Località da visitare in Costa d’Avorio

Grand-Bassam

Il Grand-Bassam, sito patrimonio mondiale dell’UNESCO, è un mix tra eleganti palazzi parigini e edifici comunali coloniali.
Questa zona regnò come capitale della Costa d’Avorio francese.
Alcuni degli edifici sono stati restituiti alla loro antica gloria, e i visitatori possono ancora visitare la grande cattedrale del Sacro Cuore e l’affascinante Museo del Costume.
Il nuovo Grand-Bassam è dove oggi si svolge la maggior parte della vita, mentre le spiagge a ovest e ad est sono popolate di hotel e resort.

 

Abidjan

Il cuore della nazione si trova sulla costa meridionale lungo le zone costiere della laguna Ebrié.
Con più di quattro milioni di abitanti, è la seconda metropoli dell’Africa occidentale.
E sebbene non sia ufficialmente il capitale della Costa d’Avorio (questo onore va a Yamoussoukro), è forse la città migliore da visitare per avere un assaggio della nazione.

I visitatori possono passeggiare per le strade frenetiche del ruvido quartiere Plateau centrale, vedere le frangefoniche guglie della cattedrale di St. Paul, colpito il Museo Nazionale, mangiare curry di cassava locale sugli angoli della strada.


Man

Rannicchiata sulle vette dei monti Toura, nel cuore della campagna della Costa d’Avorio, la città rurale di Man è circondata da fattorie e piantagioni di cacao a perdita d’occhio.

Le cime di Tonkoui e Toura – i due monti più alti della Costa d’Avorio – dominano l’orizzonte, mentre i turisti sono attratti dalla visita alla cascate di Cascades.

Altri invece preferiranno escursioni nelle famose foreste di bambù, dove fluttuano farfalle multicolori e gli insetti rari vivono nel sottobosco.

 

Taï National Park

Una grande area di oltre 3.000 chilometri quadrati è occupata dalle riserve del Parco Nazionale Taï, una delle più grandi aree protette di ciò che rimane delle foreste pluviali della Guinea superiore, una volta dominanti in tutta l’Africa occidentale, dal Gabon fino al Senegal.

Una terra selvaggia, un mosaico di valli fluviali, boschi umidi, montagne isolate e savana.

E poi c’è la fauna, che comprende l’ippopotamo pigmeo in via di estinzione, le scimmie colobo verde, i duikers e gli scimpanzé.

 

Jacqueville

Orlata da spiagge del tipico color avorio avorio, la piccola Jacqueville si riversa nel mare dalla Laguna Ebrié. Le sue spiagge emergono dalle piante di ananas per incontrare le onde dell’Oceano Atlantico.
Vecchi portici parigini e costruzioni coloniali lentamente decadono sotto l’ombra delle palme, mentre le capanne di paglia incontrano barchette di legno verniciate lungo la riva.

 

San-Pédro

I porti di San-Pédro si protendono dalle foreste meridionali della Costa d’Avorio come grandi viticci che si infilano nelle acque atlantiche.

Seconda città portuale del paese, questo posto sul mare ha regalato enormi carichi di minerali e pesce per decenni.

Intorno a essa è esplosa una città vivace, energica e incantevole, fatta di case basse e di strade polverose, intervallate da sporadiche discoteche e birrerie.

Ci sono anche numerosi disegni naturali nelle vicinanze; dalle foreste pluviali primitive dell’Alta Guinea del Parco Nazionale Taïa alle splendide spiagge di Bas-Sassandra.


Yamoussoukro

La visita di Yamoussoukro è un’esperienza strana. Ricca di ampi viali e grandi spazi aperti, nuovi edifici governativi e hotel a molti piani, la metropoli può sembrare una città fantasma.
Vale la pena ricordare che è diventata capitale della Costa d’Avorio nel 1983 – un progetto del presidente Houphouët-Boigny, che è nato qui nel 1908. Tuttavia, ci sono alcuni luoghi interessanti, tra cui spicca la colossale Basilica di Nostra Signora della Pace, la più grande chiesa cristiana del pianeta, fatta di cupole e colonne che riflettono la grandezza di Roma.


K
orhogo

Korhogo ha una lunga storia di instabilità politica e opposizione allo status quo. È qui che si sono svolti gli ultimi colpi di stato nei primi anni 2000, con gruppi ribelli che manifestavano contro il governo.

Oggi, le cose sono un po’ più tranquille – per quanto possa essere tranquilla la radicale Korhogo! Oltre alle tendenze rivoluzionarie, la città di fango è un luogo veramente affascinante, animato da bazar ricoperti di cotone, anacardi e spezie, l’incantevole quartiere di Woodcarver con l’artigianato e il Village des Tisserands (situato a pochi passi di distanza) regno delle stoffe batik emolto altro ancora.

 

Bouaké

Uno dei grandi crocevia tra il nord e il sud, Bouaké si trova quasi nel mezzo tra la costa atlantica, i confini settentrionali, la Guinea ad est e il Ghana ad ovest.

E mentre le divisioni nazionali si manifestano, la città rimane una sorta di fusione di tutte le influenze tribali e politiche, completa di personaggi semplici e gente del posto interessante.

I mercati, le arti e l’artigianato sono veramente centrali.

L’intera regione delle piantagioni orientali non è solo famosa per la sua produzione di cotone, ma si possono incontrare commercianti locali che vendono tegami di argilla nera intorno alla Cattedrale di San Michele, e molti altri empori affascinanti da esplorare.

 

Comoe National Park

Distese tra le città del nord e le frontiere del Ghana, le vaste terre del Parco Nazionale di Comoe sono una vera e propria attrattiva per gli ecoturisti e per gli amanti dell’aria aperta che visitano la Costa d’Avorio.
Il parco è composto da foresta e savana pianeggiante, punteggiate da alte rocce e dai tortuosi meandri del fiume Comoé.
E i visitatori possono ammirare cefalofi dal dorso giallo, cercopitechi mona, colobus e pangolini, leopardi, leoni e molti altri animali nel loro habitat naturale.

 

Mount Nimba Strict Nature Reserve

Scivolando attraverso i confini della Costa d’Avorio e nelle aree selvagge della Guinea meridionale, questo arco di cime montuose è considerato dall’UNESCO una delle riserve naturali più importanti in tutta l’Africa occidentale.
Infatti gli habitat spaziano da rare foreste pluviali alle alte pianure erbose, e danno origine ad una delle carrellate di fauna più variegate della regione.
Gli escursionisti che arrivano fin qui (di solito dalla vicina Danane) possono aspettarsi scimpanzé, rare farfalle, delle specie particolari di rospi e potamogalinae.

 

Sassandra

Una delle vie d’accesso alle spiagge del distretto Bas-Sassandra, nella Costa d’Avorio meridionale, la città di Sassandra vanta anni e anni di storia coloniale.
Con la sua posizione privilegiata ai margini del Golfo di Guinea, è stata colonizzata dai portoghesi, dagli inglesi e dai francesi e si è affermato come uno dei grandi porti per il trasporto di legname dell’Africa occidentale.

 

Marahoué National Park

Recentemente finito in prima pagina a causa della causa della sfortunata accelerazione dell’avanzare della deforestazione all’interno dei suoi confini (si stima che Marahoué abbia perso il 93% della sua copertura boschiva nell’ultimo decennio!), questa piccola riserva protetta vicino alla capitale di Yamoussoukro è il posto ideale.

Una volta casa di scimpanzé e grandi mandrie di elefanti, la fauna attuale ormai è un’ombra di ciò che è stata, ma sono ora in corso azioni di educazione e sensibilizzazione e operazioni di monitoraggio volte a cambiare la situazione.

 

Abengourou

Abengourou è una tappa interessante nell’estremo est della Costa d’Avorio.
Una delle città ancestrali dei popoli Akan, ha ancora la sede del capo della città, che viene ornata da una serie di misteriosi artefatti e reliquie.
Ci sono strade piene di baracche e piccoli mercati locali vivaci, insieme a una serie di edifici religiosi cristiani, sovrastati da una grande cattedrale.
L’aeroporto di Abengourou è anche uno dei principali punti di accesso per esplorazioni attraverso i campi di cacao e le piantagioni della regione.

Altri viaggi che potrebbero interessarti

Durata: 10 giorni / 7 notti

da € 950 - Voli esclusi

Durata: 10 giorni / 7 notti

da € 1.480 - Voli esclusi

Articoli che potrebbero piacerti

Musée National du Niger Il Musée National du Niger è una delle eccellenze dell’Africa Occidentale. Con numerosi padiglioni a tema, offre ai visitatori una panoramica sul presente e sul passato del Niger. Il padiglione Pablo Toucet mostra gli abiti dei diversi gruppi etnici del Niger – un modo rapido per allenare l’occhio a differenziare questi […]

Cultura La cultura e la società algerina sono state profondamente colpite da 130 anni di dominio coloniale, dalla lotta all’indipendenza e dalle successive ampie politiche di mobilitazione dei regimi di postindipendenza. È emersa una società transitoria, quasi radicata, la cui continuità culturale è stata profondamente minata. Sembra che solo una fede religiosa profonda e una […]

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: Procedendo con la compilazione e con l'invio di questo modulo, Lei acconsente al trattamento dei dati personali da Lei forniti per la finalità e nei limiti indicati nell'informativa privacy del sito, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Go Australia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02116980422 R.E.A. AN 162472
Capitale Sociale € 30.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
Continua a seguirci su