Sport e gastronomia in Marocco

Sport

Il calcio è lo sport più popolare del paese, soprattutto tra i giovani. Nel 1986, il Marocco è diventato il primo paese arabo e africano a qualificarsi per il secondo turno della Coppa del Mondo FIFA. Il Marocco è stato originariamente nominato per ospitare la Coppa delle Nazioni Africa del 2015, ma ha rifiutato di ospitare il torneo nelle date previste a causa dei timori riguardo l’episodio ebola nel continente.

Nei Giochi Olimpici del 1984, due marocchini hanno vinto medaglie d’oro nell’atletica. Nawal El Moutawakel ha vinto nei 400 metri ostacoli: era la prima donna di un paese arabo o islamico a vincere una medaglia d’oro olimpica. Saïd Aouita ha vinto i 5000 metri agli stessi giochi. Hicham El Guerrouj ha vinto medaglie d’oro per il Marocco alle Olimpiadi estive del 2004 nei 1500 metri e 5000 metri e detiene diversi record mondiali.
Gli spettatori sportivi in Marocco si sono tradizionalmente dedicati all’equitazione finché non sono stati introdotti, alla fine del XIX secolo, gli sport europei come il calcio, il polo, il nuoto e il tennis. Tennis e golf dono diventati molto popolari. Molti giocatori professionisti marocchini hanno gareggiato in competizioni internazionali e il paese ha portato la sua prima squadra in coppa Davis nel 1999. Il rugby è arrivato in Marocco all’inizio del XX secolo, principalmente grazie ai francesi che hanno occupato il paese. Di conseguenza, il rugby marocchino era legato alle fortune della Francia, durante la prima e la seconda guerra mondiale, con molti giocatori marocchini che andavano a combattere. Come molti altri paesi del Maghreb, il rugby marocchino tendeva ad ispirarsi all’Europa, piuttosto che al resto dell’Africa.

 

Gastronomia

La cucina marocchina è da tempo considerata come una delle cucine più diversificate del mondo. Questo è il risultato dell’interazione secolare del Marocco con il mondo esterno. La cucina del Marocco è principalmente una fusione di cucina moresca, europea e mediterranea.
Le spezie vengono utilizzate ampiamente nella cucina marocchina. Mentre le spezie sono state importate in Marocco per migliaia di anni, molti ingredienti come lo zafferano di Tiliouine, la menta e le olive di Meknes, e le arance e i limoni di Fez sono di casa. Il pollo è la carne più diffusa in Marocco. La carne rossa più comunemente mangiata in Marocco è quella bovina; l’agnello è preferito ma è relativamente costoso. Il piatto principale marocchino che conosce la maggior parte delle persone è il cuscus.
Il manzo di solito mangiata in un Tajine con verdure o legumi. Anche il pollo è preparato al Tajine, con patate e olive quello più famoso. Le razze di pecora del Nord africano conservano la maggior parte dei loro grassi nella code, perciò l’agnello marocchino non ha il sapore pungente che hanno l’agnello e il montone occidentali. Anche il pollame è molto comune e l’uso dei frutti di mare aumenta nel cibo marocchino. Inoltre, ci sono carni salate secche e carni salate salate, quali kliia / khliae “g’did”, che vengono utilizzate per assaggiare tagine o utilizzate in “elghraif” una piastra salata marocchina piegata “.
Tra i più famosi piatti marocchini ci sono Couscous, Pastilla (anche scritti Bsteeya o Bestilla), Tajine, Tanjia e Harira. Anche se quest’ultimo è una zuppa, è considerato come un piatto in sé e viene servito come tale o con datteri, soprattutto durante il mese di Ramadan. Il consumo di maiale è vietato in conformità con la Sharia, leggi religiose dell’Islam.
Una gran parte del pasto quotidiano è il pane. Il pane in Marocco è principalmente di semola di grano duro conosciuto come khobz. Le panetterie sono molto comuni in tutto il Marocco e il pane fresco è un elemento fondamentale in ogni città e villaggio. Il più comune è il grano intero a grana grossa o il pane di farina bianca.
La bevanda più popolare è “atai”, tè verde con foglie di menta e altri ingredienti. Il tè occupa un posto molto importante nella cultura del Marocco ed è considerato una forma d’arte. Viene servito non solo durante i pasti, ma tutto il giorno, ed è soprattutto una bevanda simbolo di ospitalità, generalmente servito ogni volta che ci sono ospiti, ed è scortese rifiutarlo.

Articoli che potrebbero piacerti

Passaporto e visto Passaporto: necessario, con validità residua di almeno sei mesi alla data di partenza per il Paese. Per le eventuali modifiche a tale norma, si consiglia di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata o il Consolato del Paese presente in Italia o presso il proprio Agente di viaggio. Viaggi all’estero dei minori: si prega di […]

Passaporto e visto Il passaporto è necessario, con validità residua di almeno 6 mesi a partire dalla data del rientro. Per le eventuali modifiche si consiglia di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata o il Consolato del Paese presente in Italia o presso il proprio Agente di viaggio. Il visto d’ingresso non è necessario per turismo fino […]

I nostri Tour Operator al tuo servizio per la tua esperienza di viaggio senza confini. Clicca e parti.

I nostri cluster: realizza il sogno di un viaggio per le tue esigenze e passioni. Clicca e parti.

Semplifichiamo la pianificazione e la realizzazione di un viaggio di lavoro o per affari. Clicca e parti.

Per il mondo delle agenzie di viaggio. Clicca e fai business con Go World.

Per chi ama i social media. Clicca e sogna il tuo prossimo viaggio.

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: Procedendo con la compilazione e con l'invio di questo modulo, Lei acconsente al trattamento dei dati personali da Lei forniti per la finalità e nei limiti indicati nell'informativa privacy del sito, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Go Australia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02116980422 R.E.A. AN 162472
Capitale Sociale € 30.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
ASTOI Fondo di Garanzia ASTOI