nel 1977 l’Unione Nazionale Africana Tanganyika (TANU), che aveva condotto la colonia all’indipendenza, e il Partito Afro-Shirazi (ASP) di Zanzibar, che aveva preso il potere dopo un colpo di stato nel 1964, si fondono per formare il Partito Rivoluzionario (Chama cha Mapinduzi; CCM), e una nuova costituzione è stata adottata lo stesso anno. Prima dell’emendamento del 1992, il CCM ha dominato tutti gli aspetti della vita politica e non vi era una chiara separazione del partito e del personale governativo a livello regionale e distrettuale. Nel 1995 la Tanzania ha condotto le sue prime elezioni generali multipartitiche. Anche se più di una dozzina di movimenti politici di opposizione sono stati ufficialmente registrati e hanno partecipato alle elezioni, il CCM ha continuato a controllare il governo dell’Unione; tuttavia, il suo coinvolgimento nelle amministrazioni locali e negli altri affari locali ha cominciato a diminuire. I cittadini hanno diritto a votare a 18 anni e il suffragio è universale.

Articoli che potrebbero piacerti
dakar

Il Senegal si trova nella parte occidentale dell’Africa. È bagnato ad ovest dall’oceano Atlantico e confina con la Mauritania a nord, il Mali a est, la Guinea a sud-est e la Guinea-Bissau a sud-ovest. Il Gambia interrompe il paese, sviluppandosi per 300km dall’oceano lungo il fiume omonimo. Il territorio del Senegal è in gran parte […]

La storia del Botswana parte da più di 100.000 anni fa, quando i primi esseri umani abitavano la regione. Gli abitanti originali dell’Africa meridionale erano i popoli Bushmen (San) e Khoi. Entrambi parlano la lingua Khoisan e vivono come cacciatori-raccoglitori. Circa un migliaio di anni fa grandi domini iniziano ad emergere, successivamente eclissati dal grande impero […]

I nostri Tour Operator al tuo servizio per la tua esperienza di viaggio senza confini. Clicca e parti.

I nostri cluster: realizza il sogno di un viaggio per le tue esigenze e passioni. Clicca e parti.

Semplifichiamo la pianificazione e la realizzazione di un viaggio di lavoro o per affari. Clicca e parti.

Per il mondo delle agenzie di viaggio. Clicca e fai business con Go World.

Per chi ama i social media. Clicca e sogna il tuo prossimo viaggio.

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: Procedendo con la compilazione e con l'invio di questo modulo, Lei acconsente al trattamento dei dati personali da Lei forniti per la finalità e nei limiti indicati nell'informativa privacy del sito, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Go Australia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02116980422 R.E.A. AN 162472
Capitale Sociale € 30.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
ASTOI Fondo di Garanzia ASTOI