Storia del Niger

Il primo insediamento umano in Niger è testimoniato da numerosi resti archeologici. Nei periodi preistorici il clima del Sahara (il deserto di Tenere in Niger) era umido e forniva condizioni favorevoli all’agricoltura e allevamento di bestiame in un ambiente fertile di pascoli cinquemila anni fa. Si ritiene che la desertificazione progressiva attorno al 5000 a.C. abbia spinto le popolazioni sedentarie a sud e a sud-est (il lago Ciad).
L’arrivo dei francesi ha scritto un’improvvisa fine per gli Stati precoloniali come il Sultanato di Damagaram.
L’impero Songhai era un impero con il nome del suo principale gruppo etnico, Songhai o Sonrai, e situato nell’Africa occidentale sulla curva del fiume Niger nel Niger, nel Mali e in Burkina Faso. Nel VII secolo le tribù di Songhai si stabilirono a nord di Niamey di oggi e fondarono le città-stati di Songhai di Koukia e Gao.
Dal 1000 al 1325, l’Impero Songhai prosperò e riuscì a mantenere la pace con i suoi imperi vicini tra cui l’Impero Mali.
Il Niger divenne un’area del commercio trans-sahariano, che ha reso Agadez un punto centrale. Questa mobilità, che continuerebbe in onde per diversi secoli, è stata accompagnata da un’ulteriore migrazione verso il sud e l’interscambio tra le popolazioni bianche del nord e del sud. È stato anche aiutato dall’introduzione dell’Islam alla regione alla fine del VII secolo. Molti imperi e regni si sono sviluppati durante questa epoca fino all’inizio della colonizzazione in Africa.
Tra il fiume Niger e il Lago di Ciad si trovava una fertile area. I regni di Hausa fiorirono dalla metà del XIV secolo fino agli inizi del XIX secolo quando furono conquistati da Usmandan Fodio, fondatore dell’Impero di Sokoto. I regni di Hausa non erano un’entità compatta, ma diverse federazioni di regni più o meno indipendenti l’uno dall’altro.
I regni di Hausa hanno cominciato come sette stati fondati secondo la leggenda di Bayajidda dai sei figli di Bawo. Bawo era il figlio unico della regina. I sette stati originali di hausa erano: Daoura (stato di regina Daurama), Kano, Rano, Zaria, Gobir, Katsena e Biram.
Nell’Ottocento, i contatti con l’Europa cominciarono con i primi esploratori europei, in particolare Monteil (francese) e Barth (tedesco).

Dopo la conferenza di Berlino del 1885, durante la quale i poteri coloniali hanno delineato la divisione dell’Africa in sfere coloniali, gli sforzi militari francesi per conquistare gli stati africani attuali sono stati intensificati in tutte le colonie francesi, tra cui il Niger. Ciò comprendeva diverse spedizioni militari, tra cui la missione Voulet Chanoine, che è diventata nota per il saccheggio, la violenza e l’uccisione di molti civili locali. L’8 maggio 1899, durante la rappresaglia per la resistenza della regina Sarraounia, il capitano Voulet e i suoi uomini hanno assassinato tutti gli abitanti del villaggio di Birni-N’Konni in quello che è considerato uno dei peggiori massacri della storia coloniale francese. Le spedizioni militari francesi hanno incontrato grande resistenza da diversi gruppi etnici, in particolare i gruppi di Hausa e Tuareg. La più importante rivolta di Tuareg era la rivolta Kaocen. Anche le autorità francesi abolirono la diffusa schiavitù tra le comunità di Tuareg.
Nel 1922, tutta la resistenza alla regola coloniale fu eliminata e il Niger diventò una colonia francese. La storia e lo sviluppo coloniali del Niger sono paralleli a quelli di altri territori dell’Africa occidentale francese. La Francia ha amministrato le sue colonie dell’Africa Occidentale attraverso un governatore generale a Dakar, in Senegal, e dei governatori nei singoli territori, incluso il Niger. Oltre a conferire una forma di cittadinanza francese limitata agli abitanti dei territori, la Costituzione francese del 1946 prevedeva il decentramento del potere e la limitata partecipazione alla vita politica per gli assetti locali.
La fine dell’era coloniale è stata caratterizzata da una trasformazione dell’ambiente politico nell’Africa occidentale francese e nel Niger. Il Partito Progressista Nigerien, la sezione Nigerien del Partito Democratico Rally africano, fondata nel maggio del 1946, ha unito diverse tendenze nel movimento per l’indipendenza nazionale. In alleanza con elementi progressisti francesi e altri movimenti africani indipendenti, i movimenti hanno ottenuto la soppressione del lavoro forzato e l’uguaglianza giuridica tra i cittadini africani e quelli francesi.
In seguito alla Legge per la riforma d’oltremare (Loi Cadre) del 23 luglio 1956 e alla costituzione della quinta Repubblica francese il 4 dicembre 1958, il Niger divenne uno stato autonomo all’interno della Comunità francese. Il 18 dicembre 1958, la Repubblica del Niger è stata ufficialmente creata con Hamani Diori come capo del Consiglio dei ministri della Repubblica del Niger. L’11 luglio 1960, il Niger decise di lasciare la comunità francese e acquisire la piena indipendenza con Diori come suo primo presidente.
Per i suoi primi quattordici anni come stato indipendente, il Niger è stato gestito da un regime civile sotto la presidenza di Diori. Nel 1974, una combinazione di siccità devastante e accuse di corruzione dilagante ha provocato un colpo di stato che ha rovesciato il regime di Diori.
Nel 2009 il presidente Tandja Mamadou ha deciso di organizzare un referendum costituzionale per estendere la sua presidenza affermando di rispondere al desiderio del popolo del Niger. Malgrado l’opposizione da parte dei partiti politici dell’opposizione e contro la decisione della Corte Costituzionale che aveva precedentemente stabilito che il referendum sarebbe stato incostituzionale, il presidente Tandja Mamadou ha modificato e adottato una nuova costituzione con il referendum, ha sciolto la Corte e ha assunto poteri. L’adozione della nuova Costituzione ha creato una Sesta Repubblica. Disordini politici e sociali prima, durante e dopo il referendum hanno portato ad un colpo di stato militare nel 2010 che ha concluso la breve esistenza della 6a Repubblica.
In un colpo di stato di febbraio del 2010, una giunta militare guidata dal capitano Salou Djibo è stata fondata in risposta alla tentata estensione del mandato politico di Tandja. Il Consiglio Supremo per la Restaurazione della Democrazia guidato dal Generale Salou Djibo ha condotto un piano di transizione di un anno, ha redatto una nuova costituzione e ha tenuto le elezioni nel 2011 giudicate internazionalmente libere e giuste.

Altri viaggi che potrebbero interessarti

Durata: 10 giorni / 7 notti

da € 3.850 - Voli esclusi

Durata: 12 giorni / 9 notti

da € 2.450 - Voli esclusi

Articoli che potrebbero piacerti

Passaporto e visto Passaporto: necessario, con validità residua di almeno sei mesi al momento dell’arrivo nel Paese. Per le eventuali modifiche relative a tale norma, si consiglia di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata o il Consolato del Paese presente in Italia o presso il proprio Agente di viaggio. Visto di ingresso: necessario, da richiedere presso gli […]

Manifestazioni che indicano l’attività umana risalenti alla prima età della pietra, circa 200.000 anni fa, sono state trovate nel Regno dello Swaziland. I dipinti d’arte preistorica sulla roccia sono datati circa 25.000 a.C.. I primi abitanti della zona erano cacciatori-raccoglitori di Khoisan. Sono stati in gran parte sostituiti dalle tribù Bantu durante le migrazioni di Bantu dalle […]

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: Procedendo con la compilazione e con l'invio di questo modulo, Lei acconsente al trattamento dei dati personali da Lei forniti per la finalità e nei limiti indicati nell'informativa privacy del sito, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Go Australia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02116980422 R.E.A. AN 162472
Capitale Sociale € 30.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
Continua a seguirci su