Località da visitare in Swaziland

Mbabane

Mbabane è la capitale dello Swaziland, anche se il parlamento e il complesso reale, Ludzidzini, sono nella vicina Lobamba. Circondato dai monti Mdimba, segna l’ingresso alla Sibebe Rock, un’enorme collina di granito con sentieri, grotte e cascate. A sud, la Valle Ezulwini è caratterizzata da sorgenti calde e mercati artigianali. Nella riserva naturale di Mantenga, il villaggio culturale Mantenga ricrea la vita del XIX secolo con capanne e danze tradizionali.


Sibebe Rock

Sibebe Rock, a circa 8 km a nord-est di Mbabane, una massiccia cupola di granito attraversa la campagna circostante. È il secondo monolito più grande del mondo, dopo Uluru in Australia, ma notevolmente meno visitato. Gran parte della roccia è completamente pura ed è possibile effettuare arrampicate impegnative ma molto adrenaliniche. Le guide comunali effettuano escursioni guidate.


Hawane Nature Reserve

L’Hawane Nature Reserve fu istituita nel 1978 per proteggere una zona di palude lungo il fiume Mbuluzi. Questa zona comprende l’habitat naturale di Kniphofia umbrina. Quando la diga Hawane fu costruita nel 1988 per fornire l’approvvigionamento idrico di Mbabane, la riserva fu ampliata per proteggere le zone umide circostanti. La riserva è gestita dalla Swaziland National Trust Commission.
L’attrazione principale della riserva è la sua ricchezza di volatili. Un sentiero è previsto per il bird watching. Le specie di uccelli includono il falco di Lanner, l’oca egiziana, il martin pescatore e l’anatra a facciabianca.


Manzini

Manzini è il capoluogo della omonima regione dello Swaziland. La città è il secondo centro urbano più grande del paese dopo Mbabane, con una popolazione di 78.000 abitanti. È conosciuto come “The Hub” di Swaziland e si trova sulla strada MR3. Il sito industriale primario dello Swaziland a Matsapha si trova vicino al confine occidentale della città.
Vicino Manzini si trova il Parco Nazionale di Hlane Royal. Una zona pianeggiante con prati e piante, attraversato dal fiume Umbuluzana. Le strade e i sentieri offrono la possibilità di osservare diversi animali selvatici come leoni, elefanti, ippopotami, rinoceronti bianchi, leopardi e giraffe. Gli avvoltoi bianchi e gli altri rapaci nidificano negli antichi alberi. Il parco ospita anche una colonia di cicogne marabù.


Mlilwane Wildlife Sanctuary

Area di conservazione per l’osservazione degli animali, escursioni, equitazione e nuoto, è il santuario della Wildlife di Mlilwane, una fattoria polifunzionale che è stata definita “un sogno impossibile”. La riserva è stata istituita nel 1961 ed è ora la eco-destinazione più popolare del regno sia per turisti locali che internazionali.
Il nome ‘Mlilwane’ (‘Little Fire’ in siSwati) deriva dai numerosi incendi causati dagli scioperi sulle collina di Mlilwane, ed è proprio per via di questi incendi che si è innescato il movimento conservazionista di questo territorio.
Vicino al Mlilwane si trovano altri parchi molto interessanti.


Mantenga Nature Reserve

Mantenga è una piccola area protetta di 725 ettari in un angolo appartato della Valle Ezulwini. Le cascate Mantenga sono le più conosciute nello Swaziland, e la più grande in termini di volume d’acqua (95 metri di altezza). I visitatori possono esplorare la riserva a piedi, in mountain bike o in auto, e c’è anche un luogo per fare pic-nic ombreggiato adiacente al fiume sotto le cascate.
La riserva ospita il Villaggio Culturale Mantenga, un museo vivente di antiche tradizioni e rappresenta uno stile di vita classico Swazi durante gli anni ’50. Esso comprende 16 capanne, corti e foreste per bovini e capre, recinzioni e altre strutture. I visitatori sono incoraggiati a interagire con le persone del villaggio e possono farlo macinando il mais, intrecciando l’erba di montagna o partecipando alle canzoni e alla danza Swazi.
Il villaggio culturale Mantenga è l’unica struttura turistica dello Swaziland che gestisce tutto in modo indipendente. Nel corso degli anni il gruppo ha ottenuto il riconoscimento internazionale con inviti a comparire a eventi internazionali in diverse parti del mondo.
Nonostante le piccole dimensioni di Mantenga, in questo parco ci vive un gran numero di mammiferi di medie dimensioni. Ci sono scimmie
(cercopiteco verde e babbuini), porcospini, lontre e galagini. Un predatore che è stato avvistato è il servalo. È probabile avvistare anche i leopardi e molte varietà di uccelli. Le rive del fiume e le aree boscose sono anche la patria di un’elevata diversità di invertebrati come le farfalle e le libellule.


King Sobhuza II Memorial Park

Questo parco è stato dedicato al re Sobhuza II dello Swaziland.
Conserva la memoria del regname dell’amato re e oggi è riservato a scopi turistici o per incontri ufficiali.
Il parco comprende:
– La statua del re di bronzo alta tre metri posizionata ad est, dove sorge il sole. Infatti il monarca è paragonato al sole che sorge sullo Swaziland.
– Gli scudi. La statua del re è circondata da scudi. Questo simboleggia la sua posizione all’interno del regno dove è considerato una figura centrale.
– Le Palme Reali. Queste erano la specie di alberi più adorata dal re, infatti ha fatto costruire una residenza chiamata “Masundvwini” cioè l’area delle palme.
– Le statue di leoni. Il simbolo del leone rappresenta il re. Tradizionalmente, prima che un re Swazi salga al trono, deve uccidere un leone.
– L’ingresso reale. Solo il Re, la Regina Madre, Capi di Stato, Capi di missioni straniere possono entrare attraverso questo ingresso.
– The Memorial Torch. La torcia ha lo scopo di mostrare che lo spirito del re Sobhuza è ancora vivo. Viene accesa nei giorni importanti, cioè il compleanno dei re, il giorno dell’indipendenza (giornata di Somhlolo) e quando un capo di Stato straniero è in visita al Parco.
-Il Museo. Questo è costituito da una mostra pittorica della storia della vita di Re Sobhuza II, dal momento in cui è nato nel 1899 fino al 1982 quando è morto.
– Il Mausoleo. Questa è la parte più sacra del parco. Il mausoleo si trova sul punto in cui il suo corpo è stato posato durante il funerale statale che si è svolto il 3 settembre 1982. È stato mostrato alla nazione prima di essere portato all’ultimo luogo di riposo sulle montagne di Mbilaneni, nel sud del paese.


Lobamba

Lobamba, centro spirituale e culturale del Regno, ospita lo Stadio Nazionale di Somhlolo, le Camere del Parlamento, il Museo Nazionale e gli Archivi e il Parco Memoriale King Sobhuza II, nonché il kraal reale a Ludzidzini, circondato da pianure su cui la nazione si riunisce per l’annuale Incwala e Umhlanga. Questa zona ospita la reggia dello Swaziland da più di 200 anni.
A Ludzidzini, tra le abitazioni del villaggio reale, c’è il reame della madre regina, le cui pareti sono rinforzate simbolicamente con canne portate dalle ragazze durante la festa Umhlanga annuale. Di fronte si trova una sala con poltrone per VIP, e dove si svolgono le cerimonie conclusive dell’Umhlanga. Durante l’Umhlanga e l’Incwala, le pianure circostanti si riempiono di persone in abito tradizionale intente a festeggiare questi eventi. Con le montagne Mdzimba dietro, dona una vista spettacolare.


Mbuluzi Game Reserve

Mbuluzi Game Reserve è una riserva di proprietà privata offre sistemazioni per i visitatori in varie strutture alberghiere di lusso, situate sulle rive del fiume Mlawula e in un tranquillo campeggio appartato lungo il fiume Mbuluzi.
È il luogo ideale per le attività guidate nel bosco. Ci sono grandi coccodrilli del Nilo in entrambi i fiumi che attraversano la riserva, quindi cautela quando si pesca e quando ci si avvicina al bordo dell’acqua.
La riserva di Mbuluzi ha un certo numero di mammiferi oggetto di osservazione sia dall’auto che a piedi, in quanto in generale non ci sono grandi animali o animali potenzialmente pericolosi.
Le principali specie di mammiferi che vediamo nella riserva sono: giraffe, zebre, gnu, antilopi, cudù, tragelafo striato, facoceri, babbuini e il cercopiteco verde.


Malolotja Nature Reserve

La Riserva Naturale Malolotja comprende oltre 18.000 ettari di deserto di montagna nel nord-ovest dello Swaziland. La riserva garantisce ambienti umidi protetti, boschi, pascoli e laghetti per una grande varietà di vita vegetale e animale.
I sentieri escursionistici di Malolotja si collocano tra i più belli dell’Africa meridionale in quanto offrono un’immagine della vera regione selvaggia con un’affascinante varietà di fauna e flora. Ci sono circa 200 km di sentieri escursionistici e diciassette campi di backpacking che permettono agli escursionisti di intraprendere percorsi selvaggi da due a sette giorni di durata.
Malolotja è conosciuta per i suoi fiori selvatici, tra cui Brunsvigias, specie in via di estinzione come i cicidi Barberton e Kaapsehoop, specie insolite come Streptocarpus dunnii e quasi quaranta specie di orchidee.
Malolotja è stata riconosciuta come una delle zone con un’alta concentrazione di uccelli rari dell’Africa meridionale. La riserva è particolarmente importante per le specie a rischio estinzione, quali la rondine blu, la gru azzurra e l’ibis calvo, e più di 280 specie di uccelli sono stati registrati dalla riserva, più della metà del numero dell’intero Swaziland.
La riserva fornisce anche un importante habitat protetto per una varietà di pesci d’acqua dolce, tra cui diverse specie rare.
Malolotja ha una grande varietà di piccoli mammiferi, e i mammiferi più grandi comprendono specie come il rhebok e l’oribi grigio, così come le zebre, l’antilope alcina e lo gnu.

Articoli che potrebbero piacerti

Fiabe, miti e leggende Ecco la leggenda su come fu creato il mondo. Wak è descritto come il Dio creatore che viveva sulle nuvole che ha retto la volta celeste sopra la terra e l’ha ricoperta di stelle. Poiché la terra era piatta e vuota, Wak chiese all’uomo di costruirsi una bara, in cui Wak […]

Mozambico

Il Mozambico ha un clima tropicale con due stagioni, una stagione umida da ottobre a marzo e una stagione secca da aprile a settembre. Le condizioni climatiche, tuttavia, variano a seconda dell’altitudine. Le piogge sono consistenti lungo la costa e diminuiscono nel nord e nel sud. Le precipitazioni annuali variano da 500 a 900 mm […]

I nostri Tour Operator al tuo servizio per la tua esperienza di viaggio senza confini. Clicca e parti.

I nostri cluster: realizza il sogno di un viaggio per le tue esigenze e passioni. Clicca e parti.

Semplifichiamo la pianificazione e la realizzazione di un viaggio di lavoro o per affari. Clicca e parti.

Per il mondo delle agenzie di viaggio. Clicca e fai business con Go World.

Per chi ama i social media. Clicca e sogna il tuo prossimo viaggio.

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: Procedendo con la compilazione e con l'invio di questo modulo, Lei acconsente al trattamento dei dati personali da Lei forniti per la finalità e nei limiti indicati nell'informativa privacy del sito, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Go Australia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02116980422 R.E.A. AN 162472
Capitale Sociale € 30.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
ASTOI Fondo di Garanzia ASTOI