https://www.goafrique.it?p=29187
per informazioni: Go Australia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
Tel. 071 2089301 - [email protected]

Sudan: Il regno dei faraoni neri – Da Meroe

Un viaggio che permette di visitare un paese poco conosciuto, ai primordi del turismo, ma di straordinario interesse e con la comodità delle strutture previste: la Nubian Rest-House di Karima ed il Campo Tendato di Meroe con servizi privati. Strutture eleganti e molto confortevoli, con gestione italiana. Un viaggio che attraversa le regioni del Nord del Sudan, la “Nubia”, con ottime vetture 4×4 in piccoli gruppi condotti da guide di lingua italiana o italiane con una lunga esperienza nel paese e un’ottima conoscenza dell’archeologia. Vestigia archeologiche uniche: le piramidi della Necropoli Reale di Meroe, i templi di Naga e Musawwarat, (tutti siti Unesco) le tombe sotterranee policrome di El Kurru, i templi alla base del Jebel Barkal la montagna sacra, (sito Unesco). Siti spettacolari e sorprendenti, che si gustano senza la presenza di folle di turisti. Ma anche gli splendidi villaggi nubiani nei pressi del suggestivo sito cristiano di Old Dongola e i semplici mercati frequentati dalle popolazioni sedentarie e dai nomadi. Un paese tormentato, nelle sue regioni periferiche da instabilità e tensioni sociali, ma tranquillissimo e sicuro nelle regioni lungo il Nilo, dove si sviluppa questo itinerario. La  guida di lingua italiana è esperta. E’ possibile abbinare (al termine del tour) l’estensione facoltativa per la visita della terza cateratta sul Nilo con due pernottamenti in semplici ma confortevoli case tipiche case nubiane o al campo tendato fisso.

Partenze garantite min 2 / max 16 partecipanti con guida in Italiano/Spagnolo

Voli di linea Turkish Airlines

1° giorno

Italia - Khartoum ( -/-/-)

Partenza dall’Italia per Khartoum con voli di linea, secondo disponibilità. All’arrivo incontro con lo staff locale e trasferimento in hotel. Sistemazione e pernottamento.

2° giorno

Khartoum e Omdurman (B/L/-)

Prima colazione in hotel. Iniziamo la visita di Khartoum percorrendo il verdissimo viale lungo il Nilo Azzurro, costeggiando il Palazzo Presidenziale ex-Palazzo del Governatore Anglo-Egiziano dove, dopo un lungo assedio da parte delle forze mahadiste, nel 1885 venne decapitato il Generale Gordon. Poi si attraversa il Nilo nel punto di confluenza tra Nilo Bianco e Nilo Azzurro per raggiungere Omdurman l’antica capitale del Sudan situata di fronte a Khartoum sulla sponda sinistra (ovest) del Grande Fiume. Qui visitiamo la tomba del Mahdi (solo dall’eseterno) e l’interessante museo a lui dedicato che si sviluppa all’interno di una casa tradizionale sudanese dei primi del secolo scorso, la casa del Khalifa. Questo personaggio, mitico ancora oggi, fu un condottiero che alla fine del secolo scorso riuscì ad unire attorno a sè, sulla base di un fanatismo religioso molto spinto, tutte le tribù della parte nord del Sudan per combattere il potere anglo-egiziano. Passeggiata nel mercato di Omdurman, uno dei più grandi dell’Africa e sicuramente uno dei più belli. Centinaia di negozietti e bancarelle tra vicoli affollatissimi di persone, un tripudio di colori, odori e situazioni. Continuiamo con la visita dell’interessante Museo Archeologico che contiene numerosi oggetti a partire dal periodo preistorico fino al periodo egizio e meroitico.Antichissime ceramiche, statue in granito, bassorilievi, sarcofagi, gioielli ritrovati grazie alle numerose missioni archeologiche, ecc. Al primo piano una splendida collezione di affreschi di tema cristiano recuperati dalla cattedrale di Faras, localizzata nel nord. Nella parte esterna del Museo si trovano tre interi templi (Semna Est, Semna Ovest, Buhen) salvati dalle sponde del Nilo, quando si creò il lago Nasser, e trasportati qui dall’Unesco negli anni ’60 del secolo scorso. Breve gita in barca per vedere la confluenza tra il Nilo Bianco e il Nilo Azzurro, poi pranzo in un ristorante locale. Nel tardo pomeriggio, ci dirigiamo nel cimitero di Ahmed al Nil per assistere alla Cerimonia del Dervishi (Solo il Venerdì). Questa “setta” di puri dell’Islam, generalmente sono vestiti in verde, il colore dell’Islam, si muovono e, a volte ruotano su se stessi, seguendo il ritmo dei tamburi e dai canti della folla che li circonda. Una situazione veramente unica e molto coinvolgente. (per alcune date di partenza la partecipazione alla cerimonia dei Dervishi potrebbero essere spostate all’ultimo giorno). Pranzo in ristorante locale, cena libera e pernottamento in hotel.

3° giorno

Khartoum – Templi di Naga e Mussawarat – Meroe, circa 270 km (B/L/D)

Dopo la prima colazione, partenza con gli automezzi 4x4 in direzione nord. Dopo circa 160 km, si lascia quindi la strada asfaltata e seguendo una bella pista si raggiunge la località di Naga a circa 30 km ad Est del Nilo. Questo è uno dei centri che si svilupparono durante il periodo meroitico. A Naga, in un ambiente tipicamente sahariano di rocce e sabbia, si trova il tempio di Apedemak (I° sec. d.C.): una magnifica costruzione decorata a bassorilievi con l'immagine del dio con la testa di leone, del faraone e della nobiltà e varie rappresentazioni rituali del dio Apedemak. A poche decine di metri si trova una piccola e strana costruzione ad archi e colonne: il "chiosco", in cui appaiono contemporaneamente gli stili egizio, romano e greco. Poi il tempio di Amon, con un viale di arieti e numerosi portali decorati. A Mussawarat, non lontano da Naga, l’insediamento era posto in una bella vallata circondata da colline. Oggi sono visibili i resti di un vastissimo complesso: il “Grande recinto” che ebbe un’importanza eccezionale. La sua caratteristica principale è di essere formata da numerose costruzioni e muri perimetrali che circondano un tempio costruito nel I° sec. d.C. o poco prima. La quantità di elefanti rappresentati su queste mura fa pensare che questo animale avesse un ruolo di primo piano. Al di là del grande wadi si trova poi un altro tempio dedicato al dio Apedemak che è stato ristrutturato da una missione archeologica tedesca. Pic-nic sotto le acacie. Si ritorna sulla strada asfaltata e si prosegue verso Nord fino a quando vedremo svettare su di una collina le moltissime piramidi della Necropoli Reale di Meroe. Arrivo al Campo Tendato di Meroe. Cena e pernottamento.

4° giorno

Meroe (B/L/D)

La Necropoli Reale di Meroe si trova a circa 3 chilometri dal Nilo su dolci rilievi ricoperti di piccole dune di sabbia giallo-ocra. Oltre 40 piramidi, alcune perfettamente conservate, svettano con la loro forma aguzza verso il cielo terso in un ambiente particolarmente suggestivo. Le piccole cappelle votive poste di fronte alle piramidi presentano le pareti decorate con bassorilievi che mostrano episodi della vita del Faraone ed immagini delle divinità. La necropoli fu utilizzata fra il 400 a.C. ed il 400 d.C. nel periodo di maggior splendore della civiltà meroitica. A differenza delle piramidi egizie le camere mortuarie non si trovano all’interno della piramide, ma sottoterra, la piramide era semplicemente un monumento funerario. Dopo la visita archeologica andremo al piccolo villaggio di Kabushia per entrare in contatto con la vita rurale. In seguito faremo una breve sosta alla scuola Tarabil. Rientro al campo tendato per il pranzo. Nel pomeriggio ci si sposta verso il Nilo per visitare i resti della Città Reale: gli scavi hanno confermato che occupava una grande area con una zona centrale circondata da sobborghi e da una cinta di mura. La maggior parte del terreno occupato dalla città, che è formato da molte collinette ricoperte di frammenti di ceramica rossa, attende ancora di essere scavata. Le poche vestigia sottratte fino ad oggi alla morsa della sabbia ci mostrano però la vastità degli edifici di cui la città era costituita. Interessante anche i “bagni”, una piscina che veniva riempita con l’acqua del Nilo, riservata ai nobili e con numerose decorazioni in stucco. (attualmente i bagni reali sono chiusi al pubblico per permettere agli archeologi tedeschi di restaurarli e approfondire gli scavi). Cena e notte al Campo Tendato.

5° giorno

Meroe – Deserto del Bayuda – Karima, circa 380 km (B/L/D)

Dopo la prima colazione al campo si parte verso Nord per una tappa di viaggio piuttosto lunga, ma che permette di ammirare paesaggi spettacolari. Si attraversa il Nilo su un vecchio ponton, traghetto locale. L'attesa del traghetto e l'attraversamento del fiume sono momenti molto interessanti che permettono di venire a contatto con la gente del luogo e di sperimentare la loro gentilezza ed ospitalità. Sull’altra sponda del fiume ci troviamo nel Deserto del Bayuda, area delimitata dall'ansa descritta dal Nilo fra la Sesta e la Quarta Cateratta, nuovamente un ambiente diverso, per le forme e per i colori. Lasciamo il Nilo e ci inoltriamo nel deserto per dirigerci in direzione Nord-Ovest fuori pista attraversando zone pianeggianti, caratterizzate da alcune isolate montagne coniche e aree di piccole dune di sabbia gialla intercalate e isolate acacie ombrellifere Probabile è l’incontro di popolazioni nomadi con le loro carovane di cammelli e mandrie di ovini ai pozzi dove raccolgono l’acqua per abbeverare gli animali, una scena di altri tempi. La parte centrale del Bayuda è caratterizzata da aspre montagne basaltiche nere, molte delle quali di origine vulcanica e dalla tipica forma tronco-conica. Percorriamo poi la vallata di Wadi Abu Dom dove sono presenti vari insediamenti di nomadi Bisharin. Arrivo alla cittadina di Merowe. Attraverseremo nuovamente il Nilo raggiungendo la piccola cittadina di Karima. Sistemazione nella nostra Nubian Rest-House di Karima, cena e pernottamento.

6° giorno

Karima: Jebel Barkal e la tomba di El Kurru (B/L/D)

Prima colazione in hotel. Punto di riferimento nel deserto nubiano, il Jebel Barkal ("Jebel" in arabo significa montagna), può essere visto da qualche decina di chilometri di distanza quando si è ancora in pieno deserto. Ai piedi di questa splendida montagna isolata di arenaria rossa dalle pareti strapiombanti e che fin dall'antichità era considerata sacra, si trova il grande tempio, dedicato dai faraoni del Nuovo Regno al loro protettore Amon. L’antica “Montagna Pura” di Amon, l’Olimpo dei nubiani rimase per oltre 1000 anni il cuore religioso della Nubia. Oltre ai resti del grande tempio che comprende il Dromos decorato da numerosi arieti scolpiti in granito, ci sono altri resti di templi più piccoli e antichi palazzi reali. Scavata nella parete alla base della montagna si trova un santuario dedicata alla Dea Mut, sposa reale del Dio Amon con alcune stanze decorata con splendidi bassorilievi. A Nord del Jebel si ergono in pieno deserto alcune piramidi dal profili molto slanciati, tombe di una dinastia kushita probabilmente parallela a quella ufficiale. A Nord del Jebel si ergono in pieno deserto alcune piramidi dal profili molto slanciato, tombe di una dinastia kushita probabilmente parallela a quella ufficiale. Le necropoli reali dell'antica città di Napata, capitale della Nubia (dal 740 al 350 a.C.) prima del periodo meroitico, contavano numerosissime piramidi in tre differenti località: poche centinaia di metri a Nord del Jebel Barkal, a El Kurru, una decina di chilometri a Sud della montagna ed a Nuri, che si trova sull’altra sponda del Nilo. Ci si sposta poi a sud fino al villaggio di El Kurru dove si trova una delle antiche necropoli. Qui si può visitare una delle due tombe scavate nella roccia, sottostanti a piramidi in parte crollate e completamente decorate con rappresentazioni del faraone, delle divinità e con iscrizioni geroglifiche policrome.
Si prosegue poi con una breve puntata nel deserto nubiano per visitare una foresta pietrificata: resti di tronchi fossili, alcuni lunghi svariati metri, giacciono sul terreno da milioni di anni. Ritorno a Karima. Al termine delle visite ritorno alla Rest-House di Karima, cena e pernottamento.

7° giorno

Karima–Old Dongola-Villaggi Nubiani –Karima, circa 340 km (B/L/D)

Prima colazione. Partenza per il villaggio di El Kurru dove dove è situata una delle necropoli dell'antica capitale, Napata. Qui possiamo visitare una delle due tombe, scavate nella roccia sotto le piramidi - parzialmente crollate - e completamente decorate con immagini del faraone, degli dei e iscrizioni di geroglifici multicolori. Non lontano da qui c'è un’interessante antica foresta con centinaia di enormi tronchi.
Punto di riferimento nel deserto della Nubia, Jebel Barkal "Jebel" (significa montagna in arabo), è visibile da poche decine di chilometri mentre ci si trova ancora nel deserto aperto. Ai piedi di questa meravigliosa e isolata montagna di arenaria rossa, considerata sacra sin dall'antichità, c'è un grande tempio, dedicato ai faraoni del Nuovo Regno e al loro protettore, Amon. L'antica "Montagna Pura" di Amon, l'Olimpo dei Nubiani, è stato il cuore religioso nubiano per più di 1000 anni. Oltre alle rovine del grande tempio ci sono ancora diverse rocce in granito scolpito che avrebbero dovuto costeggiare un lungo viale che probabilmente conduceva al molo sul Nilo. Una parete della montagna è decorata con bassorilievo. I siti archeologici di Jebel Barkal sono nella lista del Patrimonio Mondiale UNESCO. Al termine ritorniamo alla Rest House di Karima, cena e pernottamento.

8° giorno

Karima: escursione in barca sul Nilo e la necropoli di Nuri (B/L/D)

Dopo la prima colazione breve visita al mercato di Karima con l’opportunità di sorseggiare un “chai” (thè), un “gawa” (caffè) o un karkadè in un tipico bar locale. Con le auto si segue il fiume verso nord per raggiungere il punto dove si sale a bordo di una semplice imbarcazione locale per iniziare una piacevole navigazione sul Nilo a valle della diga di Merowe che nel 2009 ha dato origine alla formazione di un vasto lago artificiale sommergendo, purtroppo, buona parte delle formazioni granitiche della Quarta Cateratta. A valle della diga sono rimaste comunque delle belle formazioni rocciose, levigate dallo scorrere continuo dell’acqua, che si alternano a lingue di sabbia argentata, ciuffi di papiri, e isolotti con campi coltivati. Frequente l’avvistamento di varani del Nilo e di una numerosa avifauna. Piacevolissimi gli incontri con i contadini che lavorano nei piccoli campi sulle isole e che mostrano sempre una grande gentilezza nei confronti degli stranieri. Pic-nic su un’isola nel mezzo del fiume, oppure ritorno alla Nubian Rest house per il pranzo. Nel pomeriggio si prosegue con la visita delle Piramidi di Nuri, la più importante delle necropoli di Napata, l’antica capitale dei Faraoni Neri, ove furono sepolti tutti i faraoni sino al IV secolo a.C. a partire dal grande re Taharqa ed ad eccezione del suo successore: Tawentamani (sepolto ad El Kurru). Ritorno alla Rest-House di Karima, cena e pernottamento.

9° giorno

Karima –Khartoum, circa 400km (B/L/-)

Iniziamo il nostro viaggio di rientro a Khartoum procedendo in direzione sud attraverso la vallata di Wadi Muqaddam, lungo una strada asfaltata nel deserto, in un paesaggio arido e piatto dove lo sguardo spazia a 360°. Picnic “on the road” in una “chai house”, letteralmente le case del thè, che sono semplicemente delle specie di “autogrill”, molto spartane, in pieno deserto dove si fermano abitualmente i camionisti locali. A metà pomeriggio raggiungiamo Khartoum Nord per assistere alle lotte Nuba. Si tratta delle lotte tradizionali del popolo Nuba che vive sui monti Nuba a circa 300 km a sud di Khartoum. In città c’è una consistente comunità di questo popolo che mantiene le tradizioni. In una piccola arena dal fondo di sabbia, possenti ragazzi con dei fisici straordinari si sfidano in un incontro di lotta libera. Bellissimo il pubblico locale che incita i suoi beniamini. Al termine raggiungiamo l’hotel dove le camere sono disponibili fino alle 21,00. Cena libera e in tarda serata trasferimento in aeroporto.

10° giorno

Khartoum - Italia (-/-/-)

Partenza per l’Italia con volo di linea.

Quote per persona, a partire da:

PartenzaHotel 5* a KhartoumHotel 4* a Khartoum
DoppiaSupplemento singolaDoppiaSupplemento singola
Dal 29 Ottobre 2020 al 19 Novembre 2020€ 3.480€ 930€ 3.270€ 730
3 Dicembre 2020€ 3.380€ 930€ 3.170€ 730
26 Dicembre 2020€ 3.640€ 930€ 3.430€ 730
28 Gennaio 2021€ 3.480€ 930€ 3.270€ 730

Note

Partenze 2020:

  • 29 ottobre
  • 19 novembre
  • 03 dicembre
  • 26 dicembre

 

Partenze 2021:

  • 28 gennaio

 

HOTEL PREVISTI (o similari):

  • Khartoum: Hotel Corinthia 5* o Hotel Grand Holiday Villa 4*
  • Meroe: Meroe Camp
  • Karima: Karima Nubian Rest House
  • Tombos: Campo Tendato (estensione post-tour)

 

DA PAGARE IN LOCO € 260,00 PER:

  • Ingressi ai musei e ai siti archeologici
  • Registrazione passaporto

 

NOTA: Il circuito può essere effettuato in senso opposto senza alterare minimamente le caratteristiche dell’itinerario e delle visite alle località archeologiche.

La giornata dedicata alla visita di Khartoum potrà essere all’inizio o alla fine del viaggio. Di conseguenza le due manifestazioni previste “danze dei Dervisci” e “lotta dei Nuba” potranno essere effettuate all’inizio del viaggio o all’ultimo giorno. Il giro città di Khartoum può subire modifiche sulla base degli orari di apertura dei musei e della viabilità.

 

Importante:

  • VACCINAZIONI: Febbre gialla obbligatoria; profilassi antimalarica altamente raccomandata
  • PASTI: pranzi, picnic oppure nei ristoranti (menu turistici); cene nei ristoranti degli hotel (menu turistici)
  • ASSICURAZIONE: obbligatoria per assistenza medica ed eventuale rimpatrio
  • Tutti i nostri viaggi sono studiati tenendo conto di una certa flessibilità che permetterà l’adattamento alle condizioni atmosferiche e agli interessi del gruppo, traendo vantaggio dalle opportunità che di volta in volta si presenteranno in loco.
  • In considerazione della particolare natura del viaggio, alcune visite potrebbero essere modificate per cause di forza maggiore e la decisione è ad insindacabile giudizio della guida. I costi derivanti da tali variazioni saranno a carico dei partecipanti. Ovviamente è responsabilità della guida fare sempre del suo meglio affinchè il programma aderisca all’originale.
  • L’itinerario può essere rovesciato senza modificare il contenuto del programma
  • Le quote potrebbero variare in caso di aumento dei costi dei servizi, indipendenti dalla volontà dell’organizzatore
  • Passaporto con validità minima di sei mesi e due pagine libere affiancate. Non deve contenere visti di Israele. Il visto è necessario da richiedersi presso l’Ambasciata del Sudan a Roma, Via Prati della Farnesina, 57 – tel. 0633222138 – fax 063340841. La durata del visto può essere prolungata, in loco a pagamento, fino ad un massimo di tre mesi. Lo straniero, (titolare di passaporto ordinario) è tenuto a dichiarare la sua presenza all’autorità competente (Alien Registration Office) entro tre giorni dal suo ingresso nel Paese – questo servizio è incluso nella quota di € 260,00 da pagare all’arrivo in Sudan alla guida.

La quota comprende

  • I voli internazionali Turkish Airlines in classe economica
  • Accoglienza e trasferimento privato aeroporto hotel
  • 2 pernottamenti in Khartoum all’hotel Corinthia 5* in BB o Hotel Grand Holiday Villa 4* in BB
  • Camere in day use fino alle 21.00 l’ultimo giorno
  • 2 pernottamenti al campo tendato di Meroe in FB
  • 4 pernottamenti alla Nubian Rest-House di Karima in FB
  • Acqua minerale durante il viaggio fuori Khartoum
  • Trasporto con Toyota Land Cruiser o Toyota Hilux (o simili) massimo 4 persone per auto.
  • Escursione in barca sul Nilo
  • Accompagnatore–guida di lingua italiana per minimo 4 persone (in inglese base 2 – guida italiana se disponibile)
  • Staff sudanese
  • Tutte le tasse locali
  • Kit da viaggio GoWorld (zaino, volumi fotografici, porta abiti/trolley – secondo importo pratica)
  • L’assicurazione per l’assistenza medica (sino ad € 15.000), il rimpatrio sanitario ed il danneggiamento al bagaglio (sino ad € 1.000), con possibilità di integrazione

La quota non comprende

  • I pasti e le bevande non previste in programma
  • Early check-in e Late check-out in hotel
  • Facchinaggio bagagli negli aeroporti e hotel
  • Le mance, gli extra di carattere personale, eccedenza bagaglio
  • Tasse aeroportuali soggette a variazione
  • Le bevande ove non espressamente menzionate
  • Escursioni e visite non menzionate
  • Visto d’entrata in Sudan, costo di ca. € 120,00 per persona
  • Spese di carattere personale
  • Assicurazione integrativa annullamento viaggio
  • Assicurazione integrativa medico-bagaglio OPZ A: massimale spese mediche fino a 55.000 euro / bagaglio fino a 1.500 euro
  • Assicurazione integrativa medico-bagaglio OPZ B: massimale spese mediche fino a 155.000 euro / bagaglio fino a 1.500 euro
  • Assicurazione integrativa medico-bagaglio OPZ C: massimale spese mediche fino a 265.000 euro / bagaglio fino a 1.500 euro
  • Assicurazione integrativa GLOBY ROSSA
  • Quanto altro non espressamente indicato nella quota comprende od altrove nel programma
  • Tasse Aeroportuali € 310
  • Quota d’iscrizione € 95

ESTENSIONE POST-TOUR TOMBOS:

  • Quota per persona in camera doppia: € 980
  • Supplemento singola: € 145

 

  • QUOTE SU RICHIESTA PER PARTENZE IN ESCLUSIVA MIN 2 – 3 – 4 PARTECIPANTI

 

ESTENSIONE TOMBOS:

9° giorno,             Karima –  Dongola –  Tempio Soleb – Tombos   (420km)    (B/L/D)

Si parte verso Nord, percorrendo la strada asfaltata che attraversa l’ansa del Nilo ed il deserto Nubiano. Si raggiungere il Nilo proprio di fronte alla cittadina di Dongola, la più  importante del Sudan del Nord. Dopo aver attraversato il Nilo con il ponte si prosegue ancora verso Nord, sul lato Ovest del fiume, percorrendo la nuova strada asfaltata che arriva fino alla frontiera con l’Egitto. La strada si trova lontano dal fiume e attraversa una bella zona di formazioni di granito caratterizzata da rocce tonde sovrapposte le une alle altre; sono le formazioni rocciose che sul Nilo creano la Terza Cateratta. Raggiungiamo e quindi visitiamo il tempio di Soleb che è considerato il più bel monumento egizio di tutto il Sudan. Questo tempio è la testimonianza maggiore della grandezza raggiunta dei faraoni del Nuovo Regno in Nubia e centro della colonia egizia. La sua storia è lunga, complessa e affascinante. Dopo la visita lasciamo Soleb e percorrendo una pista nel deserto che passa tra pianure sabbiose e isolate montagne raggiungiamo il Nilo nei pressi del villaggio di Delgo. Con un semplice traghetto attraversiamo il fiume. L’attraversamento del Nilo è un bel momento di incontro con la gente del luogo. Continuando ancora a Sud raggiungiamo il villaggio di Tombos collocato tra i massi della Terza Cateratta. Questo “confine” naturale e politico, era evidenziato con incisioni rupestri proprio sulle sponde del Nilo che si visiteranno con una breve passeggiata. A Tombos si trovano anche le antiche cave di granito utilizzate per la costruzione della maggior parte delle statue della Nubia. Tra questi massi si trova una statua del Re Taharqa, abbandonata da oltre 2800 anni in quanto probabilmente danneggiata in fase di lavorazione. Cena e pernottamento in campo tendato pre-allestito tra le rocce della 3a Cateratta. Il campo pre-allestito è strutturato con tende alte 1,80 cm /2 mt e dotate di due lettini da campo (con materasso, coperte, lenzuola e cuscino) e 1 tavolino con torcia elettrica e sapone. Queste tende sono utilizzate per 2 persone o ad uso singolo. Ci sono alcune docce e alcune toilette da condividere tra gli ospiti e una comoda tenda ristorante per le colazioni e le cene.

Cena e pernottamento in campo tendato che viene preallestito all’inizio della stagione tra le spettacolari rocce granitiche che caratterizzano la zona della 3a Cateratta, una vera esperienza di deserto con un ottimo confort.

 

Il campo, completamente ecosostenibile (sono utilizzate solo luci con pannelli solari), è strutturato con tende alte 2 m della dimensione di 3×3 m, con stuoie sul pavimento e dotate di due lettini da campo con coperte e lenzuola e tavolini. Sono utilizzate per 2 persone o in singola. Di fronte alla tende due sedie tipo regista e due porta bacinelle che al mattino lo staff riempie con acqua calda. Alcune docce e alcune toilette sono a disposizione degli ospiti. Una tenda ristorante per le colazioni e le cene.

 

10° giorno,           Tombos –  Wadi Sebu –  Isola Sai –  Tombos, circa 310km    (B/L/D)

Si parte verso Nord percorrendo la strada asfaltata, raggiungiamo le formazioni granitiche della Terza Cataratta che in tempi antichi erano il terzo grande ostacolo incontrato dagli invasori Egizi. Dall’alto di una fortificazione di origine turca, si ha una bella visione delle rapide del Nilo. Si raggiunge poi Wadi Sebu, sempre sulla riva destra del Nilo e si visita una delle zone più ricche di incisioni rupestri di tutto il Sudan con centinaia d’immagini dai tempi preistorici, con rappresentazioni di animali come giraffe ed elefanti, al periodo egizio con immagini di barche. Dopo le visite, proseguiamo ancora verso nord e raggiungiamo il villaggio di Abri. Con una barca a motore e una breve “crociera” sul Nilo, dove è possibile avvistare qualche coccodrillo, raggiungiamo l’interessante Isola di Sai. In passato fu un luogo particolarmente importante per la sua posizione strategica. Sull’isola infatti si trovano numerosi siti archeologici: una necropoli della cultura di Kerma, le rovine di un tempio Egizio, i resti di insediamenti cristiani e le rovine di un grande Forte Turco. Esploreremo l’isola spostandoci per pochi chilometri con semplici vetture pick-up seduti sul cassone posteriore. Ritornati sulla sponda orientale del Nilo e ci dirigiamo a Sud. Ritorno al campo tendato, cena e pernottamento.

 

11° giorno,           Tombos – Kerma – Villaggi Nubiani – Deserto Nubiano – Karima  (B/L/D)

Il nostro percorso prosegue oggi verso Sud alla volta di Kerma. Si percorre una strada che corre tra i villaggi nubiani dove alcune case presentano degli ingressi con porte decorate e tengono otri di acqua fresca a disposizione dei viandanti. Visita del sito archeologico dove si possono vedere i resti di una civiltà predinastica e il “defuffa” una misteriosa costruzione in mattoni crudi dal significato sconosciuto. Si visita poi il Museo di Kerma dove si ammirano le sette belle statue di re nubiani scoperti pochi anni fa dalla missione archeologica dell’Università di Ginevra.

Ci si dirige ancora a Sud per ritornare a Karima. Cena e pernottamento alla Nubian Rest-House.

 

12° giorno,           Karima – Khartoum, circa 400 km    (B/L/-)

Iniziamo il nostro viaggio di rientro a Khartoum procedendo in direzione sud attraverso la vallata di Wadi Muqaddam, lungo una strada asfaltata nel deserto, in un paesaggio arido e piatto dove lo sguardo spazia a 360°. Picnic “on the road” in una “chai house”, letteralmente le case del thè, che sono semplicemente delle specie di “autogrill”, molto spartane, in pieno deserto dove si fermano abitualmente i camionisti locali. Arrivo nel pomeriggio a Khartoum, dove si potrà effettuare anche qualche acquisto di artigianato locale se il gruppo lo richiede, tornando al mercato di Omdurman. Arrivo in hotel dove le camere sono disponibili fino alle 21.00. Cena libera e trasferimento in aeroporto in tarda serata.

 

13° giorno, mercoledì o martedì   Khartoum – Italia  (-/-/-)

Partenza per l’Italia con volo di linea.

Khartoum Khartoum, la capitale del Sudan, è forse meglio conosciuta come il luogo in cui i due grandi filoni del fiume Nilo si combinano prima di dirigersi verso nord nelle antiche terre di Nubia ed Egitto. La città si affaccia sulle rive di questo celebre corso d’acqua ed esplode nella famosa confluenza sul promontorio conosciuto […]

Eventi e festività -Mawlid an-Nabi A febbraio si celebra il giorno del profeta Mohammed. Questa è una delle poche celebrazioni islamiche a cui i viaggiatori possono partecipare. Le bancarelle con il cibo e i dolci riempiono le strade e le persone locali ballano e cantano fino a tarda notte. L’atmosfera è elettrica e la giornata […]

Passaporto e visto Passaporto: necessario, con validità residua di almeno sei mesi alla data di partenza per il Paese. Per le eventuali modifiche a tale norma, si consiglia di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata o il Consolato del Paese presente in Italia o presso il proprio Agente di viaggio. Viaggi all’estero dei minori: si prega di […]

Sport Nel 1957 il Sudan è stato membro fondatore della Confederazione africana di calcio (CAF). Insieme all’Egitto, il Sudan ha dominato la concorrenza internazionale nel continente degli anni ’50 e ’60. La squadra nazionale ha vinto il Campionato Africano delle Nazioni nel 1970. Il Comitato Olimpico Nazionale del Sudan è stato fondato nel 1956 ed […]

Letteratura Una delle forme più importanti di espressione culturale tra i gruppi è la tradizione orale. La diversità linguistica del paese costituisce la base di una ricca varietà di letterature scritte e orali. La lingua principale con una letteratura scritta nella società tradizionale sudanese è l’arabo. Le opere letterarie più conosciute sudanesi in questa lingua […]

Economia Il Sudan è uno dei paesi più poveri e meno sviluppati del mondo, con circa un terzo dei suoi abitanti dipendenti dall’agricoltura. Anche se il suo ruolo nell’economia è diminuito nei decenni successivi all’indipendenza, l’agricoltura rappresenta ancora circa un terzo del prodotto interno lordo (PIL) del Sudan. La produzione di petrolio è iniziata alla […]

Cultura A causa della grande diversità culturale del Sudan, è difficile classificare le culture tradizionali dei vari popoli. Le società tradizionali del Sudan hanno diverse caratteristiche linguistiche, etniche, sociali, culturali e religiose. E, sebbene le comunicazioni migliorate, l’aumento della mobilità sociale ed economica e la diffusione di un’economia monetaria abbiano portato ad un allentamento generale […]

Il Sudan è limitato a nord dall’Egitto, a est dal Mar Rosso, dall’Eritrea e dall’Etiopia, a sud dal Sud Sudan, a ovest dalla Repubblica Centrafricana e dal Ciad, e nel nord-ovest dalla Libia. Nel Sudan settentrionale, i venti del nord dominano per la maggior parte dell’anno, e le piogge sono rare. Il sud si caratterizza […]

Fin dall’antichità la regione del Sudan è stata un’arena per l’interazione tra le tradizioni culturali dell’Africa e quelle del mondo mediterraneo. L’islam e la lingua araba predominano in molte parti settentrionali della regione, mentre le lingue e le culture più antiche africane hanno dominato nel sud. Il paese divenne indipendente nel 1956 e da allora […]


Cerca l'agenzia più vicina a te

Altri viaggi che potrebbero interessarti

Durata: 4 giorni / 3 notti

da € 330 - Voli esclusi

Durata: 10 giorni / 7 notti

da € 600 - Voli esclusi

Durata: 10 giorni / 8 notti

da € 3.270 - Voli inclusi

Articoli che potrebbero piacerti

Lago Malawi Il Lago Malawi, conosciuto anche come Lago Nyasa in Tanzania e Lago Niassa in Mozambico, è un grande lago africano e il lago più meridionale del sistema Rift East African, situato tra Malawi, Mozambico e Tanzania. Area: 29.600 km² Lunghezza: 580 km Max. Profondità: 706 m (2,316 ft) Paesi bacini: Malawi, Mozambico, Tanzania […]

Passaporto e visto Il passaporto è necessario, con validità residua di almeno sei mesi al momento della richiesta del visto. Occorre altresì essere in possesso di un biglietto aereo di andata e ritorno. All’ingresso nel Paese, viene apposto un timbro sul passaporto, dal quale risulta la durata del soggiorno. Si consiglia al turista di dichiarare […]

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: procedendo con l'invio di questo modulo, si autorizza il trattamento dei dati personali forniti per la finalità, con le modalità e nei limiti indicati nell'informativa sulla privacy, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Go Australia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02116980422 R.E.A. AN 162472
Capitale Sociale € 30.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
Continua a seguirci su