viaggio in Benin

13 giorni / 11 notti

Viaggio in Ghana, Togo e Benin: Festival Vudù

da € 2550 Voli esclusi

CREA IL TUO VIAGGIO TROVA AGENZIA
https://www.goafrique.it?p=5873
per informazioni: Go Australia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
Tel. 071 2089301 - [email protected]

Un viaggio in Benin, Ghana e Togo, sulle tracce delle più antiche tradizioni vudù!

In Benin il 10 gennaio è un giorno speciale durante il quale la popolazione celebra i culti ancestrali. In particolare tutti gli adepti del vudù si riuniscono nella regione di Ouidah. Una lunga processione si snoda, chi a piedi , chi in motocicletta, qualcuno con il taxi brousse…tutti si recano verso la Porta del non Ritorno. I partecipanti sono abbigliati con costumi tradizionali ed il bianco è il colore predominante, vivacizzato dalle coloratissime perline di vetro. Il culmine del festival viene raggiunto con l’arrivo di Dagbo Houno, il sacerdote capo di Ouidah. Danze, libagioni, maschere caratterizzano la mattinata. Parti con noi per un magico viaggio in Benin!

Il nostro viaggio continuerà mostrando il meglio di Benin, Togo e Ghana. Conosceremo i Taneka e i Tamberma che costruiscono le case come piccoli castelli  in argilla ed  a Kumasi  entreremo  nel regno degli Ashanti . Termineremo il viaggio esplorando l’ex Costa degli schiavi e i forti costruiti dagli europei. Uno dei più completi e spettacolari viaggi in Africa Occidentale.  Per tutti quei viaggiatori che vogliono scoprire questa incredibile regione ed innamorarsi dell’Africa.

1° giorno

Italia - Accra, Golfo di Guinea ( -/-/-)

Partenza dall’Italia per Accra con voli di linea, secondo disponibilità.
Arrivo ad Accra e trasferimento in hotel. Resto della giornata libero.
Sistemazione all’Accra City Hotel o similare (camere con bagno e aria condizionata).

2° giorno

Metropoli africane: da Accra a Lome (210 km - 4 h ) (B/L/D)

Accra, capitale del Ghana, ha saputo mantenere la proprio specificità nonostante il veloce sviluppo di cui si è resa protagonista questa intrigante città africana.
La florida area amministrativa, punteggiata da eleganti ville costruite nella prima metà del XIX sec., ci ricorda che il Ghana è stato una delle più fiorenti colonie inglesi in Africa occidentale.
Domenica: niente di meglio che iniziare il nostro viaggio nella terra del vudù partecipando ad una festa gospel!
E’ in faccia all’oceano che si svolge la vita dei nativi: James Town, l’area di Ogro Road, Wato e il mercato del pesce (la vecchia Accra si dipana tra Usher Town e James Town). Un villaggio circondato dalla città! Qui le attività economiche seguono tutt’altre regole rispetto a quelle che governano la “city” (business area) che si trova a solo qualche centinaia di metri.
Visiteremo anche la zona dei costruttori di bare dalle forme davvero stravaganti: frutti, pesci, animali, auto e tante altre ancora …Questi manufatti potrebbero tranquillamente essere esposti in qualsiasi centro di arte moderna!
Continueremo con l’interessante visita al museo di Accra, che fu creato per comparare l’arte del Ghana con il resto dell’arte africana e per promuovere l’Arte Moderna.
Infine ci dirigeremo verso Lome e attraverseremo il confine con il Togo (Aflao).
Sistemazione all’Ibis o similare (camere con bagno e aria condizionata).

3° giorno

Mercato dei feticci: da Lome a Ouidah (150 km - 3 h) (B/L/D)

Visita della città: Lome è una città piuttosto ordinata, da una parte il calmo quartiere amministrativo, dove si lasciano ammirare alcuni begli immobili in stile coloniale, dall’altra il vivace quartiere degli affari, dominato dal mercato centrale.
In periferia il mercato dei feticci, dove vengono venduti gli ingredienti per i sacrifici vudù. E' qui che i vari adepti dell'animismo locale vengono a comprare gli elementi necessari per i loro culti. I responsabili del mercato ci mostreranno alcuni "gri-gri" che avrebbero il potere di risolvere i problemi della vita di tutti i giorni. Un enorme ed eclettico assortimento di tutto il necessario per pozioni d’amore, oltre che intrugli magici per gli usi più disparati.
Lasciamo la città per raggiungere i villaggi ed entrare appieno nel mondo del vudù. Strada facendo, incontro con un guaritore tradizionale.
Sistemazione all’Hotel Casa del Papa o similare (camere con bagno e a/c).

4° giorno

Festival del Vudù: Ouidah (B/L/D)

In Benin il 10 gennaio è giorno di festa nazionale, durante il quale si onorano la religione tradizionale ed i suoi culti. In particolare nella regione di Ouidah si tengono celebrazioni vudù che radunano migliaia d’adepti, capi tradizionali e “feticheur”.
Ouidah è considerata una delle capitali del vudù africano. In questa città, antico porto del traffico negriero dall'architettura afro-portoghese decadente, coabitano uno di fronte all'altro il Tempio dei pitoni e la Cattedrale cattolica.
La lentezza dei personaggi inondati dal sole... il battito lontano delle onde sulla spiaggia... il ritmo dei tamburi rappresentano l'eco mormorante di colonne di schiavi imbarcati su queste spiagge. Un'atmosfera al di fuori del tempo, molto ben descritta da Chatwin nel suo libro "Il viceré di Ouidah".
A Ouidah visiteremo: il Tempio dei Pitoni, che vengono venerati come vudù protettori della città, il Forte portoghese trasformato in museo sulla tratta degli schiavi ed infine la Via del Non-Ritorno percorsa da migliaia di schiavi prima di essere imbarcati in direzione del nuovo mondo.
In base al programma del festival, sceglieremo il luogo migliore per assistere alle cerimonie che si svolgono nella intera regione di Ouidah.
Sistemazione all’Hotel Casa del Papa o similare (camere con bagno e a/c)

5° giorno

Regni africani: da Ouidah a Dassa (250 km – 5 h) (B/L/D)

Attraverseremo il Lago Nokwe a bordo di barche motorizzate per raggiungere Ganvie, esteso e delizioso villaggio su palafitte. Gli abitanti, dell’etnia Tofinou, costruiscono le loro capanne su pali di teck e ricoprono i tetti delle abitazioni con una spessa coltre di paglia. L’isolamento nel quale vivono ha permesso loro di conservare abitudini e regole di costruzioni originarie . La pesca è l’attività principale di questa popolazione. Nelle piroghe, che uomini, donne e bambini conducono con facilità con l’aiuto di lunghe pertiche, si scandisce la vita quotidiana. E’ in piroga che gli uomini vanno a pesca e le donne mettono in mostra le merci da vendere al mercato. I bimbi raggiungono la scuola in piroga, ed è in piroga che si canta accompagnando il ritmo delle pertiche...
In seguito ci recheremo ad Abomey per la visita del Palazzo Reale, i cui muri sono decorati con simboli degli antichi re del Dahomey. Il palazzo è ora un museo che conserva tra l'altro le spoglie mortali dei re ed un tempio costruito con argilla mischiata a polvere d'oro e sangue umano. Il Regno del Dahomey stabilì le basi del proprio potere su uno stato permanente di guerra che gli permise di catturare prigionieri da rivendere come schiavi. L'esercito reale era formato anche da truppe femminili, che si caratterizzavano per l'audacia e la bellicosità.
Gli storici sottolineano la dimensione "laica" del potere esercitato dai sovrani del Dahomey. Il re non era né un dio, né un sacerdote, nonostante il numero abbondante di sacrifici umani che erano compiuti sulle tombe dei re in alcune occasioni particolari. Il potere era esercitato secondo una razionalità accessibile ad una mentalità europea. Prova ne è il fatto che il Re di Francia e del Dahomey si scambiavano rappresentanze diplomatiche.
Sistemazione all’Hotel Jeko o similare (camere con bagno e a/c).

6° giorno

Le Colline dei feticci: da Dassa a Natitingou (350 km – 6 h) ( B/L/D)

Sosteremo presso il feticcio di Dankoli, importante luogo di culto vudù. La presenza di diversi bastoncini di legno ricorda l’innumerevole serie di preghiere che sono state rivolte al dio locale per soddisfare i bisogni della vita di tutti i giorni: un buon raccolto, un felice matrimonio, un parto senza problemi, una promozione scolastica…. Una volta esaudita la preghiera, il richiedente torna sul luogo del feticcio per sacrificare ciò che aveva promesso: un pollo, una mucca, una capra. Le tracce di sangue, vino di palma e olio di palma che cospargono il feticcio provano che tante persone hanno visto la loro preghiera esaudirsi. Nel pomeriggio raggiungeremo gli antichi villaggi Taneka, situati alle pendici dei monti omonimi. Questi villaggi sono composti da capanne rotonde dai tetti conici e protetti al centro da vasi di terracotta. La parte superiore dei villaggi è abitata dai sacerdoti dei feticci, abbigliati con pelle di capra, e dai giovani iniziati. Pare che i primi abitanti, d'origine Kabyé, abbiano occupato la montagna nel IX secolo d.C. Da allora altre popolazioni si sono unite a loro formando una specie di melting-pot. Ogni gruppo ha conservato i propri culti ed i propri riti d'iniziazione, e nello stesso tempo hanno creato istituzioni politiche e religiose comuni. Mentre si cammina tra case a tetto conico, su viuzze delimitate da pietre lisce, capita d'incontrare giovani ed adulti con il capo raso, semi nudi. Si preparano alle celebrazioni iniziatiche. I Taneka considerano che per "fare" un uomo ci vuole tempo, pazienza, e tanto... sangue d'animali sacrificati. Insomma un processo lungo tutta un'esistenza, a tal punto che la vita stessa diventa un rito di passaggio.
Sistemazione all’ Hotel Tata Somba o similare (camere con bagno e a/c).

7° giorno

Danza del fuoco: da Natitingou a Sokode (180 km – 4 h) (B/L/D)

Oggi entriamo nella terra dei Somba e Tamberma. In questo paesaggio di dolci colline e altipiani incontreremo i Tamberma e i Somba, che vivono in abitazioni fortificate. Simili nella forma ai nostri castelli medievali, queste abitazioni rappresentano uno dei più begli esempi di antica architettura africana. Il loro stile impressionò Le Courbusier, che le definì “architettura scultorea”, ed in effetti le case sono costruite a mano, strato su strato, aggiungendo palle di fango che vengono poi modellate sul disegno della casa in una sorta di sensuale gesto che mixa forza, accuratezza ed estetica.
L’attaccamento alle loro tradizioni è dimostrato dalla presenza di grandi santuari di forma fallica posti all’entrata delle case. Con il premesso accordatoci dagli abitanti entreremo nelle case per meglio comprenderne lo stile di vita. In realtà le abitazioni sono una proiezione antropologica e cosmologica: il primo piano avvolto nell’oscurità rappresenta la morte ed è il luogo degli antenati, il secondo piano aperto al cielo rappresenta la vita ed è il luogo dove le nonne accudiscono i piccoli, fino a quando viene individuato quale antenato è ritornato a vivere nel nuovo nato.
Tutto il cibo e gli animali vengono custoditi all’interno delle case, in modo da garantire la sopravvivenza del gruppo famigliare in caso di attacco nemico. Per secoli queste popolazioni hanno sfruttato il difficile accesso ai loro territori offerto dalla catena dei monti Atakora per difendersi dalla schiavitù praticata dai mercanti musulmani del Nord dell’Africa. L’area è stata dichiarata patrimonio dell’umanità dall’UNESCO.
In serata, la danza del fuoco. Al centro del villaggio un grande fuoco illumina i volti dei partecipanti che inizialmente danzano al ritmo ipnotico dei tamburi prima di tuffarsi nelle braci ardenti. Raccolgono tizzoni incandescenti e li passano più volte sul corpo oltre che portarli alla bocca, quasi li dovessero ingoiare. Nessuna ferita e nessun segno di dolore compare sui volti dei danzatori. Si tratta di coraggio? Auto-suggestione? Magia? Difficile spiegare una tale performance.
Forse sono davvero i loro feticci che li proteggono dal fuoco.
Sistemazione all’Hotel Central o similare (camere con bagno e a/c).

8° giorno

Foresta pluviale: da Sokode a Kloto (290 km – 5 h) (B/L/D)

Trasferimento in direzione sud e sosta a Atakpame, una tipica cittadina africana costruita sulle colline, punto di convergenza dei prodotti provenienti dalla foresta limitrofa.
Lavorando abilmente su piccoli telai, gli uomini producono grandi tessuti dai colori vivaci, i kente.
Da Atakpame ci spostiamo verso la foresta pluviale che circonda Kpalime, cittadina dal ricco passato coloniale che oggi è divenuta importante centro di commercio. Visiteremo il mercato e il centro artigianale.
Passeggiata notturna alla scoperta della misteriosa foresta tropicale avvolta dalla magia dell’oscurità: la maestosità degli alberi, il suono dei tam-tam, l’eco dei richiami prodotti dagli animali…inoltre con la guida di un entomologo locale impareremo a riconoscere farfalle ed insetti endemici.
Sistemazione all’Auberge JP Nectar (camera con bagno privato).

9° giorno

Perle di vetro: da Kpalime a Akossombo (200 km – 5 h) (B/L/D)

Frontiera del Ghana. Ci spostiamo verso la Regione del Volta.
Il Tafi Atome, santuario delle scimmie, è stato creato nel 1993 per proteggere la comunità di scimmie sacre che vive nella limitrofa foresta. Le scimmie, nella tradizione del villaggio, sono considerate le porta-parole delle tartarughe. Entrambe, scimmie e tartarughe, sono considerate sacre dalla popolazione, che conserva questa tradizione da almeno 200 anni. Ci concederemo una piacevole passeggiata nella foresta accompagnati dalla guida locale che ci farà incontrare la grande comunità di scimmie Monas e Colobus.
La regione Krobo è famosa per la produzione di perline. Alcune delle quali sono per l’appunto chiamate “krobo” ed occupano uno spazio importante nelle migliori collezioni del mondo.
I Krobo producono ed usano le loro perline per feste d’iniziazione, per culti e per abbellimento estetico.
Visiteremo un atelier specializzato nella produzione artigianale di perline e seguiremo il processo di produzione!
Gli artigiani odierni seguono la stessa tecnica di produzione tradizionalmente usata da secoli. Frammenti di vecchi vetri vengono pestati e ridotti in sottilissima polvere, in seguito la stessa viene inserita in appositi stampi ricoperti di caolino. Le perle vengono poi cotte, decorate, lavate ed infine infiliate!
Sistemazione all’Afrikiko Resort o similare (camere con bagno e a/c).

10° giorno

Ashanti: da Akosombo a Kumasi (250 km – 5 h) (B/L/D)

Kumasi, capitale storica e spirituale dell’antico Regno Ashanti. Il popolo Ashanti fu uno dei regni più potenti dell’Africa fino alla fine del 19th sec., quando gli Inglesi decisero di annetterla alla loro colonia chiamata Gold Coast. Gli onori ancora oggi resi all’Asantehene (il Re) testimoniano del passato splendore e della potenza Ashanti. Oggi Kumasi, con circa 1 milione di abitanti, è una spumeggiante città con un fantastico mercato centrale, uno dei più grandi d’Africa. Ogni tipo di manufatto Ashanti (pelletteria, ceramiche, tessuti kente & adinkra) si trova qui, insieme a quasi tutti i tipi di frutta tropicale e verdura.
In agenda avremo una visita al centro culturale Ashanti che possiede una ricca collezione di manufatti collocati all’interno della riproduzione di una casa Ashanti. Nel pomeriggio, se in svolgimento, potremo assistere ad un tradizionale funerale Ashanti, durante il quale i partecipanti in segno di lutto indossano incantevoli toghe rosse o nere. Si tratta di un funerale a tutti gli effetti, ma dall’atmosfera molto gioiosa. Il deceduto è considerato ancora presente e parte della famiglia. Amici e parenti insieme socializzano e onorano la sua memoria. I capi, all’ombra di grandi parasoli colorati, partecipano a queste celebrazioni circondati da tutta la corte, dai ritmi dei tamburi e dai ballerini che danzano con movenze ricche di gestualità e simbolismo.
Sistemazione al Miklin Hotel o similare (camere con bagno e a/c).

11° giorno

I regni dell’oro: da Kumasi a Anomabu (250 km – 4 h) – GHANA (B/L/D)

In mattinata proseguiremo con la visita di Kumasi. Il Museo del Palazzo Reale ci aprirà le porte, con la sua collezione unica d’oggettistica ashanti. Nel pomeriggio ci dirigeremo verso la costa.
Sistemazione all’Anomabu Beach Resort o similare (camere con bagno e a/c).

12° giorno

I castelli della tratta: da Anomabu a Accra (180 km – 3 h) ( B/L/-)

Iniziamo la giornata con la visita al Castello di Elmina, il più antico in Africa. I portoghesi lo costruirono nel XV secolo. In passato fu usato in momenti diversi come base per il commercio dell’oro, dell’avorio ed infine per la tratta degli schiavi. Al di fuori delle mura si estende un meraviglioso villaggio di pescatori con il porticciolo sempre pieno di grandi e colorate piroghe. Ogni giorno, condotte da esperti pescatori che in questo modo ricavano la loro fonte di sostentamento, le piroghe affrontano il duro oceano. I vicoli della vecchia città sono immersi in un’atmosfera vivace che ci riporta al tempo in cui Elmina era una vivace cittadina coloniale. Nella città vecchia rivolgeremo la nostra attenzione ai “Posuban”, santuari delle società Asafo, dove i guerrieri ancora oggi usano fare offerte alle grandi.
In seguito raggiungeremo Accra. Tempo libero per gli ultimi acquisti.
In serata trasferimento in aeroporto e volo per la propria destinazione di rientro.
Alcune camere in day-use disponibili fino alle 18 (camere con bagno e a/c).
Partenza per l’Italia con voli di linea, secondo disponibilità (costo del biglietto non incluso nella quota base). Pasti e pernottamento a bordo.

13° giorno

Italia (-/-/-)

Arrivo a destinazione e termine dei servizi.

Quote per persona, a partire da:

Partenza Min. 2 Persone Min. 6 Persone
Doppia Supplemento singola Doppia Supplemento singola
7 Gennaio 2018 € 2.875 € 560 € 2.550 € 560

Note

Partenze garantite con minimo 2 partecipanti – massimo 16

HOTEL PREVISTI (o similari):

Accra: Accra City Hotel

Lome: Hotel Ibis

Ouidah: Hotel Casa del Papa

Dassa: Hotel Jeko

Natitingou: Hotel Tata Somba

Sokode: Hotel Central

Kloto: Auberge JP Nectar

Akossombo: Afrikiko Resort

Kumasi: Miklin Hotel

Anomabu: Anomabu Beach Resort

VISTO: Ghana & Togo – due entrate; Benin – entrata singola

VACCINAZIONI: Febbre gialla obbligatoria; profilassi antimalarica altamente raccomandata

PASTI: pranzi, picnic oppure nei ristoranti (menu turistici); cene nei ristoranti degli hotel (menu turistici)

BAGAGLIO: max 20 kg, sacche da viaggio non rigide

ASSICURAZIONE: obbligatoria per assistenza medica ed eventuale rimpatrio

MEZZI DI TRASPORTO: microbus e/o minibus e/o 4×4

Tutti i nostri viaggi sono studiati tenendo conto di una certa flessibilità che permetterà l’adattamento alle condizioni atmosferiche e agli interessi del gruppo, traendo vantaggio dalle opportunità che di volta in volta si presenteranno in loco.

In considerazione della particolare natura del viaggio, alcune visite potrebbero essere modificate per cause di forza maggiore e la decisione è ad insindacabile giudizio della guida. I costi derivanti da tali variazioni saranno a carico dei partecipanti. Ovviamente è responsabilità della guida fare sempre del suo meglio affinchè il programma aderisca all’originale.

Durante i valichi di frontiera potrebbero verificarsi dei ritardi, sarà necessario munirsi di pazienza durante l’espletamento delle formalità doganali.

Le quote potrebbero variare in caso di aumento dei costi dei servizi, indipendenti dalla volontà dell’organizzatore

 

 


La quota comprende

  • Assistenza all’aeroporto di Accra ( e Lomè) in arrivo e partenza
  • Trasferimenti e visite in minibus/microbus e/o veicoli 4×4
  • Guide locali (parlanti: inglese, francese, tedesco, italiano e spagnolo)
  • Tour e visite come da programma
  • Pass per festival
  • Pernottamenti in camere standard /capanne/tende, come da itinerario
  • Tutti i pasti come da progamma: B = prima colazione, L = pranzo, D = cena
  • Acqua minerale durante le visite
  • Ingressi ai parchi, concessioni, aree protette e siti di interesse culturale
  • Kit di pronto soccorso
  • Tutte le tasse locali
  • Kit da Viaggio
  • L’assicurazione per l’ assistenza medica, il rimpatrio sanitario ed il danneggiamento al bagaglio
  • La polizza Viaggi rischio Zero

La quota non comprende

  • I voli internazionali da/per Accra
  • I pasti e le bevande non previste in programma
  • Le escursioni facoltative e tutto ciò non evidenziato nella voce “la quota comprende”
  • Early check-in e Late check-out in hotel
  • Facchinaggio bagagli negli aeroporti e hotel
  • Le mance, gli extra di carattere personale, eccedenza bagaglio
  • Tasse aeroportuali soggette a variazione
  • Le bevande ove non espressamente menzionate
  • Escursioni e visite non menzionate
  • Visto d’entrata in Ghana
  • Spese di carattere personale
  • Quota d’iscrizione di 95 euro

Kpalime Kpalime precedentemente noto come Palimé, è una città nel sud-ovest del Togo situata a circa 120 km dalla capitale Lomé. È il “capoluogo” della prefettura di Kloto che conta circa 80.000 persone che lavorano principalmente nel commercio, nell’agricoltura e nel turismo. E’ ben posizionato sulla più alta cima del Togo, il Mont Agou e […]

Togo

Eventi e festività -Gadao Celebrata nella città centrale di Sokode, questa festa di tre giorni si svolge solitamente nel mese di marzo. Ogni giorno si svolgono diverse cerimonie: durante il primo giorno si ringraziano gli antenati per i loro raccolti; il secondo giorno, conosciuto come “la festa dei coltelli”, è uno spettacolo di potenza che risale al […]

Passaporto e visto Il passaporto è necessario, con validità residua di almeno sei mesi. Per le eventuali modifiche a tale norma, si consiglia di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata o il Consolato del Paese (se presenti in Italia o presso il proprio agente di viaggio) vedi in basso. Minorenni all’estero: si prega di consultare l’Approfondimento “Prima di […]

Fiabe, miti e leggende Lungo la costa di Benin e Togo si pratica Voodoo, una religione animista, che riunisce molti seguaci. Abbandonato dagli antenati, è ancora oggi praticato con fervore. L’esperienza religiosa è molto più ricca e più complessa di quanto gli occidentali possano immaginare. Queste pratiche voodoo non sono una forma di magia nera. […]

Togo

Sport Il 12 agosto 2008 Benjamin Boukpeti (nato da un padre togolo e da una madre francese) ha vinto una medaglia di bronzo nel K1 Kayak Slalom maschile, la prima medaglia vinta da un membro della squadra togolese alle Olimpiadi. Il calcio è lo sport più riconosciuto e nazionale del Togo. Dopo il seguito con […]

Letteratura La storia letteraria del Togo riflette un periodo di incertezza e divisione geografica arbitraria, come testimonia Félix Couchoro, eccellente autore di Dahomey-Togo-Benin, uno tra i primi autori africani del continente. Ha pubblicato diversi romanzi dal 1929, tuttavia la sua decisione di scrivere in francese non significava che fosse “un francofilo”. In disaccordo con la mentalità francese, Félix fu […]

Economia Il Togo è il 135esimo paese esportatore più grande al mondo e il 64esimo paese con l’economia più complessa secondo l’indice di complessità economica (ECI). Nel 2015 il Togo ha esportato $ 1.59B e ha importato $ 8.8B, con un saldo negativo di $ 7.21B. Nel 2015 il PIL del Togo è stato di $ 4.09B e […]

Togo

Cultura La cultura del Togo riflette le influenze dei suoi numerosi gruppi etnici, le più grandi e le più influenti sono la Mina, Tem, Tchamba e Kabre. Nonostante le influenze del cristianesimo e dell’Islam, oltre la metà della popolazione del Togo segue le pratiche e credenze animistiche naturali. La statua delle pecore è caratterizzata dalle sue […]

Togo è una nazione sub-sahariana tropicale, la cui economia dipende fortemente dall’agricoltura, con un clima che offre buone stagioni in crescita. Mentre la lingua ufficiale è il francese, molte altre lingue vengono parlate in Togo, in particolare quelle della famiglia Gbe. Il più grande gruppo religioso in Togo è costituito da coloro che hanno credenze […]

I popoli che abitavano queste terre erano i Kwa, Ewe,nel XIV secolo e l’Ane nel XVIII secolo. I danesi hanno rivendicato la terra nel 18 ° secolo, ma nel 1884 il Togo è stato istituito come una colonia tedesca (Togoland). L’area fu divisa tra gli inglesi e i francesi sotto la Lega delle Nazioni mandati dopo […]

Grande Accra Mercato di Makola (The Kojo Thompson Road): è il mercato aperto più interessante, pittoresco e colorato del continente, dove il visitatore può ammirare le abilità delle commercianti del Ghana. Il Du Bois Center (22, First Circular Road, Cantonment): è un luogo importante per tutte le persone del Pan African World. L’Università del Ghana, Legon (14 […]

Eventi e festività Festival di Bugum Di origine islamica, questa festività si svolge all’inizio di gennaio e spesso si celebra con processioni e balli festivi accompagnati da vibranti tamburi. Si osserva principalmente nel nord del Ghana dove la popolazione è per lo più musulmana. Edina Buronya Celebrato dal popolo Elmina, questa festa si svolge ogni […]

Ghana

Passaporto e visto Passaporto: obbligatorio, con validità residua di almeno sei mesi. Per le eventuali modifiche a tale norma si consiglia di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata o il Consolato del Paese presente in Italia o presso il proprio Agente di viaggio. Il Ministero degli Affari Esteri del Ghana ha disposto che tutti coloro che giungeranno […]

Sport Il calcio è lo sport più popolare del paese. La nazionale maschile è conosciuta come Black Stars, gli under 20 come Black Satellites, gli under 17 come Black Starlets, mentre la nazionale olimpica è conosciuta come Black Meteors. Hanno partecipato a molti campionati, tra cui la Coppa delle Nazioni Africane, la Coppa del Mondo FIFA e […]

Letteratura Gli autori più importanti di Ghana sono romanzieri: JE Casely Hayford, Ayi Kwei Armah e Nii Ayikwei Parkes, che hanno ottenuto un riconoscimento internazionale con i loro libri, Ethiopia Unbound (1911), The Beautyful Ones Are Not Yet Born (1968) e Tail of the Blue Bird (2009). Oltre ai romanzi, anche il teatro e la poesia […]

Accra

Economia Il Ghana è un paese mediamente ricco di risorse naturali come minerali industriali, idrocarburi e metalli preziosi. È un’economia digitale emergente con una crescita del PIL del 8,7% nel 2012. L’obiettivo del piano economico, noto come “Ghana Vision 2020”, prevede che il Ghana sia il primo paese africano a diventare un paese sviluppato tra […]

Cultura Il Ghana è un paese di 24,6 milioni di persone, composto da decine di gruppi etnici nativi, come: gli Akans nel centro e nel sud del paese; i Ga-Adangbe, intorno e ad est di Accra; i Guang nella foresta pluviale; i Dagombas, i Mamprusi e le popolazioni del Nord; i Gurunsi nel Nord Est e i Gonjas nella regione […]

La sua diversa geografia e ecologia spazia dalla savana costiera alla giungla tropicale. Il clima del Ghana è tropicale. La costa orientale è calda e relativamente asciutta, l’angolo sud-occidentale del Ghana è caldo e umido, e il nord del Ghana è caldo e secco. Il Ghana si trova sul Golfo di Guinea, solo alcuni gradi […]

tour della Costa d'Avorio

Poco si conosce sui piccoli regni africani nella regione tra i fiumi Tano e Volta fino all’arrivo degli europei nel XV secolo. I navigatori portoghesi, che lavorano lungo la costa africana occidentale, raggiungono questa zona nel 1471 e costruiscono una fortezza a Elmina nel 1482. Già nel 1492 un pirata francese priva una nave portoghese del […]

Ouidah Scritto “WHYDAH” nei libri di storia in inglese, è la “città museo”. E’ evocativo della penetrazione europea con i suoi le sue antiche stazioni commerciali o fortificazioni portoghesi, inglesi, danesi e francesi. Si possono vedere i resti dell’antico porto in cui gli schiavi venivano imbarcati e spediti nelle Americhe. Abomey Conosciuta come “Città Reale”, […]

Eventi e festività 1 gennaio: giorno di Capodanno Lunedi di Pasqua Ascensione 1 maggio lunedì di Pentecoste 1 agosto: Giornata nazionale 15 agosto: Giorno Assunzione 1 novembre: Giorno di tutti i Santi 25 dicembre: Giorno di Natale Ramadan Ad-el-FLTR Maouloud Attività -Safari Mentre la maggior parte dell’Africa è conosciuta per gli animali, specialmente i Big […]

Passaporto e visto Passaporto: necessario. Per le eventuali modifiche relative alla validità residua richiesta del passaporto si consiglia di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata o il Consolato del Paese presente in Italia o presso il proprio Agente di viaggio. Viaggi all’estero dei minori: si prega di consultare l’Approfondimento: “Prima di partire – documenti per viaggi all’estero […]

Fiabe, miti e leggende Scalzo, saltai su un cumulo in putrefazione di candela, olio di palma e piume e sangue di capre e polli sacrificati. Ero pronto a parlare con lo spirito Dankoli. In una radura ombreggiata del bosco davanti al feticcio di un albero carbonizzato, ornato di mascelle, ho martellato un piolo di legno nel santuario […]

Benin

Sport Il calcio è generalmente considerato lo sport più popolare in Benin. Tuttavia, negli ultimi 5 anni, il baseball ha iniziato a diffondersi nel paese.   Gastronomia La cucina beninese è conosciuta in Africa per i suoi ingredienti esotici e per i piatti saporiti. La cucina beninese include piatti freschi serviti con una varietà di salse. […]

viaggio in Benin

Letteratura Il tasso di alfabetizzazione in Benin è tra i più bassi del mondo: nel 2015 è stato stimato il 38,4% (49,9% per i maschi e 27,3% per le femmine). Anche se in passato il sistema scolastico non era gratuito, il Benin ha abolito le tasse scolastiche e l’attuazione delle raccomandazioni dell’Educational Forum del 2007 ha […]

Cultura La letteratura Beninese aveva una forte tradizione orale molto tempo prima che il francese diventasse la lingua dominante. Félix Couchoro scrisse il primo romanzo Beninese, L’Esclave, nel 1929. Dopo l’indipendenza, il paese ospitava una scena musicale vibrante e innovativa, dove la musica popolare nativa si combinava con quella dell’altipiano ghanese, il cabaret francese, il […]

Economia L’economia del Benin dipende dall’agricoltura di sussistenza, dalla produzione di cotone e dal commercio regionale. Il cotone rappresenta il 40% del PIL e circa l’80% delle entrate ufficiali dell’esportazione. La crescita della produzione reale è stata mediamente intorno al 5% negli ultimi sette anni, ma la rapida crescita della popolazione ha compensato gran parte […]

Il Benin mostra piccole variazioni di altitudine e può essere suddiviso in quattro aree da sud a nord, a partire dalla pianura costiera e sabbiosa (altezza massima 10 m), che è al massimo 10 km di larghezza. È paludoso e punteggiato di laghi e lagune che comunicano con l’oceano. Dietro la costa si trovano gli […]

La storia del Benin è una successione di diversi regni, è la sede di Dahomey, uno dei grandi regni africani medievali. Tre sono stati i regni principali (creati dal Fon). Quello di Allada, fondato nel XVI secolo, è stato il regno più potente di Ajaland prima che cadesse con gli eserciti di Dahomey (Abomey), il Regno di Abomey, […]


Cerca l'agenzia più vicina a te

Altri viaggi che potrebbero interessarti
Articoli che potrebbero piacerti

Alla scoperta di uno dei luoghi simboli del Benin: i palazzi reali di Abomey.

Sapevate che in Benin la tartaruga è particolarmente apprezzata? Ecco il motivo!

I nostri Tour Operator al tuo servizio per la tua esperienza di viaggio senza confini. Clicca e parti.

I nostri cluster: realizza il sogno di un viaggio per le tue esigenze e passioni. Clicca e parti.

Semplifichiamo la pianificazione e la realizzazione di un viaggio di lavoro o per affari. Clicca e parti.

Per il mondo delle agenzie di viaggio. Clicca e fai business con Go World.

Per chi ama i social media. Clicca e sogna il tuo prossimo viaggio.

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: Procedendo con la compilazione e con l'invio di questo modulo, Lei acconsente al trattamento dei dati personali da Lei forniti per la finalità e nei limiti indicati nell'informativa privacy del sito, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Go Australia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02116980422 R.E.A. AN 162472
Capitale Sociale € 30.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
ASTOI Fondo di Garanzia ASTOI