Sport e gastronomia in Zambia

Sport

Lo Zambia ha dichiarato la propria indipendenza il giorno della cerimonia di chiusura delle Olimpiadi estive del 1964, diventando così il primo paese ad essere entrato in un paese olimpico e lasciato come un altro. Zambia ha partecipato alle Olimpiadi estive 2008 a Pechino.
Il calcio è lo sport più popolare in Zambia, e la squadra nazionale di calcio dello Zambia ha avuto i suoi momenti trionfali nella storia del calcio. Nelle Olimpiadi di Seoul del 1988, la nazionale ha sconfitto la nazionale italiana con un punteggio di 4-0. Kalusha Bwalya, il più celebre giocatore di calcio dello Zambia e uno dei più grandi giocatori di calcio dell’Africa nella storia, avevano un trucco di un cappello in quella partita. Tuttavia, ancora oggi, molti esperti affermano che la più grande squadra che Zambia ha mai assemblato era quello che è morto il 28 aprile 1993 in un incidente aereo a Libreville, in Gabon. Nonostante questo, nel 1996, lo Zambia è stato classificato al quindicesimo posto sulla classifica ufficiale del FIFA World Football Team, il più alto raggiunto da qualsiasi squadra dell’Africa meridionale. Nel 2012 Zambia ha vinto la Coppa delle Nazioni Africane per la prima volta dopo aver perso in finale due volte. Hanno picchiato la Costa d’Avorio 8-7 in un rigore-out nella finale, che è stato giocato a Libreville, a pochi chilometri dal crash aereo 19 anni prima.
Rugby Union, boxe e cricket sono anche sport popolari in Zambia. In particolare, a un certo punto dei primi anni 2000, le squadre nazionali di rugby dell’Australia e del Sudafrica furono capitanate da giocatori nati nello stesso ospedale di Lusaka, George Gregan e Corné Krige. Zambia vanta di avere i più alti pali di rugby nel mondo, situato al Luanshya Sports Complex di Luanshya.
L’unione di rugby in Zambia è un sport minore ma crescente. Attualmente sono classificati 73rd dall’IRB e hanno 3.650 giocatori registrati e tre club formalmente organizzati. Zambia usava giocare a cricket come parte di Rodezia. Lo Zambia ha anche fornito stranamente un brillante internazionale, Eddie Tembo, nato in Zambia, che rappresenta la Scozia nelle regole di compromesso Shinty / Hurling contro l’Irlanda nel 2008.
Nel 2011 lo Zambia doveva ospitare il decimo All-Africa Games, per il quale tre stadi dovevano essere costruiti a Lusaka, Ndola e Livingstone. Lo stadio di Lusaka avrebbe una capacità di 70.000 spettatori mentre gli altri due stadi avrebbero detenuto 50.000 persone ciascuna. Il governo stava incoraggiando il settore privato a partecipare alla costruzione degli impianti sportivi a causa di una carenza di fondi pubblici per il progetto. Zambia ha quindi revocato la sua offerta per ospitare i Giochi All-Africa del 2011, citando una mancanza di fondi. Quindi, Mozambico ha preso il posto di Zambia come ospite.
Zambia ha anche prodotto il primo afro nero (Madalitso Muthiya) a giocare negli Stati Uniti Golf Open, uno dei quattro tornei di golf più importanti.

Nel 1989, la squadra di pallacanestro del paese ha avuto le migliori prestazioni quando ha qualificato per il campionato FIBA Africa e quindi finito come uno dei primi dieci squadre dell’Africa.

Nel 2017, lo Zambia ospitò il Coppa Usa di Nazione U-20 del torneo di calcio panafricano per i giocatori di 20 anni e sotto.

Gastronomia

Sulla superficie, la cucina locale nei paesi dell’Africa meridionale sembra molto simile. Ma se guardi più vicino – o se parli a un locale – scoprirai presto che all’interno di ogni cucina in questa parte del mondo, un variegato e infinito assortimento di delizie gastronomiche sta per essere dished up. In Zambia, artisti dello chef e degli alimenti Anna Sikombe, chiarisce che il suo paese confeziona un pugno quando si tratta di cibo. Prepara la squadra di AFREAKA otto piastre diverse per campionare, rivelando a noi attraverso ogni morso i segreti della gastronomia saporita dello Zambia.

Ci sono due regole fondamentali nella cucina di Anna. Il primo è che devi mangiare con le tue mani. Il contatto diretto con il cibo aumenta l’esperienza sensoriale di mangiare e rende un piatto ancora più appetitoso. In qualsiasi ristoro – dal negozio di angoli al ristorante raffinato – ti verrà fornito sapone e un vaso d’acqua con cui lavare le mani prima di mangiare. La seconda regola è che non puoi ignorare ‘nshima’, che in altri paesi è conosciuto come pap o sadza. È un tipo di purea, leggermente più spessa di patate (ma ingannevolmente simile all’aspetto), fatta di mais, miglio o cassava (primi cugini di mais).

La preparazione di nshima è lungi dal difficile, che è uno dei motivi per cui è così popolare. Pratico e appetitoso, nshima è anche estremamente riempitivo e conveniente. La tradizione chiede che uno chef deve preparare un fuoco di legna su cui far bollire una pentola d’acqua, aggiungendo il granturco e mescolando costantemente con un cucchiaio di legno (il piatto può essere preparato anche su una stufa a gas). Alcune persone preferiscono una nshima più morbida o più strutturata, un effetto ottenuto alterando la quantità aggiunta di mais.

Cosa servire con nshima? La carne è il piatto principale. Un’altra opzione è il cappa o il pesce essiccato, costituito da sardine essiccate in una base di pomodoro e cipolla. Ci sono anche i “polli da paese”, che sono polli liberi senza ormone allevati in ambienti rurali. Altre opzioni includono pesce fresco, manzo, capra, impala e kudu, specie locali di antilopi. Ultimo ma non meno importante è la carne di bruco, molto comune nella regione e, secondo critiche alimentari di prima volta e viaggiatori in Zambia, ha un sapore molto simile a gamberetti.

In cima a tutto, troverete le verdure locali, che vengono solitamente sorseggiate e mescolate insieme agli anacardi. Tra le opzioni per le verdure sono i kalembula (piccole foglie di patate dolci), bondwe (foglie di zucca spremute), kandolo (patata dolce) e Impwa (una verdura gialla locale con forma di un piccolo peperoncino). Ogni regione dello Zambia ha il proprio modo di arrotondare un piatto, con diversi metodi di condimento, molti dei quali ti faranno capire come ‘caldo’ la gente del posto piace. Infine, per il dessert, si possono provare frutta selvatica, come masuku e infungo, che vengono serviti freschi o secchi.

Seduto al tavolo da pranzo con le nostre mani schiumato pulito, è il momento di mangiare! Il modo tradizionale per iniziare un pasto è quello di prendere una porzione di nshima nel tuo palmo e la scanalare nella forma di una palla. Il secondo passo è quello di immergere il nshima in salsa di carne o vegetale, scavando alcuni degli ingredienti solidi lungo la strada. Alcuni piatti in Zambia vengono serviti quotidianamente, mentre altri sono per occasioni speciali. Oggi in Zambia, alcuni pasti sono diventati ‘cucina alta’ – e non è un gioco di parole. Se dimentichi i suggerimenti sopra indicati, prova a ricordare una cosa: quando si visita lo Zambia, divertiti con il cibo e godetevi il modo in cui gli abitanti fanno. Non puoi andare male.

Lo chef Anna Sikombe Mukusu lavora presso il Southern Sun Hotel di Lusaka e può preparare, su richiesta, uno dei piatti menzionati in questo articolo.

Altri viaggi che potrebbero interessarti

Durata: 10 giorni / 7 notti

da € 1410

Durata: 10 giorni / 7 notti

da € 3760 - Voli esclusi

Articoli che potrebbero piacerti

La coltivazione della vaniglia per il Madagascar sta diventando un problema. Scoprite perché!

Passaporto e visto Passaporto: necessario, con validità residua di almeno tre mesi al momento dell’arrivo nel Paese. Per le eventuali modifiche a tale norma si consiglia di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata o il Consolato del Paese presente in Italia o presso il proprio Agente di viaggio. Viaggi all’estero dei minori: si prega di consultare l’Approfondimento […]

I nostri Tour Operator al tuo servizio per la tua esperienza di viaggio senza confini. Clicca e parti.

I nostri cluster: realizza il sogno di un viaggio per le tue esigenze e passioni. Clicca e parti.

Semplifichiamo la pianificazione e la realizzazione di un viaggio di lavoro o per affari. Clicca e parti.

Per il mondo delle agenzie di viaggio. Clicca e fai business con Go World.

Per chi ama i social media. Clicca e sogna il tuo prossimo viaggio.

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: Procedendo con la compilazione e con l'invio di questo modulo, Lei acconsente al trattamento dei dati personali da Lei forniti per la finalità e nei limiti indicati nell'informativa privacy del sito, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Go Australia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02116980422 R.E.A. AN 162472
Capitale Sociale € 30.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
ASTOI Fondo di Garanzia ASTOI