Cultura, religione e popolazione in Madagascar

Cultura

Ognuno dei numerosi sottogruppi etnici nel Madagascar aderisce alla propria serie di credenze, pratiche e modi di vita che hanno storicamente contribuito alle loro identità uniche. Tuttavia, ci sono una serie di caratteristiche culturali fondamentali che sono comuni in tutta l’isola, creando un’identità culturale fortemente unificata. Oltre a un linguaggio comune e alle credenze religiose condivise, come il dio creatore e la venerazione degli antenati, la tradizionale visione del mondo è formata da valori che enfatizzano fihavanana (solidarietà), vintana (destino), tody (karma) e hasina (forza di vita sacra) in cui le comunità tradizionali credono e legittimano come autorità le figure che ne sono dotate all’interno della comunità o della famiglia. Altri elementi culturali comunemente presenti in tutta l’isola includono la pratica della circoncisione maschile, un forte legame di parentela, la fede diffusa nel potere della magia, dell’astrologia e degli stregoni e una divisione tradizionale delle classi sociali in nobili, comuni e schiavi.

Sebbene le caste sociali non siano più legalmente riconosciute, l’affiliazione ancestrale della casta spesso continua ad influenzare lo status sociale, le opportunità economiche e i ruoli all’interno della comunità. I popoli malgasci tradizionalmente consultano i Mpanandro (“I creatori dei giorni”) per identificare i giorni più favorevoli per eventi importanti come matrimoni o famadihana, secondo un tradizionale sistema astrologico introdotto dagli arabi. Allo stesso modo, i nobili di molte comunità malgasce nel periodo precoloniale avrebbero comunemente impiegato consulenti conosciuti come ombiasy (da olona-be-hasina, “uomo di molta virtù”) del gruppo etnico antemoro sud-orientale che traccia i loro antenati nei primi coloni arabi.

Le diverse origini della cultura malgascia sono evidenti nelle sue espressioni tangibili. Lo strumento più emblematico del Madagascar, la valiha, è una cetra di canna di bambù trasportata in Madagascar dai coloni del Borneo meridionale ed è molto simile in forma a quelle oggi presenti in Indonesia e nelle Filippine. Le case tradizionali del Madagascar sono analoghe a quelle del Borneo meridionale in termini di simbolismo e costruzione, con una pianta rettangolare con tetto a picco e pilastro centrale di sostegno. Riflettendo su una diffusa venerazione degli antenati, le tombe sono culturalmente significative in molte regioni e tendono ad essere costruite con materiale più resistente, tipicamente in pietra, e mostrano decorazioni più elaborate di quelle delle abitazioni. La produzione e la tessitura della seta possono essere ricondotti ai primi coloni dell’isola e il vestito nazionale del Madagascar, la lamba tessuta, si è evoluta in un’arte variegata e raffinata.

L’influenza culturale sud-est asiatico è evidente anche nella cucina malgascia, in cui il riso viene consumato ad ogni pasto, tipicamente accompagnato da una varietà di piatti a base di verdure o di carne. L’influenza africana si riflette nella sacra importanza dei bovini zebù e nella loro incarnazione della ricchezza del loro proprietario, tradizioni originarie della terraferma africana.


Religione

Circa la metà della popolazione del paese pratica la religione tradizionale, che tende a sottolineare i legami tra i viventi e la razana (antenati). La venerazione degli antenati ha portato alla diffusa tradizione della costruzione delle tombe, così come alla pratica negli altopiani della famadihana, per cui i resti di un defunto membro della famiglia vengono esumati e avvolti in tessuti prima di essere sostituiti nella tomba. La famadihana è un’occasione per celebrare la memoria, riunirsi con la famiglia e la comunità e godersi un’atmosfera festosa. I residenti dei villaggi circostanti sono spesso invitati a partecipare alla festa, in cui il cibo e il rum sono tipicamente serviti e una gruppo hiragasica o un altro intrattenimento musicale è comunemente presente. La considerazione per gli antenati è dimostrata anche attraverso l’adesione a fady, tabù che vengono rispettati durante e dopo la vita di chi li stabilisce. È ampiamente diffusa la credenza che, mostrando il rispetto per gli antenati in questi modi, loro possano intervenire per conto dei vivi. Al contrario, le disgrazie sono spesso attribuite agli antenati la cui memoria o desideri sono stati trascurati. Il sacrificio degli zebù è un metodo tradizionale per appoggiare o onorare gli antenati. Inoltre, il Malagasy crede tradizionalmente in un dio creatore, chiamato Zanahary o Andriamanitra.

Quasi la metà dei Malagasy sono cristiani, con i praticanti del protestantesimo leggermente più numerosi degli aderenti al cattolicesimo romano. Nel 1818, la Società Missionaria di Londra mandò i primi missionari cristiani sull’isola, dove costruirono chiese, tradussero la Bibbia e cominciarono a diffondere la conversione. A partire dal 1835, la regina Ranavalona ho perseguitato questi convertiti come parte del tentativo di fermare l’influenza culturale e politica europea sull’isola. Nel 1869, un successore, la regina Ranavalona II, convertì la corte al cristianesimo e incoraggiò l’attività missionaria cristiana, bruciando gli idoli. Oggi, molti cristiani integrano le loro credenze religiose con quelle tradizionali legate all’onore degli antenati. Per esempio, possono benedire i loro morti in chiesa prima di procedere con riti di sepoltura tradizionali o invitare un ministro cristiano a consacrare una riabilitazione famadihana. Il Consiglio delle Chiese Malagasy comprende le quattro più antiche e più importanti denominazioni cristiane del Madagascar (Cattolici Romani, Chiesa di Gesù Cristo in Madagascar, luterani e anglicani) ed è stata una forza influente nella politica malgascia.

Anche l’islam viene praticato sull’isola. L’Islam è stato portato per la prima volta nel Madagascar nel Medioevo dai commercianti arabi e somali musulmani, che hanno istituito diverse scuole islamiche lungo la costa orientale. Mentre l’uso di parole arabe e l’adozione dell’astrologia islamica si diffuse in tutta l’isola, la religione islamica non è riuscita a diffondersi, tranne che in una manciata di comunità costiere sudorientali. Oggi, i musulmani costituiscono il 7% della popolazione del Madagascar e sono largamente concentrati nelle province nordoccidentali di Mahajanga e Antsiranana. La stragrande maggioranza dei musulmani è sunnita. I musulmani sono divisi tra quelli di etnia malgascia, indiana, pakistana e comoriana. Più di recente, l’indù è stato introdotto a Madagascar attraverso persone di Gujarati arrivate dalla regione di Saurashtra dell’India alla fine del XIX secolo. La maggior parte degli indù nel Madagascar parla Gujarati o Hindi a casa.


Popolazione

Nel 2016, la popolazione del Madagascar è stata stimata a 24 milioni. Il tasso di crescita annuale della popolazione in Madagascar è stato di circa il 2,9% nel 2009. La popolazione è cresciuta da 2,2 milioni del 1900 fino alla stima di 24 milioni del 2016.
Circa il 42,5% della popolazione è più giovane di 15 anni, mentre il 54,5% è tra i 15 ei 64 anni. Quelli di età superiore ai 65 anni costituiscono il 3% della popolazione totale. Solo due censimenti generali, nel 1975 e nel 1993, sono stati condotti dopo l’indipendenza. Le regioni più densamente popolate dell’isola sono gli altopiani orientali e la costa orientale, contrastando più drammaticamente con le pianure occidentali scarsamente popolate.

Il gruppo etnico malgascio forma oltre il 90 per cento della popolazione del Madagascar ed è tipicamente diviso in diciotto sottogruppi etnici. Una recente ricerca sul DNA ha rivelato che una persona media malgascia costituisce una miscela approssimativamente uguale di geni del Sud-Est asiatico e dell’Africa orientale.

Le origini del sud-est asiatico – specie dalla parte meridionale del Borneo – sono la parte predominante tra la Merina degli altipiani centrali che costituiscono il più grande sottogruppo etnografico malgascio a circa il 26 per cento della popolazione, mentre alcune comunità tra le popolazioni costiere (Collettivamente chiamati côtiers) hanno origini africane relativamente più forti. I più alti sottogruppi etnici costieri sono i Betsimisaraka (14,9 per cento) e gli Tsimihety e Sakalava (6 per cento ciascuno).

Altri viaggi che potrebbero interessarti

Durata: 10 giorni / 7 notti

da € 2490 - Voli inclusi

Durata: 10 giorni / 7 notti

da € 600 - Voli esclusi

Articoli che potrebbero piacerti
Togo

Eventi e festività -Gadao Celebrata nella città centrale di Sokode, questa festa di tre giorni si svolge solitamente nel mese di marzo. Ogni giorno si svolgono diverse cerimonie: durante il primo giorno si ringraziano gli antenati per i loro raccolti; il secondo giorno, conosciuto come “la festa dei coltelli”, è uno spettacolo di potenza che risale al […]

Il 30% dei 752.614 chilometri quadrati dello Zambia è riservato alla fauna selvatica. Ci sono 20 parchi nazionali e 34 aree di gestione del gioco nel paese. South Luangwa, Kafue e Lower Zambezi sono tra i migliori parchi giochi del mondo. Luambe e Lukusuzi Liuwa Plain, West Lunga, Sioma Ngwezi e Plateau Nyika hanno una […]

I nostri Tour Operator al tuo servizio per la tua esperienza di viaggio senza confini. Clicca e parti.

I nostri cluster: realizza il sogno di un viaggio per le tue esigenze e passioni. Clicca e parti.

Semplifichiamo la pianificazione e la realizzazione di un viaggio di lavoro o per affari. Clicca e parti.

Per il mondo delle agenzie di viaggio. Clicca e fai business con Go World.

Per chi ama i social media. Clicca e sogna il tuo prossimo viaggio.

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: Procedendo con la compilazione e con l'invio di questo modulo, Lei acconsente al trattamento dei dati personali da Lei forniti per la finalità e nei limiti indicati nell'informativa privacy del sito, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Go Australia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02116980422 R.E.A. AN 162472
Capitale Sociale € 30.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
ASTOI Fondo di Garanzia ASTOI