Economia e politica in Kenya

Economia

Anche se il Kenya è l’economia più grande e più avanzata dell’Africa orientale e centrale e ha una minoranza urbana ricca, ha un indice di sviluppo umano (HDI) di 0.519, classificato 145° su 186 nel mondo. A partire dal 2005, il 17,7% dei keniani vive a meno di 1,25 dollari al giorno. Nel 2017, Kenya è classificato al 92° posto nel report di valutazione della Banca mondiale per la facilità di avviare un business da 113° del 2016 (di 190 paesi). L’importante settore agricolo (il 22% del PIL) è uno dei meno sviluppati e in gran parte inefficiente, impiegando il 75% della forza lavoro rispetto a meno del 3% nei paesi sviluppati per i prodotti alimentari. Il Kenya è di solito classificato come un mercato di frontiera o talvolta un mercato emergente, ma non è uno dei paesi meno sviluppati.
L’economia ha visto una grande espansione, visto da una forte performance nel settore del turismo, dell’istruzione superiore e delle telecomunicazioni, e accettabili i risultati post-siccità in agricoltura, in particolare nel settore del tè. L’economia del Kenya è cresciuta di oltre il 7% nel 2007 e il suo debito estero è stato notevolmente ridotto. Ma ciò è cambiato subito dopo le elezioni presidenziali contestate nel dicembre 2007, a seguito del caos che ha assorbito il paese.
La più grande economia dell’Africa orientale e centrale ha registrato una notevole crescita nel settore dei servizi, incoraggiata dalla rapida espansione delle attività di telecomunicazione e finanziaria nell’ultimo decennio, e ora contribuisce al 62% del PIL. Una piccola parte della popolazione si basa su Aiuti alimentari. L’industria e la produzione sono il settore più piccolo, pari al 16% del PIL. Il settore dei servizi, dell’industria e della produzione impiega solo il 25% della forza lavoro ma contribuisce al 75% del PIL.


Politica

Il Kenya è una repubblica presidenziale. Il presidente è sia capo dello stato che capo del governo, in un sistema multipartitico. Il potere esecutivo è esercitato dal governo. Il potere legislativo è attribuito sia al governo, sia all’Assemblea Nazionale e al Senato. Il giudice è indipendente dall’esecutivo e dal legislatore. C’era una crescente preoccupazione soprattutto durante l’incarico dell’ex presidente Daniel arap Moi che l’esecutivo si occupasse sempre più degli affari del sistema giudiziario.
Il Kenya si colloca in basso sull’indice di percezione della corruzione di Transparency International (CPI), una metrica che tenta di valutare la prevalenza della corruzione del settore pubblico in diversi paesi. Nel 2012 la nazione ha ottenuto il 139° posto su 176 paesi, con un punteggio di 27/100. Tuttavia, esistono diversi sviluppi piuttosto significativi per limitare la corruzione del governo keniano, ad esempio la creazione di una nuova e indipendente Commissione Etica e Anti-Corruzione (EACC).

A seguito delle elezioni generali del 1997, la legge sulla revisione della Costituzione del Kenya intende aprire la strada a modifiche più complete alla Costituzione keniana, adottata dal parlamento nazionale.
Nel dicembre 2002, i keniani hanno tenuto elezioni democratiche e aperte, giudicate libere e giuste da parte di osservatori internazionali. Le elezioni del 2002 hanno segnato un importante punto di svolta nell’evoluzione democratica del Kenya in quel potere trasferito pacificamente dall’Unione nazionale africana del Kenya (KANU), che aveva governato il paese dall’indipendenza alla coalizione nazionale dei Rainbow Coalition (NARC), una coalizione di partiti politici.

Articoli che potrebbero piacerti

Musica La musica del Mozambico serve molti scopi, che vanno dall’espressione religiosa alle cerimonie tradizionali. Gli strumenti musicali sono di solito fatti a mano. Alcuni degli strumenti utilizzati nelle performance comprendono tamburi in legno e pelle animale; il lupembe, uno strumento a fiato di legno fatto con corna d’animale; e la marimba, una specie di xilofono […]

Fiabe, miti e leggende  La cultura tradizionale del Lesotho consiste perlopiù di consuetudini, riti e superstizioni. Gli importanti momenti della nascita, della pubertà, del matrimonio e della morte sono accompagnati da cerimonie. Anche il bestiame gioca un ruolo fondamentale sia come animali sacrificali, sia come simbolo di benessere. Gran parte del folklore è in realtà […]

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: Procedendo con la compilazione e con l'invio di questo modulo, Lei acconsente al trattamento dei dati personali da Lei forniti per la finalità e nei limiti indicati nell'informativa privacy del sito, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Go Australia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02116980422 R.E.A. AN 162472
Capitale Sociale € 30.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
Continua a seguirci su