Storia di Mauritius

Nel 1598 una squadriglia olandese sotto l’ammiraglio Wybrand Van Warwyck sbarcò a Grand Port e chiamò l’isola “Mauritius” dopo il principe Maurice van Nassau della Repubblica olandese, il governatore del suo paese. Gli olandesi fondarono una piccola colonia sull’isola nel 1638, da cui sfruttarono gli alberi ebani e introdussero canna da zucchero, animali domestici e cervi. Fu da qui che il navigatore olandese Abel Tasman partì per scoprire la parte occidentale dell’Australia. Il primo insediamento olandese ha durato venti anni. Successivamente sono stati effettuati diversi tentativi, ma gli insediamenti non si svilupparono mai per produrre dividendi, causando che gli olandesi abbandonassero Mauritius nel 1710.
La Francia, che aveva già controllato l’Île Bourbon (ora Réunion), ha preso il controllo di Mauritius nel 1715 e la ha rinominata Isle de France. Nel 1723, il Code Noir è stato istituito per classificare un gruppo di esseri umani come “beni”, affinché il proprietario di questi beni potesse ottenere denaro assicurativo e indennizzo in caso di perdita delle sue “merci”. L’arrivo del 1735 del governatore francese Bertrand-François Mahé de La Bourdonnais ha coinciso con lo sviluppo di un’economia prospera basata sulla produzione di zucchero. Mahé de La Bourdonnais ha stabilito Port Louis come base navale e un centro di costruzione navale.
Sotto il suo governo, sono stati eretti numerosi edifici, molti dei quali ancora in piedi. Questi includono parte della Camera del governo, il castello di MonPlaisir e la caserma delle linee, la sede della polizia. L’isola era sotto la direzione della Società francese dell’India orientale che mantenne la sua presenza fino al 1767.
Dal 1767 al 1810, ad eccezione di un breve periodo della Rivoluzione Francese, quando gli abitanti istituirono un governo praticamente indipendente dalla Francia, l’isola era controllata da funzionari nominati dal governo francese. Jacques-Henri Bernardin de Saint-Pierre visse sull’isola dal 1768 al 1771, poi tornò in Francia, dove scrisse Paul et Virginie, una storia d’amore che faceva famosa l’Isle de France ovunque si parlava della lingua francese. Due famosi governatori francesi erano il Vicomte de Souillac (che costruì il Chaussée a Port Louis e incoraggiò gli agricoltori a stabilirsi nel distretto di Savanne) e Antoine Bruni d’Entrecasteaux (che vedevano che i francesi nell’Oceano Indiano Dovrebbe avere la loro sede in Mauritius invece di Pondicherry in India).
Charles Mathieu IsidoreDecaen è stato un generale di successo nelle guerre rivoluzionarie francesi e, in qualche modo, rivale di Napoléon I. Ha governato come governatore di Isle de France e Réunion dal 1803 al 1810. La cartografia navale britannica e l’esploratore Matthew Flinders sono stati arrestati e Detenuto dal generale Decaen sull’isola, in violazione di un ordine di Napoleone. Durante le guerre napoleoniche, Mauritius è diventato una base da cui i corsairi francesi hanno organizzato incursioni di successo sulle navi commerciali britanniche. Le incursioni proseguirono fino al 1810, quando una spedizione di una navata reale diretta da Commodore JosiasRowley, R.N., un aristocratico anglo-irlandese, fu inviata per catturare l’isola. Nonostante la vittoria della battaglia di Grand Port, l’unica vittoria navale francese sui britannici durante queste guerre, i francesi non potevano impedire agli inglesi di sbarcare a Cap Malheureux tre mesi dopo. Essi formalmente hanno rinunciato all’isola il quinto giorno dell’invasione, il 3 dicembre 1810, in modo da consentire ai coloni di mantenere la loro terra e proprietà e di utilizzare la lingua francese e la legge francese in materia penale e civile. Sotto la regola britannica, il nome dell’isola tornò a Mauritius.
L’amministrazione britannica, iniziata con Sir Robert Farquhar come Governatore, ha portato a rapidi cambiamenti sociali ed economici. Tuttavia, è stato contaminato dall’episodio Ratsitatane. Ratsitatane, nipote del re Radama del Madagascar, è stato portato in Mauritius come prigioniero politico. E ‘riuscito a fuggire dalla prigione e ha spiegato una ribellione che liberasse gli schiavi dell’isola. È stato tradito da un associato ed è stato catturato dalle forze britanniche, giudicate brevemente e condannate a morte. È stato decapitato a Plaine Verte il 15 aprile 1822, e la sua testa è stata mostrata come un deterrente contro le rivolte future tra gli schiavi.
Nel 1832, Adrien d’Épinay lanciò il primo giornale mauriziano (Le Cernéen) che non era controllato dal governo. Nello stesso anno, è stato spostato dal procuratore generale per abolire la schiavitù senza compensazione ai proprietari schiavi. Ciò ha dato origine a malcontento, e per controllare un’eventuale ribellione, il governo ha ordinato a tutti gli abitanti di abbandonare le armi. Inoltre, una fortezza di pietra, Fort Adelaide, è stata costruita su una collina (ora nota come la collina della Cittadella) nel centro di Port Louis per eliminare qualsiasi rivolta,
La schiavitù è stata abolita nel 1835 e gli addetti alla coltivazione hanno infine ricevuto due milioni di sterline in compenso per la perdita dei loro schiavi importati dall’Africa e dal Madagascar durante l’occupazione francese. L’abolizione della schiavitù ha avuto importanti ripercussioni sulla società, sull’economia e sulla popolazione di Mauritius . I coltivatori hanno portato un gran numero di lavoratori indentured dall’India per lavorare nei campi di canna da zucchero. Tra il 1834 e il 1921 circa mezzo milione di lavoratori indenturati erano presenti sull’isola. Hanno lavorato su stabilimenti di zucchero, fabbriche, nei trasporti e nei cantieri. Inoltre, gli inglesi portarono all’isola 8.740 soldati indiani. Aapravasi Ghat, nella baia di Port Louis e ora un sito dell’UNESCO, è stata la prima colonia britannica a servire come un importante centro di accoglienza per schiavi e servitori indentati per il lavoro britannico della piantagione.

Una figura importante del XIX secolo fu RémyOllier, giornalista di origine mista. Nel 1828, la barra dei colori è stata ufficialmente abolita in Mauritius ma i governatori britannici hanno dato poco potere alle persone colorate e hanno nominato solo i bianchi come funzionari principali. RémyOllier ha presentato la petizione alla regina Vittoria per consentire la colorazione nel consiglio di governo, e questo è diventato possibile pochi anni dopo. Ha anche fatto di Port Louis diventare un comune in modo che i cittadini possano amministrare la città attraverso i propri rappresentanti eletti. Una strada è stata chiamata dopo di lui a Port Louis, e il suo busto è stato eretto nel Jardin de la Compagnie nel 1906. Nel 1885 una nuova costituzione fu introdotta a Mauritius. Ha creato posizioni elette nel consiglio direttivo, ma il franchising è stato limitato principalmente alle classi francesi e creole.
I lavoratori provenienti dall’India non sono sempre stati trattati in modo equo e un tedesco, Adolph von Plevitz, si è fatto il protettore non ufficiale di questi immigrati. Ha mescolato con molti dei lavoratori e nel 1871 li ha aiutati a scrivere una petizione inviata al governatore Gordon. È stata nominata una commissione per esaminare le denunce degli immigrati indiani e nel 1872 furono inviati da Inghilterra due avvocati nominati dalla Crown britannica per fare un’indagine. Questa commissione reale ha raccomandato diverse misure che avrebbero influenzato la vita dei lavoratori indiani nei prossimi cinquanta anni.
Nel novembre 1901, Mahatma Gandhi visitò Mauritius, in viaggio da Sudafrica all’India. Ha soggiornato sull’isola per due settimane e ha invitato la comunità indo-mauriziana ad interessarsi all’istruzione e ad avere un ruolo più attivo nella politica. Tornato in India, mandò un giovane avvocato, il dottor Manilal, per migliorare la situazione dei Indo-Mauritiani. Nello stesso anno, con l’isola di Rodrigues, sono stati stabiliti collegamenti più veloci grazie alla rete wireless.
Nel 1903, i motocarri furono introdotti in Mauritius e nel 1910 entrarono in servizio i primi taxi gestiti da Joseph Merven. L’elettrificazione di Port Louis si è svolta nel 1909 e nello stesso decennio la Mauritius HydroElectric Company (gestita dai fratelli Atchia) è stata autorizzata a fornire potere alle città di UpperPlainesWilhems.

Gli anni ’10 sono stati un periodo di agitazione politica. La classe media crescente (composta da medici, avvocati e insegnanti) ha cominciato a sfidare il potere politico dei proprietari terrieri della canna da zucchero. Il dottor Eugène Laurent, sindaco di Port Louis, è stato il capo di questo nuovo gruppo; Il suo partito, Action Libérale, ha chiesto che più persone dovrebbero essere autorizzate a votare nelle elezioni. L’azione Libérale è stata opposta dai Parti de l’Ordre, guidati da Henri Leclézio, il più influente dei magnati dello zucchero. Nel 1911 c’erano sconvolgimenti a Port Louis a causa di una falsa voce che il dottor Eugène Laurent era stato ucciso dagli oligarchi di Curepipe. Negozi e uffici sono stati danneggiati nella capitale e una persona è stata uccisa. Nello stesso anno, nel 1911, i primi spettacoli cinematografici avvenivano a Curepipe e nello stesso paese fu eretto un edificio in pietra per ospitare il Royal College. Nel 1912 entra in servizio una più ampia rete telefonica ed è stata utilizzata dal governo, dalle imprese e da alcune famiglie private.
La prima guerra mondiale scoppiò nell’agosto del 1914. Molti mauritieri si offrirono di combattere in Europa contro i tedeschi e in Mesopotamia contro i turchi. Ma la guerra ha colpito Mauritius molto meno delle guerre del XVIII secolo. Al contrario, la guerra del 1914-18 era un periodo di grande prosperità a causa di un boom dei prezzi dello zucchero. Nel 1919 nasceva la Syndicate di Zucchero Mauritius, che comprendeva il 70% di tutti i produttori di zucchero.
Gli anni ’20 hanno visto l’emergere di un movimento di “retrocessionismo” che favoriva la retrocessione di Mauritius in Francia. Il movimento si è rapidamente crollato perché nessuno dei candidati che volevano che Mauritius fosse tornato in Francia sia stato eletto nelle elezioni del 1921. A causa della recessione postbellica, c’era una forte riduzione dei prezzi dello zucchero. Molti stabilimenti di zucchero si sono chiusi e ha segnato la fine di un’epoca per i magnati di zucchero che non solo avevano controllato l’economia, ma anche la vita politica del paese. Raoul Rivet, redattore del quotidiano Le Mauricien, ha fatto una campagna per una revisione della costituzione che avrebbe dato alla classe media emergente un ruolo più importante nella gestione del paese. I principi di AryaSamaj cominciarono ad infiltrarsi nella comunità indù, che avevano chiesto una maggiore giustizia sociale.
Alla Conferenza di Lancaster del 1965 si è reso chiaro che la Gran Bretagna voleva alleviare la colonia di Mauritius. Nel 1959, Harold Macmillan aveva fatto il suo famoso discorso di Wind of Change, dove ha riconosciuto che l’opzione migliore per la Gran Bretagna era dare piena indipendenza alle sue colonie. Quindi, fin dalla fine degli anni Cinquanta, la strada fu fatta per l’indipendenza.
Il 12 marzo 1992, ventiquattro anni dopo l’indipendenza, Mauritius fu proclamato una repubblica all’interno del Commonwealth of Nations. L’ultimo Governatore Generale, Sir VeerasamyRingadoo è diventato il primo Presidente. Questo era sotto un accordo transitorio, in cui fu sostituito da CassamUteem più tardi quell’anno. Il potere politico è rimasto con il Primo Ministro.
Negli anni ’30 vide la nascita del partito laburista, lanciato dal dottor Maurice Curé. Emmanuel Anquetil ha riunito i lavoratori urbani mentre Pandit Sahadeo si è concentrato sulla classe lavoratrice rurale. La Festa del Lavoro è stata celebrata per la prima volta nel 1938. Più di 30.000 lavoratori hanno sacrificato il salario di un giorno e sono venuti da tutta l’isola per partecipare ad un incontro gigante al Champ de Mars.
All’inizio della seconda guerra mondiale nel 1939 molti Mauritians si offrirono di servire sotto la bandiera britannica in Africa e nel Vicino Oriente, combattendo contro gli eserciti tedeschi e italiani. Alcuni sono andati in Inghilterra per diventare piloti e personale del terreno nella Royal Air Force. Mauritius non è mai stato veramente minacciato, ma nel 1943 diverse navi britanniche sono state affondate al di fuori di Port Louis dai sottomarini tedeschi.
Durante la Seconda Guerra Mondiale le condizioni erano dure nel paese; I prezzi delle materie prime sono raddoppiati ma gli stipendi dei lavoratori sono aumentati solo del 10 al 20 per cento. C’erano disordini civili e il governo coloniale ha frantumato tutte le attività sindacali. Tuttavia, i lavoratori della Belle VueHarel Sugar Estate sono entrati in sciopero il 27 settembre 1943. Gli agenti di polizia hanno infine sparato sulla folla e hanno ucciso tre operai tra cui un ragazzo di dieci e una donna incinta AnjalyCoopen.
Le prime elezioni generali si sono svolte il 9 agosto 1948 e sono state vinte dal Partito Laburista. Questa festa, guidata da GuyRozemont, ha migliorato la sua posizione nel 1953 e, per forza dei risultati elettorali, ha chiesto il suffragio universale. Convegni costituzionali si sono tenute a Londra nel 1955 e nel 1957 e il sistema ministeriale è stato introdotto. Il voto è avvenuto per la prima volta sulla base del suffragio universale degli adulti il 9 marzo 1959. Le elezioni generali sono state nuovamente vinte dal Partito laburista, guidato da Sir SeewoosagurRamgoolam.

Altri viaggi che potrebbero interessarti

Durata: 10 giorni / 7 notti

da € 1870 - Voli esclusi

Articoli che potrebbero piacerti

Sport Il calcio è lo sport più popolare di Ciad. La squadra nazionale del paese è seguita da vicino durante le competizioni internazionali e i calciatori del paese hanno giocato per le squadre francesi. Il basket e il wrestling freestyle sono ampiamente praticati, quest’ultimo in una forma in cui i lottatori indossano pelli animali tradizionali e […]

Passaporto e visto Passaporto: necessario. Per eventuali modifiche a tale norma, si consiglia di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata del Ciad a Parigi o il Consolato del Ciad a Bruxelles o presso il proprio Agente di viaggio. Visto di ingresso: necessario. Non essendo presente l’Ambasciata del Ciad a Roma, i visti devono essere richiesti – anche […]

I nostri Tour Operator al tuo servizio per la tua esperienza di viaggio senza confini. Clicca e parti.

I nostri cluster: realizza il sogno di un viaggio per le tue esigenze e passioni. Clicca e parti.

Semplifichiamo la pianificazione e la realizzazione di un viaggio di lavoro o per affari. Clicca e parti.

Per il mondo delle agenzie di viaggio. Clicca e fai business con Go World.

Per chi ama i social media. Clicca e sogna il tuo prossimo viaggio.

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: Procedendo con la compilazione e con l'invio di questo modulo, Lei acconsente al trattamento dei dati personali da Lei forniti per la finalità e nei limiti indicati nell'informativa privacy del sito, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Go Australia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02116980422 R.E.A. AN 162472
Capitale Sociale € 30.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
ASTOI Fondo di Garanzia ASTOI