Storia della Guinea Equatoriale

I pigmei probabilmente vissero nella regione continentale, ora Guinea Equatoriale, ma oggi si trovano solo nelle anse isolate del Río Muni meridionale. Le migrazioni di Bantu tra il XVIII e il XIX secolo hanno portato i gruppi etno-linguistici costieri così come le persone di Fang. Elementi di quest’ultimo possono aver generato i Bubi, che sono migrati dal Camerun a Río Muni e Bioko in diverse ondate. La popolazione di Annobón, originaria dell’Angola, è stata introdotta dai portoghesi attraverso l’isola di São Tomé.
L’indipendenza fu concessa il 12 ottobre 1968 e la regione divenne la Repubblica della Guinea Equatoriale. Francisco Macías Nguema è stato eletto presidente.

Nel luglio del 1970, Macias Nguema creò uno stato monopartitico e si nominò presidente a vita nel 1972. Ha interrotto i legami con la Spagna e l’Occidente. Nonostante la sua condanna del marxismo, ritenuto “neo-colonialista”, la Guinea Equatoriale mantenne relazioni molto speciali con i paesi socialisti, in particolare con Cina, Cuba e URSS. Ha firmato un accordo commerciale preferenziale e un trattato di scambi con l’Unione Sovietica. Anche i sovietici hanno concesso prestiti alla Guinea Equatoriale.
Il patto ha permesso ai Sovietici di istituire un progetto pilota di sviluppo della pesca e anche una base navale a Luba. In cambio l’URSS doveva fornire i pesci alla Guinea Equatoriale. La Cina e Cuba hanno inoltre dato forme diverse di assistenza finanziaria, militare e tecnica alla Guinea Equatoriale. L’URSS, ottenne un vantaggio nella guerra in Angola avendo accesso alla base di Luba e poi all’aeroporto internazionale Malabo.
Verso la metà degli anni ’70 il regime di Macias è stato più volte accusato di genocidio. Nel 1974 il Consiglio Mondiale delle Chiese affermò che un grande numero di persone era stato ucciso dal 1968 in un ‘regno del terrore’ che continuava. Lo stesso organismo ha affermato che un quarto dell’intera popolazione era fuggito all’estero, mentre «le prigioni sono traboccanti e sono assimilabili ad un vasto campo di concentramento».
Macías Nguema, a prescindere dalla presunta commissione di un genocidio della minoranza etnica di Bubi, ha ordinato la morte di migliaia di avversari, ha chiuso le chiese e ha presieduto il collasso dell’economia in quanto cittadini qualificati e stranieri sono fuggiti dal paese.

Altri viaggi che potrebbero interessarti

Durata: 10 giorni / 7 notti

da € 910 - Voli esclusi

Durata: 10 giorni / 7 notti

da € 2400

Articoli che potrebbero piacerti

Una parte della cattedrale cristiana in Egitto è stata già inaugurata. Leggi qui per saperne di più sul progetto!

Eventi e festività -Carnevale a Bouaké La versione ivoriana del Mardi Gras, questo carnevale di una settimana è uno degli eventi più frequentati della Costa d’Avorio. Si tiene a Bouaké in marzo ogni anno. -Fête du Dipri Questa celebrazione eccentrica di aprile si tiene nella città di Gomon, dove le persone eseguono diversi tipi di […]

I nostri Tour Operator al tuo servizio per la tua esperienza di viaggio senza confini. Clicca e parti.

I nostri cluster: realizza il sogno di un viaggio per le tue esigenze e passioni. Clicca e parti.

Semplifichiamo la pianificazione e la realizzazione di un viaggio di lavoro o per affari. Clicca e parti.

Per il mondo delle agenzie di viaggio. Clicca e fai business con Go World.

Per chi ama i social media. Clicca e sogna il tuo prossimo viaggio.

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: Procedendo con la compilazione e con l'invio di questo modulo, Lei acconsente al trattamento dei dati personali da Lei forniti per la finalità e nei limiti indicati nell'informativa privacy del sito, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Go Australia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02116980422 R.E.A. AN 162472
Capitale Sociale € 30.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
ASTOI Fondo di Garanzia ASTOI