Storia del Botswana

La storia del Botswana parte da più di 100.000 anni fa, quando i primi esseri umani abitavano la regione. Gli abitanti originali dell’Africa meridionale erano i popoli Bushmen (San) e Khoi. Entrambi parlano la lingua Khoisan e vivono come cacciatori-raccoglitori. Circa un migliaio di anni fa grandi domini iniziano ad emergere, successivamente eclissati dal grande impero dello Zimbabwe, che si diffuse nel Botswana orientale.
Intorno al 1300, nell’attuale Transvaal iniziano a coesistere i tre gruppi linguistici e politici principali, tra cui il Batswana. Il Batswana (plurale di Motswana), un termine usato anche per indicare tutti i cittadini del Botswana, rimane il principale gruppo etnico del Paese. Prima del contatto europeo, il Botswana era abitato da pastori e agricoltori. Quando i gruppi si dividono e si trasferirono in nuove terre, furono create nuove tribù. Alcuni sviluppi umani si sono verificati prima del periodo coloniale.
Durante il 1700, gli scambi di schiavi e avorio erano in espansione. Per resistere a queste pressioni, Shaka, re dell’Impero di Zulu, mobilitò un esercito. Le tribù conquistate hanno cominciato a muoversi a nord-ovest nel Botswana, distruggendo tutto ciò che incontravano sul loro cammino. I capi, nel tentativo di ricostruzione, cominciano a scambiare avorio e pelli in cambio delle armi dei commercianti europei, che avevano cominciato a raggiungere l’interno. I missionari cristiani inviati dall’Europa si diffondono anche all’interno, spesso su invito dei capi tribali che volevano le pistole e sapevano che la presenza di missionari incoraggiava i commercianti. Entro il 1880 ogni grande villaggio aveva un missionario residente e la loro influenza divenne permanente. La cristianizzazione è stata completata in Botswana sotto il regno del re Khama III (regnato 1875-1923). C’erano otto tribù principali (o capi) e quella dominante era la Bangwaketse.

Alla fine dell’Ottocento scoppiano le ostilità fra gli abitanti Tswana del Botswana e le tribù di Ndebele che stavano migrando nel territorio dal nord-est. Le tensioni si sono aggravate con i coloni boeri del Transvaal. Dopo gli appelli dei capi Khama III, Bathoen e Sebele per l’assistenza, il governo britannico ha messo Bechuanaland sotto la sua protezione, il 31 marzo 1885.  Il territorio settentrionale rimase sotto amministrazione diretta come protettorato Bechuanaland, il Botswana moderno. Il territorio meridionale, invece, è entrato a far parte della Cape Colony ed è ora parte della provincia nord-occidentale del Sudafrica. La maggior parte delle persone che parlano Setswana oggi vive in Sudafrica.
Nel giugno 1964, il Regno Unito ha accettato la propost di un governo autonomo democratico nel Botswana. La sede del governo fu trasferita nel 1965 da Mafikeng in Sudafrica, fino al nuovo Gaborone, situato vicino al confine con il Sudafrica del Botswana. Basandosi sulla costituzione del 1965, il paese ha tenuto le sue prime elezioni generali con il suffragio universale e ha ottenuto l’indipendenza il 30 settembre 1966. Seretse Khama, leader del movimento di indipendenza e legittimo sostenitore della leadership di Ngwato, è stato eletto come primo presidente e successivamente rieletto altre due volte.

La presidenza è passata al vicepresidente in carica, Quett Masire, eletto a sua volta nel 1984 e rieletto nel 1989 e nel 1994. Masire si ritirò dall’incarico nel 1998. Succeduto da Festus Mogae, eletto a pieno diritto nel 1999 e rieletto nel 2004. La presidenza passa nel 2008 a Ian Khama (figlio del primo Presidente), che era stato Vice Presidente di Mogae, dopo che ha rassegnato le dimissioni nel 1998.
Una disputa lunga sul confine settentrionale con la striscia di Caprivi della Namibia è stata oggetto di una sentenza pronunciata dalla Corte internazionale di giustizia nel dicembre del 1999, che ha stabilito che l’isola di Kasikili appartiene al Botswana.

Altri viaggi che potrebbero interessarti

Durata: 9 giorni / 6 notti

da € 3760 - Voli esclusi

Durata: 10 giorni / 7 notti

da € 880 - Voli esclusi

Articoli che potrebbero piacerti

La capitale Djibouti La città di Djibouti serve diversi scopi. In primo luogo, è una grande area per le escursioni nell’entroterra o sul mare. In secondo luogo, serve come una piccola dose di comfort quando si torna da quelle escursioni: ci sono buoni ristoranti, bar e alberghi. In terzo luogo, è davvero affascinante e facile […]

La regolarità e l’abbondanza dell’inondazione annuale del fiume Nilo, unitamente al semi-isolamento fornito dai deserti a est e ovest, permettono lo sviluppo di una delle più grandi civiltà del mondo. Un regno unificato sorse intorno al 3200 a.C. e una serie di dinastie hanno governato l’Egitto nei successivi tre millenni. L’ultima dinastia cadde ai persiani […]

I nostri Tour Operator al tuo servizio per la tua esperienza di viaggio senza confini. Clicca e parti.

I nostri cluster: realizza il sogno di un viaggio per le tue esigenze e passioni. Clicca e parti.

Semplifichiamo la pianificazione e la realizzazione di un viaggio di lavoro o per affari. Clicca e parti.

Per il mondo delle agenzie di viaggio. Clicca e fai business con Go World.

Per chi ama i social media. Clicca e sogna il tuo prossimo viaggio.

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: Procedendo con la compilazione e con l'invio di questo modulo, Lei acconsente al trattamento dei dati personali da Lei forniti per la finalità e nei limiti indicati nell'informativa privacy del sito, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Go Australia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02116980422 R.E.A. AN 162472
Capitale Sociale € 30.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
ASTOI Fondo di Garanzia ASTOI