Storia del Madagascar

Le indagini archeologiche del XX secolo hanno indicato che i coloni hanno raggiunto Madagascar circa 700 d.C.. Anche se l’isola enorme si trova geograficamente vicino all’Africa che parla di Bantu, la sua lingua, Malagasy, appartiene al lontano ramo occidentale malayo-polinesiano della famiglia austronesiana. Esistono comunque alcune parole Bantu nella lingua, nonché alcuni modificatori fonetici e grammaticali di origine Bantu. Elementi bantu esistono in ogni dialetto della Malagasy.
Come popolo, il Malagasy rappresenta una miscela unica di caratteristiche culturali asiatiche e africane che non si trovano in nessun altro luogo del mondo. Anche se le caratteristiche asiatiche predominano nel suo complesso, l’antenato africano è presente e le influenze africane nella cultura materiale e culturale non madre sono evidenti.

Gran parte del Madagascar fu popolato da una migrazione interna prima dell’inizio del XVI secolo, dando ai terreni vuoti la loro tompontany (abitanti originali o “padroni del suolo”). Eppure, politicamente l’isola rimase frammentata. La maggior parte dei quasi 20 gruppi etnici che compongono la popolazione moderna malgascia non hanno raggiunto alcuna forma di coscienza “nazionale” fino a quando le nuove idee politiche non arrivarono dall’estero nel 1500 e cominciarono a diffondersi in tutta l’isola.
Piccoli stati locali sono stati trovati in molti punti lungo la costa visitata da navi europee. Le alleanze e le guerre erano di solito affari di breve durata che coinvolgevano obiettivi economici limitati e poche vittime, che raramente portarono ad aggiustamenti delle frontiere. Le economie erano pastorali o agricole, spesso una miscela di entrambi, e non c’erano differenze radicali nella ricchezza. In alcune aree i governanti sembravano essere assoluti, mentre in altri anziani e sacerdoti avevano l’influenza preponderante. In un’area del sud-est del Madagascar, poi diventata conosciuta come Fort-Dauphin (oggi Tôlanōaro), i primi europei credevano di aver trovato uno stato musulmano tra i popoli di Antanosy. La Regione fu governata da un “re moresco” e aveva un’aristocrazia con privilegi derivanti presumibilmente dall’Islam. Il loro nome collettivo era Zafindraminia, o “discendenti di Raminia”, l’ultimo grande antenato.
Nel primo trimestre del XVI secolo, i navigatori portoghesi hanno riportato una serie di città costiere del Madagascar settentrionale, architettonicamente simili a Kilwa. Le città appartenevano ad una rete commerciale afro-araba nell’Oceano Indiano occidentale che indubbiamente precedette il XVI secolo. Nella città di Vohemar, una volta il centro nordorientale dell’isola del commercio internazionale, la miscela di abitudini malgasce e afro-arabe produceva una tradizione artigianale che era piuttosto originale.
Sconosciuto ai primi visitatori costieri provenienti dall’Europa, dinastie nuove e storicamente pivotal cominciarono a formarsi nel Madagascar sud-ovest e centrale verso la metà del XVI secolo. Due di loro, la Maroserana nel sud-ovest e l’Andriana-Merina nel Madagascar centrale, avrebbero creato enormi imperi, ognuno con il suo apice e declino, tra il 1650 e il 1896, anno in cui i francesi sono arrivati in Madagascar. Mentre la Maroserana era in grado di stabilire i loro governanti su più popoli sud-centrali, il risultato più importante della dinastia fu la creazione di due stati nel Madagascar occidentale, Menabé e Boina. Questi stati poi si unirono nell’impero Sakalava, che controllava gran parte del Madagascar occidentale e diverse aree adiacenti profonde nell’entroterra.
Il Sakalava era originariamente un gruppo di guerrieri che entrarono in contatto con la Maroserana prima del 1660, anno in cui il governatore di Maroserana, il re Andriandahifotsy, fondò Menabé. In definitiva, “la cittadinanza di Sakalava” è stata estesa a centinaia di clan della costa occidentale, poiché i guerrieri Sakalava originali e i loro discendenti si sono affinati e fusi con loro. Un senso dell’unità è venuto anche dalla religione. L’impero di Sakalava fu infine indebolito dalle lotte interne al potere per il trono, dai tentativi di sostituire l’islam per il culto ancestrale e, dopo il 1810, da guerre con la Merina, un popolo dell’altopiano centrale.

La Confederazione di Betsimisaraka, un quasi stato nello stesso periodo con l’ultimo impero di Sakalava, è stato un tentativo breve ma efficace nel XVIII secolo per unire le popolazioni costiere del litorale orientale del Madagascar. Regolato da Ratsimilaho, figlio di un pirata inglese e di una principessa malgascia, la confederazione vitale si estendeva oltre 200 miglia di costa. Dopo la morte di Ratsimilaho nel 1750, la confederazione iniziò una disintegrazione brusca, sebbene prolungata.

Il regno di Merina (Imerina) è stato fondato verso la fine del XVI secolo nella valle swampy Ikopa sull’altipiano centrale. Antananarivo (Tananarive) divenne la sua capitale. Nel XVIII secolo Imerina fu divisa tra quattro re guerrieri. Uno di loro, Andrianampoinimerina, che regnò 1787-1810, riunì il regno intorno al 1797. Gli diede leggi e amministrazioni uniformi e vendette schiavi ai francesi sulla costa, usando le armi che aveva in cambio per conquistare i suoi vicini, il Betsileo. Sotto Andrianampoinimerina, la società Merina era divisa in una classe nobile dominante (Andriana), una classe di popoli (Hova) e una classe di schiavi (Andevo). Alla morte di Andrianampoinimerina, ha lasciato al figlio un’unica ambizione politica: “Il mare sarà il confine del mio campo di riso”.
Il Madagascar è menzionato negli scritti di Marco Polo, ma il primo europeo conosciuto per aver visitato l’isola era Diogo Dias, un navigatore portoghese, nel 1500. Fu chiamato Isola di San Lorenzo dai portoghesi, che spesso sconfissero il Madagascar durante il XVI secolo, tentando di distruggere gli insediamenti musulmani. Nel 1642 i Francesi fondarono Fort-Dauphin nel sud-est e lo mantennero fino al 1674. Nel tardo XVII e nei primi secoli XVIII, il Madagascar era frequentato dai pirati europei (tra cui il capitano William Kidd).
Nel XVIII secolo le isole Mascarene a est furono colonizzate dai francesi con l’aiuto di schiavi malgasci. Due tentativi di insediamenti fortificati falliti – uno a Fort-Dauphin dalla Comte de Modave, l’altra alla Baia di Antongil del Barone Benyowski. Tuttavia, gli insediamenti commerciali francesi prosperarono, in particolare a Tamatave.
Il figlio di Andrianampoinimerina, Radama I (1810-28), si è alleato con il governatore britannico delle vicine Mauritius, Sir Robert Farquhar. Per impedire la ricomposizione della costa orientale dai francesi, Farquhar ha sostenuto l’annessione del territorio di Radama fornendogli armi e consulenti e dandogli il titolo “Re di Madagascar”. Alla fine conquistò quasi tutta la costa orientale, la parte settentrionale dell’isola e la maggior parte dei due grandi regni Sakalava. Solo il sud e una parte dell’ovest rimasero indipendenti. I francesi conservavano solo la piccola isola di Sainte-Marie. Inoltre, Radama ha invitato i lavoratori europei e la Società Missionaria di Londra, ha diffuso il cristianesimo e ha influenzato l’adozione di un alfabeto latino per la lingua malgascia. Radama morì prematuramente nel 1828; È stato seguito dalla sua vedova, Ranavalona I, che ha invertito la sua politica di europeizzazione. Ha espulso i missionari cristiani e ha perseguitato i convertiti malgasci. Alcuni europei hanno mantenuto il commercio estero e la produzione locale, ma alla fine furono espulsi. I britannici e i francesi hanno lanciato una spedizione contro Ranavalona ma sono stati respinti a Tamatave nel 1845. Al momento della sua morte (1861) il Madagascar fu isolato dall’influenza europea.

Altri viaggi che potrebbero interessarti

Durata: 10 giorni / 7 notti

da € 1520 - Voli esclusi

Durata: 8 giorni / 5 notti

da € 990 - Voli esclusi

Durata: 13 giorni / 11 notti

da € 2610 - Voli esclusi

Articoli che potrebbero piacerti

Il Gabon si trova sulla costa atlantica dell’Africa centrale. Situato sull’equatore, tra latitudini 3 ° N e 4 ° S, longitudine 8 ° e 15 ° E, il Gabon ha generalmente un clima equatoriale con un vasto sistema di foreste pluviali che coprono l’85% del paese. Ci sono tre regioni distinte: le pianure costiere, i […]

Mamoudzou è capoluogo e capitale economica del Dipartimento di Mayotte. È la più grande e la più popolata tra le città mahoriane con 71.437 abitanti. La popolazione è giovanissima: la metà ha meno di 17 anni. La città è stata fondata dopo la separazione di Mayotte dalle Comore, nel dicembre 1977. Questo comune è composto […]

I nostri Tour Operator al tuo servizio per la tua esperienza di viaggio senza confini. Clicca e parti.

I nostri cluster: realizza il sogno di un viaggio per le tue esigenze e passioni. Clicca e parti.

Semplifichiamo la pianificazione e la realizzazione di un viaggio di lavoro o per affari. Clicca e parti.

Per il mondo delle agenzie di viaggio. Clicca e fai business con Go World.

Per chi ama i social media. Clicca e sogna il tuo prossimo viaggio.

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: Procedendo con la compilazione e con l'invio di questo modulo, Lei acconsente al trattamento dei dati personali da Lei forniti per la finalità e nei limiti indicati nell'informativa privacy del sito, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Go Australia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02116980422 R.E.A. AN 162472
Capitale Sociale € 30.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
ASTOI Fondo di Garanzia ASTOI