12 giorni / 9 notti

Kenya & Tanzania: Fly-in & jeep safari

da € 4850 Voli esclusi

CREA IL TUO VIAGGIO TROVA AGENZIA
https://www.goafrique.it?p=41167
per informazioni: Go Afrique S.r.l.
via Canale, 16 - 60125 Ancona
Tel. 071 2089301 - [email protected]

Kenya & Tanzania: Fly-in & jeep safari

Un programma straordinario che abbina il meglio del Kenya e della Tanzania, la vera essenza di una delle regioni più interessanti dell’East Africa.

Da Nairobi si parte per il Mount Kenya, la seconda vetta più alta del continente africano, a cavallo dell’equatore. Si prosegue per la Riserva Nazionale del Masai Mara, considerata il miglior parco del Kenya e una delle regioni africane con la più alta densità di fauna selvatica per i predatori. La riserva copre 1510 chilometri quadrati di straordinaria natura selvaggia nel sud-ovest del Kenya. Il Tarangire National Park di 2600 kmq copre un’area di aperta campagna punteggiata da maestosi baobab, acacie e palme. Il paesaggio color arancio alterna macchia, pianure aperte, paludi e fiumi, attraversati dal fiume Tarangire. Lake Manyara National Park  è famoso per i leoni che si arrampicano sugli alberi e per l’abbondanza di fenicotteri. L’area di conservazione di Ngorongoro occupa una superficie di 8.280 kmq. Un’area di straordinaria bellezza naturale, davvero una delle più mozzafiato di tutta l’Africa. L’area di Ngorongoro abbraccia dolci e fertili colline verdi ricoperte di fiori durante la stagione delle piogge, mentre nelle valli e nelle pianure riparate, gruppi di villaggi ospitano i pastori Maasai, fedeli alle loro tradizioni. Si ritiene che il cratere di Ngorongoro, la più grande caldera intatta del mondo, con una profondità di oltre 600 metri e un diametro di circa 8-19 km, abbia circa 8 milioni di anni. La ripida discesa nel cratere è emozionante quasi quanto la scena che ti aspetta all’interno del cratere; una fantastica vetrina sul meglio che può offrire la natura. Sono previsti i seguenti collegamenti con aeromobili leggeri: Nanyuki – Mara; Mara – Nairobi e Nairobi – Kilimanjaro.

In 4×4 con autista/guida parlante Italiano

Partenze individuali

1° giorno

Italia – Nairobi (-/-/-)

Partenza dall’Italia per Nairobi con voli di linea (quota volo non inclusa). Pasti e pernottamento a bordo.

2° giorno

Nairobi (-/-/-)

Arrivo all’aeroporto di Nairobi. Dopo aver svolto le formalità doganali incontro con l’assistente locale e trasferimento all’hotel. Sistemazione al Fairmont The Norfolk Hotel. Pernottamento.
Una città moderna e relativamente giovane, fiorì e si espanse quando la costruzione della ferrovia Kenya-Uganda istituì un deposito di rifornimenti al "Miglio 327", nel 1899. Oggi, un piccolo museo ferroviario rende omaggio agli operai e agli ingegneri che hanno lavorato sui binari con una mostra di carri e motori originali che furono spediti dagli inglesi, pezzo per pezzo, dall'India.
Nairobi e stata chiamata "The Green City in the Sun", per le sue strade fiancheggiate da alberi di Jacaranda in fiore e Nandi Flames,. Consigliamo la visita di Nairobi Arboretum, dove potrete vedere la spettacolare vegetazione e gli alberi del Kenya. Il Museo Nazionale con i reperti archeologici provenienti da scavi effettuati in varie parti del paese e una sezione di arte e cultura moderna che ospita spesso rappresentazioni teatrali e concerti- Così come la casa di Karen Blixen, il Giraffe Centre, lo Snake Park and Aviary, il Bomas of Kenya Cultural Center che presenta quotidianamente danze tradizionali, il David Sheldrick Wildlife Trust- un orfanotrofio per elefanti e rinoceronti che vengono riabilitati prima di essere rimessi in libertà, e il Nairobi National Park, che ospita la più grande popolazione di ghepardi del Kenya e anche sede di uno dei migliori santuari di rinoceronti neri dell'Africa orientale.

3° giorno

Nairobi – Mount Kenya (B/L/D)

Prima colazione in hotel. Partenza alle ore 08:00, in direzione del Monte Kenya - 200 km, 3h30 circa. Arrivo in tempo per il pranzo al Mount Kenya Safari Club. Visita pomeridiana all'orfanotrofio per animali William Holden (altre attività come golf, equitazione, passeggiate nella natura disponibili presso il Club con supplemento pagabile direttamente). Cena e pernottamento al Mount Kenya Safari Club.
Il Mount Kenya Safari Club si trova vicino alle alte pendici della seconda montagna più alta dell'Africa, il Monte Kenya, a cavallo dell'equatore e offre lussuosi cottage ed eleganti edifici incastonati tra prati ben curati.
Da quando il club è stato fondato nel 1959 dalla defunta star del cinema William Holden, dall'eccentrico americano Ray Ryan e dal finanziere svizzero Carl Hirschmann, è stato una mecca per il jet set internazionale: la sua lista di membri si legge come un Who's Who dei reali, aristocrazia e i ricchi e famosi. Sia che si visiti il Kenya con calma o che ci si fermi semplicemente per il pranzo, il Mount Kenya Safari Club mantiene una presenza immutabilmente maestosa. La storia del Mount Kenya Safari Club è colorata ed emozionante come i suoi membri, ospiti e visitatori, dai pionieri che hanno fatto propria la fattoria e la fattoria, trasformandola in un hotel dell'entroterra.
Numerose sono le attività ricreative disponibili: equitazione, golf, croquet, campo da bocce, ping pong, nuoto, salone di bellezza, orfanotrofio per animali e molto altro. Le cene sono un evento elegante al Fairmont Mount Kenya Safari Club. L'abbigliamento è rigorosamente smart casual e le donne sono invitate a non indossare minigonne mentre ai signori è richiesto di non indossare abbigliamento sportivo. I pantaloni lunghi sono obbligatori per la cena.

4° giorno

Mount Kenya – Ol Pejeta Conservancy – Mount Kenya (B/L/D)

Primna colazione in hotel Alle 08:00 partenza in direzione di Ol-Pejeta Conservancy dove ci aspetta una giornata intera di safari. E’ un ranch per la Rhino Conservancy e un santuario per i scimpanzé dove si possono incontrare i primati da vicino! Pausa pranzo al Serena Sweetwaters Tented Camp.
Nel pomeriggio si può osservare la fauna selvatica in questa Conservancy. Rientro al Mount Kenya Safari Club, cena e pernottamento.
Ol Pejeta è una riserva naturale privata di 90.000 acri - situata sull'equatore, tra le colline ai piedi degli Aberdares e il magnifico Monte Kenya innevato. L'Ol Pejeta Conservancy vanta un'incredibile varietà di animali, tra cui i "Big Five" (il rinoceronte bianco e nero in via di estinzione, il leopardo, l'elefante, il bufalo e il leone), la zebra di Grevy, l'alcelafo di Jackson, il ghepardo e lo scimpanzé. La combinazione di una straordinaria fauna selvatica e viste mozzafiato sulle pianure aperte di Ol Pejeta garantisce un'esperienza di safari indimenticabile.
Il Santuario degli scimpanzé di Sweetwaters è stato aperto nel 1993, ed è stata istituita per ricevere e fornire rifugio e alloggio a un gruppo originale di 3 scimpanzé rimasti orfani in giovane età a causa del commercio di carne di animali selvatici. Con l'evacuazione della struttura del Jane Goodall Institute (JGI) a Bujumbura a causa dello scoppio della guerra civile in Burundi, gli scimpanzé sono stati portati a Ol Pejeta. Nel 1995 sono arrivati 9 scimpanzé più anziani, seguiti all'inizio del 1996 da 10 scimpanzé più giovani. L'unico obiettivo del santuario è fornire un rifugio sicuro, protetto e permanente per questi scimpanzé in un ambiente il più naturale possibile. A causa della continua distruzione della foresta pluviale dell'Africa occidentale e della continua domanda di carne di animali selvatici, Sweetwaters è costretta ad accettare nuovi scimpanzé orfani e maltrattati. Il santuario ora ospita 40 scimpanzé con 16 membri del personale altamente qualificato che si prendono cura di loro giorno e notte.
La popolazione di rinoceronti neri in Africa è crollata da circa 65.000 a circa 10.000 nei primi anni '80 e la popolazione di rinoceronti neri in Kenya è scesa da una stima di 20.000 nel 1970 a una stima di 450 animali attuali.
In risposta alla drastica riduzione del numero di rinoceronti dovuta al bracconaggio, il Kenya ha deciso di istituire santuari appositamente protetti e recintati per la conservazione dei rinoceronti. Ol Pejeta Conservancy è uno di questi santuari.

5° giorno

Mount Kenya – Masai Mara National Reserve (B/L/D)

Dopo la prima colazione, trasferimento alla Nanyuki airstrip in tempo per il volo diretto al Masai Mara. Arrivo alla Ngerende Airstrip, incontro con il driver del Camp e trasferimento al Fairmont Mara Safari Club – durante il trasferimento e con un pò di fortuna si avrà la possibilità di avvistare alcuni esemplari della fauna africana.
Arrivo in tempo per pranzo al Camp. Nel tardo pomeriggio, primo fotosafari con i veicoli del Camp in condivisione. Cena e pernottamento al Fairmont Mara Safari Club.
Offrendo uno splendido scenario di pianura, attività di safari senza pari e una fauna selvatica diversificata, la Riserva Nazionale del Masai Mara è considerata il miglior parco del Kenya e una delle regioni africane con la più alta densità di fauna selvatica per i predatori. La riserva copre 583 miglia quadrate (1510 chilometri quadrati) di straordinaria natura selvaggia nel sud-ovest del Kenya.
La posizione, la fauna selvatica, le attività e il clima mite e confortevole mettono Mara in cima alla lista, anche per il viaggiatore più esigente in Kenya. Quando la riserva pubblica fu istituita per la prima volta, copriva 645 miglia quadrate (1672 chilometri quadrati). Strategicamente, la dimensione della riserva è stata successivamente ridotta nel 1984 per ospitare il bestiame Maasai al pascolo nelle loro terre ancestrali. Sebbene la diminuzione della superficie terrestre possa essere considerata una delusione per la conservazione e la protezione della fauna selvatica agli inizi, gli animali e gli habitat della riserva hanno trovato nuovi alleati per garantire la loro sopravvivenza per le generazioni a venire. Molte riserve private sono state introdotte per proteggere la terra che circonda la riserva, fornendo così più spazio per la fauna selvatica. Le terre non solo proteggono gli habitat per le specie residenti, ma preservano anche una parte fondamentale del percorso utilizzato da gnu e zebre durante la Grande Migrazione che attraversa il Masai Mara attraverso il Parco Nazionale del Serengeti. Riconosciuta come uno degli eventi faunistici più spettacolari del pianeta, la migrazione è un percorso continuo seguito da oltre 1,5 milioni di gnu e migliaia di zebre, gazzelle ed eland. Nella loro incessante ricerca dei migliori pascoli e abbeveratoi, gli gnu si trasferiscono quasi costantemente. La perseveranza di questi gnu è dimostrata dalla loro capacità di accoppiarsi mentre sono in movimento e molte mucche sono gravide durante parte della migrazione. Inoltre, ci si aspetta che anche i vitelli gnu più giovani stiano al passo con la mandria.

6° giorno

Masai Mara National Reserve (B/L/D)

Pensione completa al Fairmont Mara Safari Club. Giornata dedicata all’esplorazione della riserva, sono previsti un fotosafari presto al mattino ed uno nel tardo pomeriggio.

7° giorno

Masai Mara National Reserve – Nairobi - Arusha (B/-/D)

Prima colazione. Alle ore 10:00, trasferimento alla Ngerende Airstrip per il volo diretto a Nairobi. Arrivo al Wilson Airport alle 12:15 e imbarco sul volo diretto al Kilimanjaro Airport. All’arrivo incontro con l’assistente locale e trasferimento ad Arusha. Cena e pernottamento presso l’Arusha Serena Hotel.
Geograficamente situata a metà strada tra il Capo e il Cairo, Arusha è passata da semplice stazione commerciale a una delle principali città della Tanzania. Principale punto di partenza per la maggior parte dei safari e delle spedizioni nel nord della Tanzania, Arusha si trova ai piedi del Monte Meru, la seconda montagna più alta della Tanzania, e vanta viste spettacolari sul Kilimangiaro. Le numerose coltivazioni di ortaggi e fiori e le piantagioni di caffè, così come le miniere di tanzanite, sono il cardine dell'economia della città. Il lago Duluti, a breve distanza da Arusha, è un punto panoramico dove è consentito nuotare e pescare la tilapia. Nella zona si possono trovare numerosi uccelli acquatici e l'area circostante è ideale per una passeggiata interessante e facile. Il Parco Nazionale di Arusha di 137 kmq, un piccolo gioiello situato alle pendici del Monte Meru (4566 m/14980 piedi), ospita la bellissima serie di laghi Momella, il suggestivo cratere di Ngurdoto e un buon numero di animali di pianura tra cui elefanti e giraffe, scimmie e babbuini, il leopardo occasionale e una vegetazione ricca e rigogliosa tra cui mogano e ulivi che abbelliscono le pendici della montagna.

8° giorno

Arusha – Tarangire National Park – Lake Manyara National Park (B/L/D)

Prima colazione in hotel. Alle 08:30 partenza in direzione del Tarangire National Park per un safari. Il Tarangire National Park ha la più grande concentrazione di elefanti in Africa. Pranzo pic nic.
Nel pomeriggio, fotosafari nel parco e proseguimento per Lake Manyara per cena e pernottamento presso il Lake Manyara Serena Lodge.
Il Tarangire National Park di 2600 kmq copre un'area di aperta campagna punteggiata da maestosi baobab, acacie e palme. Il paesaggio color arancio alterna macchia, pianure aperte, paludi e fiumi, attraversati dal fiume Tarangire.
Durante la stagione calda e secca, il parco è più bello. Tutto è colorato di marrone o arancione; i baobab, i massicci elefanti che si ricoprono di terra rossa per proteggersi dalle mosche e dal caldo. In questo momento, la concentrazione di animali nel parco rivaleggia con quella del cratere di Ngorongoro, poiché animali provenienti dal lontano Kenya viaggiano verso le rinfrescanti acque permanenti del fiume Tarangire.
Inoltre è facile avvistare gnu, zebre, eland, orici, mentre la parte meridionale meno visitata del parco è ricoperta da paludi, brulicanti di ippopotami e avifauna e da pianure della savana, in cui si possono organizzare safari a piedi.

9° giorno

Lake Manyara National Park – Ngorongoro Conservationa Area (B/L/D)

Prima colazione al Lodge. Alle 09:00, entrata al Parco per il fotsafari, il parco è famoso per i leoni che si arrampicano sugli alberi e per l'abbondanza di fenicotteri. Pranzo pic nic.
Nel tardo pomeriggio proseguimento verso il Ngorongoro.
Resto della giornata a disposizione per godere della vista fenomenale del cratere di Ngorongoro direttamente dall’hotel. Cena e pernottamento al Ngorongoro Serena Lodge.
Parte dell'ecosistema Serengeti-Mara, l'area di conservazione di Ngorongoro copre un'area di 8.280 kmq. Un'area di straordinaria bellezza naturale, davvero una delle più mozzafiato di tutta l'Africa. L'area di Ngorongoro abbraccia dolci e fertili colline verdi ricoperte di fiori durante la stagione delle piogge, mentre nelle valli e nelle pianure riparate, gruppi di villaggi che ospitano i pastori Maasai, fedeli alle loro tradizioni.
Uscendo dalla Ngorongoro Conservation Area e dirigendosi verso il Serengeti, troviamo la Gola di Olduvai, un importante sito archeologico.

10° giorno

Ngorongoro Conservationa Area (B/L/D)

Dopo la prima colazione, partenza con pic nic box per iniziare la visita del Cratere dove si potranno avvistare i suoi abitanti. Nel tardo pomeriggio, rientro al lodge per la cena e il pernottamento al Ngorongoro Serena Lodge.
Si ritiene che il cratere di Ngorongoro, la più grande caldera intatta del mondo, con una profondità di oltre 600 metri e un diametro di circa 8-19 km , abbia circa 8 milioni di anni. La ripida discesa nel cratere è emozionante quasi quanto la scena che ti aspetta all'interno del cratere; una fantastica vetrina sul meglio che può offrire la natura.
Il variegato paesaggio all'interno del cratere, in cui la savana si fonde con paludi, fiumi, acquitrini, foreste e scogliere, offre rifugio a leoni dalla criniera nera, ghepardi, bufali, elefanti e leopardi che vivono fianco a fianco con migliaia di gnu , gazzelle e zebre, sciacalli dal dorso nero. Il cratere ospita anche alcuni degli ultimi rinoceronti rimasti della Tanzania. Fenicotteri e ippopotami abitano i laghi alcalini e le pozze d'acqua dolce; si possono vedere vecchi elefanti che guadano pazientemente attraverso gli stagni di papiro, mentre in alto, sulle pendici del cratere, una vegetazione afro-alpina unica e bellissima ricopre il terreno in una ricca coltre verde, a volte nascosta dalla foschia e dalla nebbia.

11° giorno

Ngorongoro Conservationa Area – Arusha/Kilimanjaro - Italia (B/-/-)

Prima colazione e partenza per Arusha. Trasferimento all’aeroporto di Kilimanjaro e partenza per l’Italia (quota volo non inclusa).

12° giorno

Italia (-/-/-)

Arrivo all’aeroporto di destinazione.

Quote per persona, a partire da:

Partenza Min 6 pax Min 4 pax Min 2 pax
Doppia Supplemento singola Doppia Supplemento singola Doppia Supplemento singola
Dal 1 Gennaio 2023 al 28 Febbraio 2023 € 5.680 € 910 € 5.960 € 910 € 6.800 € 910
Dal 1 Marzo 2023 al 31 Marzo 2023 € 5.050 € 860 € 5.320 € 860 € 6.110 € 860
Dal 1 Aprile 2023 al 31 Maggio 2023 € 4.850 € 615 € 5.110 € 615 € 5.910 € 615
Dal 1 Giugno 2023 al 15 Giugno 2023 € 5.400 € 860 € 5.670 € 860 € 6.460 € 860
Dal 16 Giugno 2023 al 30 Giugno 2023 € 5.670 € 1.130 € 5.940 € 1.130 € 6.730 € 1.130
Dal 1 Luglio 2023 al 15 Settembre 2023 € 6.290 € 1.480 € 6.580 € 1.480 € 7.440 € 1.480
Dal 16 Settembre 2023 al 30 Settembre 2023 € 5.970 € 1.180 € 6.250 € 1.180 € 7.080 € 1.180
Dal 1 Ottobre 2023 al 31 Ottobre 2023 € 5.680 € 910 € 5.960 € 910 € 6.790 € 910
Dal 1 Novembre 2023 al 20 Dicembre 2023 € 5.050 € 860 € 5.320 € 860 € 6.110 € 860
Dal 21 Dicembre 2023 al 1 Gennaio 2024 € 6.290 € 1.480 € 6.580 € 1.480 € 7.440 € 1.480

Note

(B/L/D): B = colazione; L = pranzo; D = cena

 

HOTEL PREVISTI (o similari):

  • Nairobi: Fairmont The Norfolk Hotel 5*
  • Mount Kenya: Fairmont Mount Kenya Safari Club 5*
  • Masai Mara N.R: Fairmont Mara Safari Camp 5*
  • Arusha: Arusha Serena Hotel 5*
  • Lake Manyara N.P: Lake Manyara Serena Safari Lodge 5*
  • Ngorongoro C.A: Ngorongoro Serena Safari Lodge 5*

 

KENYA: E’ necessario il passaporto con validità residua di almeno sei mesi al momento della richiesta del visto. All’ingresso nel Paese, viene apposto un timbro sul passaporto, dal quale risulta la durata del soggiorno. Per entrare in Kenya il passaporto deve avere almeno 1 pagina intera bianca, al fine di poter apporre il visto d’ingresso. In caso contrario, i viaggiatori potrebbero non essere accettati nel Paese e fatti rientrare in Italia con il primo volo utile. Il visto è ottenibile prima della partenza presso l’Ambasciata del Kenya a Roma al costo di USD 50 per persona o equivalente in Euro. Richiesta visto disponibile anche al sito http://evisa.go.ke/evisa.html

 

TANZANIA:

Passaporto: necessario, con validità residua di almeno sei mesi al momento della richiesta del visto. Visto necessario, da richiedere prima della partenza presso l’Ambasciata di Tanzania a Roma o il Consolato Onorario di Milano. Il modulo di richiesta deve essere scaricato dal sito web http://www.embassyoftanzaniarome.info/ e l’importo relativo deve essere pagato direttamente on-line.  E’ anche possibile ottenerlo all’arrivo nel Paese presso i tre aeroporti internazionali (Dar es Salaam, Kilimanjaro e Zanzibar). Il costo è di USD 50,00

 

ATTENZIONE: La vaccinazione contro la Febbre Gialla è obbligatoria.

 

NOTA: sono previsti supplementi per le partenza che includono la Pasqua e il Natale, quote su richiesta.

 

Cambio: 1 Euro = 1,05 USD


La quota comprende

  • Trasferimenti da/ per l’aeroporto di Nairobi e Kilimanjaro
  • Sistemazione negli hotel, camp. Lodge previsiti o similari con il trattamento previsto
  • Tutti i fotosafari menzionati con guida/autista in Italiano
  • Gli ingressi ai parchi
  • Trasporto in Land Cruiser 4×4 durante il safari
  • Collegamenti con aeromobili leggeri: Nanyuki – Mara; Mara – Nairobi e Nairobi – Kilimanjaro
  • Assicurazione AMREF Flying Doctors per emergenze
  • Acqua minerale sui veicoli durante trasferimenti e safari
  • Kit da viaggio GoWorld (zaino, volumi fotografici, porta abiti/trolley – secondo importo pratica)
  • L’assicurazione base come da dettaglio qui riportato: https://www.goworld.it/condizioni-generali-di-viaggio/assicurazioni/

La quota non comprende

  • Tasse aeroportuali
  • Tasse locali
  • Voli intercontinentali e internazionali ed eventuali voli domestici
  • Le bevande, le mance, il facchinaggio, gli extra di carattere personale, eccedenza bagaglio
  • Le escursioni facoltative e tutto ciò non evidenziato nella voce “la quota comprende”.
  • Visto d’ingresso in Kenya e Tanzania
  • Quanto altro non espressamente indicato nella quota comprende od altrove nel programma
  • Quota d’iscrizione € 95

 

Dodoma Nel 1973, Dodoma fu designata come la nuova capitale politica della Tanzania. Nuovi edifici del Parlamento sono stati eretti e sono stati redatti piani per spostare tutti gli uffici del ministero del governo a Dodoma all’inizio degli anni ’80. Tuttavia, a causa di risorse idriche limitate e di altri fattori ambientali, questo si è […]

Eventi e festività -Wanyambo Festival Il Festival Wanyambo è una delle migliori opportunità per scoprire la cultura locale della Tanzania all’inizio di gennaio. L’evento si svolge nella zona nord di Dar es Salaam, conosciuta come Makumbusho, con un sacco di musica tradizionale, danza, costumi e cibo. -Kiliman Adventure Challenge Un triathlon, il Kiliman Adventure Challenge […]

Passaporto e visto PASSAPORTO: necessario, con validità residua di 6 mesi al momento dell’ingresso nel Paese. Per le eventuali modifiche a tale norma, si consiglia di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata o il Consolato del Paese presente in Italia o presso il proprio Agente di viaggio. VISTO D’INGRESSO: necessario, da richiedere prima della partenza presso l’Ambasciata […]

Sport La Tanzania ha un sistema altamente sviluppato di educazione sportiva e scuole di tutti i livelli, che sottolineano l’attività fisica nei loro programmi. I Tanzaniani godono del calcio sia come spettatori che giocatori. La Lega Continentale del Paese è molto seguita. Anche il basket è anche popolare. La Tanzania ha organizzato un comitato olimpico […]

Letteratura La letteratura tanzaniana è principalmente orale. Le principali forme letterarie orali comprendono racconti popolari, poesie, indovinelli, proverbi e canzoni. La maggior parte della letteratura orale in Tanzania è stata registrata è in swahili, anche se ciascuna delle lingue del paese ha una sua tradizione orale. La letteratura orale del paese è attualmente in declino […]

Economia L’economia tanzaniana è in gran parte agraria. La preoccupazione del paese in materia di produzione agricola, che è aumentata negli anni ’70 e ’80, è un riflesso dell’impegno del governo in quel momento nello sviluppo socialista e nella pianificazione centrale, come descritto nella dichiarazione Arusha del 1967. La dichiarazione ha anche portato alla nazionalizzazione […]

Cultura La gola di Olduvai, nella Grande Rift Valley, è il sito della scoperta di alcuni dei più antichi resti di origine umana, risalenti a 1,75 milioni di anni fa. L’antica migrazione dei popoli Cushitica, Nilotica e Bantu, che ha spostato la popolazione San, ha portato ad un agglomerato complesso di comunità che esercitano forme […]

La maggior parte della Tanzania continentale si trova al di sopra dei 200 metri di altezza. Vasti tratti di pianure e altopiani contrastano con spettacolari rilievi, in particolare la montagna più alta dell’Africa, Kilimanjaro (5.840 metri), e il secondo lago più profondo del mondo, il Lago Tanganyika (profondo di 1.410 metri). Il Rift System dell’Africa […]

La maggior parte della storia nota di Tanganyika prima del XIX secolo riguarda la zona costiera, anche se l’interno presenta numerosi importanti siti preistorici. Il più significativo di questi è la gola Olduvai, situata nell’angolo nord-occidentale della Tanzania nei pressi del cratere di Ngorongoro. Nel 1959, dopo anni di scavi nella gola con il marito, […]

Nairobi Nairobi è la capitale e la città più grande del Kenya. Il nome deriva dalla frase Maasai “Enkare Nai-robi”, che si traduce in “luogo dell’acqua fredda”, un riferimento al fiume Nairobi che scorre attraverso la città. La città ha una popolazione di 3.138.369 abitanti, mentre l’area metropolitana ha una popolazione di 6.547.547 abitanti. La […]

Eventi e festività -Festival dell’Arte dell’Africa Orientale A marzo di ogni anno Nairobi ospita il festival dell’Arte dell’Africa Orientale, il più grande del suo genere nella regione, che attrae concorrenti e spettatori provenienti da tutto il mondo. La tre giorni mostra arte, musica, teatro, musica, moda, letteratura, architettura, scultura e artigianato tradizionale. È ospitato dal […]

Passaporto e visto Il passaporto è necessario, con validità residua di almeno sei mesi al momento della richiesta del visto. Occorre altresì essere in possesso di un biglietto aereo di andata e ritorno. All’ingresso nel Paese, viene apposto un timbro sul passaporto, dal quale risulta la durata del soggiorno. Si consiglia al turista di dichiarare […]

Sport Il Kenya è attivo in diversi sport, tra cui il cricket, il rally, il calcio, il rugby e la boxe. Il paese è conosciuto principalmente per la sua posizione dominante in atletica, avendo costantemente prodotto campioni ai giochi olimpici e ai Commonwealth Games, in particolare negli 800 m, 1.500 m, 3.000 m di corsa a ostacoli, […]

mombasa

Letteratura Ngũgĩ wa Thiong’o è uno dei più noti scrittori del Kenya. Il suo romanzo, “Non piangere Bambino”, è un’illustrazione della vita in Kenya durante l’occupazione britannica. La storia descrive gli effetti del Mau Mau sulla vita dei keniani. La sua combinazione di temi – colonialismo, educazione e amore – ha contribuito a renderlo uno […]

Economia Anche se il Kenya è l’economia più grande e più avanzata dell’Africa orientale e centrale e ha una minoranza urbana ricca, ha un indice di sviluppo umano (HDI) di 0.519, classificato 145° su 186 nel mondo. A partire dal 2005, il 17,7% dei keniani vive a meno di 1,25 dollari al giorno. Nel 2017, […]

kenya

Cultura La cultura del Kenya è costituita da molteplici tradizioni. Il Kenya non ha nessuna cultura prominente che lo identifica. Invece è costituito dalle varie culture delle diverse comunità del paese. Le popolazioni notevoli sono le Swahili sulla costa, altre comunità bantu nelle regioni centrali e occidentali e le comunità nilotiche nel nord-ovest. La cultura Maasai è […]

La regione dei Grandi Laghi africani, che fa parte del Kenya, è stata abitata da esseri umani fin dal periodo paleolitico inferiore. Dal primo millennio d.C., l’espansione del Bantu era giunta alla zona dall’Africa occidentale e centro-orientale. Di conseguenza, i confini dello stato moderno comprendono il crocevia delle aree del continente Niger-Congo, Nilo-Saharan e dell’Africa, […]

La storia coloniale del Kenya risale all’insediamento di un protettorato tedesco sui beni costieri del Sultanato di Zanzibar nel 1885, seguito dall’arrivo della compagnia britannica nel 1888. La Germania ha consegnato le sue proprietà costiere alla Gran Bretagna nel 1890. La costruzione della ferrovia Kenya-Uganda che attraversa il paese è stata osteggiata da alcuni gruppi […]


Cerca l'agenzia più vicina a te

Altri viaggi che potrebbero interessarti
Articoli che potrebbero piacerti

Ecco a voi in tutta la sua bellezza, la riserva faunistica del Masai Mara in Kenya!

Tanzania, meta ideale per il safari e l’avventura. Scopritelo qui!

I nostri Tour Operator al tuo servizio per la tua esperienza di viaggio senza confini. Clicca e parti.

I nostri cluster: realizza il sogno di un viaggio per le tue esigenze e passioni. Clicca e parti.

Semplifichiamo la pianificazione e la realizzazione di un viaggio di lavoro o per affari. Clicca e parti.

Per il mondo delle agenzie di viaggio. Clicca e fai business con Go World.

Per chi ama i social media. Clicca e sogna il tuo prossimo viaggio.

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: Procedendo con la compilazione e con l'invio di questo modulo, Lei acconsente al trattamento dei dati personali da Lei forniti per la finalità e nei limiti indicati nell'informativa privacy del sito, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Go Afrique S.r.l.
via Canale, 16 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02788160428 R.E.A. AN 215051
Capitale Sociale € 10.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
ASTOI Fondo di Garanzia ASTOI