Cultura, religione e popolazione in Eritrea

Cultura

Una delle parti più riconoscibili della cultura eritrea è la cerimonia del caffè. Il caffè viene offerto quando si è in visita dagli amici, durante le festività o come bevanda base della giornata. Durante la cerimonia del caffè, ci sono tradizioni che vengono mantenute. Il caffè viene preparato quattro volte: la prima è chiamata Awel in Tigrinya che significa “primo”, il secondo turno è chiamato Kalaay (che significa “secondo”) e il terzo turno viene chiamato Bereka (che significa “essere benedetto”) e il quarto si chiama Dereja.

L’abbigliamento tradizionale eritreo è abbastanza vario tra i gruppi etnici dell’Eritrea. Nelle città più grandi, la maggior parte delle persone veste in modo casual, all’occidentale con jeans e camicie. Negli uffici, uomini e donne spesso vestono in completi. Un abbigliamento tradizionale per i cristiani è costituito da abiti bianchi brillanti, chiamati zuri, per le donne e camicie bianche accompagnate da pantaloni bianchi per gli uomini. Nelle comunità musulmane nella pianura eritrea, le donne vestono tradizionalmente vestiti dai colori vivaci. Oltre ai gusti culinari convergenti, gli eritrei condividono un apprezzamento per musica e testi simili, gioielli e fragranze, e tappezzeria e tessuti come molte altre popolazioni della regione di Horn.

 

Religione

Secondo le stime recenti, il 50% della popolazione aderisce al cristianesimo, il 48% all’Islam e il 2% della popolazione segue altre religioni, incluse le fedi tradizionali e l’animismo. Secondo uno studio condotto dal Pew Research Center, il 63% aderisce al cristianesimo e il 36% aderisce all’Islam. Dal maggio 2002, il governo dell’Eritrea ha riconosciuto ufficialmente la Chiesa Ortodossa Eritrea (Oriental Orthodox), l’Islam sunnita, la Chiesa Cattolica Eritrea (Metropolitanate sui Juris) e la Chiesa Evangelica Luterana. Tutte le altre fedi e denominazioni sono tenute a sottoporsi a un processo di registrazione. Tra l’altro, il sistema di registrazione del governo richiede che i gruppi religiosi presentino informazioni personali sulla loro adesione per poter essere adorate.
Il governo eritreo è contro le versioni riformate o radicali delle sue religioni. Quindi le forme radicali dell’Islam e del Cristianesimo, dei Testimoni di Geova, della Fede Bahá’í (anche se la fede Bahá’í non è né islamica né cristiana), la Chiesa avventista del settimo giorno e numerose altre denominazioni evangeliche non protestanti non sono registrate e non si possono professare liberamente. Tre testimoni di Geova sono noti per essere stati imprigionati dal 1994.
Dal 2006, c’era solo un aderente nativo dell’ebraismo, Sami Cohen, rimasto in Eritrea.
Nel suo rapporto sulla libertà religiosa del 2006, il Dipartimento di Stato Usa ha nominato Eritrea un “Paese di particolare preoccupazione” (CPC) per il terzo anno consecutivo.

 

Popolazione

La popolazione dell’Eritrea è passata da 3,2 a 6,4 milioni tra il 1990 e il 2014.
Ci sono nove gruppi etnici riconosciuti secondo il governo. La società è etnicamente eterogenea.

Un censimento indipendente deve ancora essere condotto, ma la popolazione di Tigrinya costituisce circa il 55% e la popolazione di Tigre rappresenta circa il 30% della popolazione. La maggioranza di questi gruppi etnici appartiene alle comunità Afro-Asiatiche del ramo Cushitico, come il Saho, Hedareb, Afar e Bilen. Ci sono anche numerose minoranze etniche nilotiche, che sono rappresentate in Eritrea da Kunama e Nara. Ogni etnia parla una lingua diversa, ma in genere molte delle minoranze parlano più di una lingua. Il Rashaida rappresenta circa il 2% della popolazione di Eritrea. Essi risiedono nelle pianure costiere settentrionali dell’Eritrea e nelle coste orientali del Sudan. Il Rashaida è venuto per la prima volta in Eritrea nel XIX secolo dalla regione di Hejaz.
Inoltre, esiste l’Eritrea italiana (concentrata in Asmara) e le comunità etiopiche di Tigrayan.

Non è generalmente concessa la cittadinanza a meno che non sia per matrimonio o, più raramente, ricevuta dallo Stato. L’Eritrea aveva circa 760.000 abitanti, di cui 70.000 italiani, nel 1941. La maggior parte degli italiani sono partiti dopo che l’Eritrea divenne indipendente dall’Italia.

Articoli che potrebbero piacerti

Vi presentiamo uno dei deserti considerati fra i più antichi al mondo: quello del Namib in Namibia.

Ecco a voi uno dei luoghi più consigliati e belli dell’Africa: il delta dell’Okavango!

I nostri Tour Operator al tuo servizio per la tua esperienza di viaggio senza confini. Clicca e parti.

I nostri cluster: realizza il sogno di un viaggio per le tue esigenze e passioni. Clicca e parti.

Semplifichiamo la pianificazione e la realizzazione di un viaggio di lavoro o per affari. Clicca e parti.

Per il mondo delle agenzie di viaggio. Clicca e fai business con Go World.

Per chi ama i social media. Clicca e sogna il tuo prossimo viaggio.

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: Procedendo con la compilazione e con l'invio di questo modulo, Lei acconsente al trattamento dei dati personali da Lei forniti per la finalità e nei limiti indicati nell'informativa privacy del sito, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Go Australia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02116980422 R.E.A. AN 162472
Capitale Sociale € 30.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
ASTOI Fondo di Garanzia ASTOI