Località da visitare in Algeria

Timgad

Uno dei luoghi romani più belli romani esistenti, le rovine di Timgad si estendono quasi a perdita d’occhio su una pianura che in inverno è freddo e desolato e in estate caldo e secco. La sua perfetta conservazione lo ha reso un Patrimonio dell’Umanità Unesco – prendetevi il tempo per camminare lentamente, sostare nel luogo e Timgad prenderà vita.

Dall’entrata il sentiero porta al museo, che per molti anni è stato chiuso al pubblico e riservato solo agli studiosi. Questa è una vergogna perché contiene una collezione particolarmente impressionante di più di 200 mosaici, alcuni dei quali hanno quasi le dimensioni di una casa moderna. Tra i capolavori c’è una grande natura morta con pannelli che mostrano vari cibi; Il trionfo di Venere (a destra) circondato da un grande confine decorativo; e il mosaico di Filadelfi, raffigurante Giove e Antiope.

Le grandi vasche
Dal museo un sentiero conduce a nord-ovest ai Grandi Bagni del Nord, un enorme spazio pubblico di circa 40 camere costruite al di fuori delle mura originali del campo. I bagni sono stati progettati simmetricamente, con le stesse latrine, le stanze calde da entrambi i lati del complesso, che portano ad un frigidarium centrale, la camera fredda con una piscina a immersione ghiacciata e una stanza alle due estremità per rilassarsi dopo il bagno. Inoltre ci sono i resti di una grande villa privata, testimonianza della ricchezza di Timgad. Oltre a una serie di stanze di buone dimensioni, il proprietario di questa residenza desiderabile aveva i propri bagni, nella sala calda di cui una volta era il mosaico di Filadelfi (ora esposto nel museo).

Il centro città e la biblioteca
Tornando verso il museo, il sentiero, che era una volta la strada per Costantina (poi Cirta), continua fino alla porta settentrionale della città. La città romana originale fu progettata come una piazza perfetta, lunga 355 m su ogni lato, con questa porta posta nel mezzo della parete settentrionale. Da qui si arriva al cardo maximus, la principale strada nord-sud, un lungo tratto rettilineo di pavimentazione che corre lungo il centro della città. Cinque metri di larghezza e 180 metri di lunghezza, copriva uno dei condotti principali ed era delimitato da arcate o portici colonnati.

Il primo edificio sulla sinistra, all’interno, era uno dei 14 bagni o centri termali di Timgad, mentre la casa accanto, una di almeno altre cento scavate qui, dimostra di essere stata trasformata successivamente in una cappella cristiana. L’edificio più interessante di tutta questa strada si trova a cinque isolati, o incroci, dalla porta settentrionale, prima di raggiungere il centro. Progettato nel IV secolo, riutilizzando una struttura precedente, questa è una delle poche biblioteche pubbliche di epoca romana, l’altra a Efeso (Turchia). La parte più facilmente riconoscibile della biblioteca pubblica è la libreria, una stanza semicircolare che mostra ancora le nicchie in cui sono stati conservati i libri (in realtà pagine manoscritte o rotoli di pergamena). Andando oltre, il cardine termina ad una giunzione a T con il decumanus maximus, l’arteria principale est-ovest della città. C’è una splendida vista sulle file di colonne in direzione ovest lungo la strada e, in lontananza, l’arco di Traiano.

A est, la strada asfaltata conduce ai bagni orientali, completata nel 146 d.C., e la Porta Mascula, che segnava l’estremità orientale della città e l’inizio della strada per quella che ora è Khenchela. Ma continuando verso sud, attraverso il decumanus, al grande spazio aperto che è stato il foro. Il lato stradale del foro è stato occupato da una fila di negozi e, sulla sinistra, vi erano le latrine pubbliche, una grande sala con 24 buche con un drenaggio aperto lungo cui, speriamo, l’acqua scorreva continuamente. Il foro, grande 50m per 43m e circondato da colonne corinzie calcaree, statue, templi, uffici comunali e, in seguito da una grande basilica, avrebbe fornito uno spazio aperto di benvenuto nella città. Sembra anche ispirare un senso di benessere degno di invidia perché inciso sui gradini vi è il seguente slogan: Venari, lavare, ludere, ridere, occ est vivere – cacciare, lavarsi, giocare, ridere, cioè la vita.

Il Teatro & Forte
A sud del foro, il teatro era una delle gioie civiche di Timgad. È stato creato negli anni ’60 scavando in una collina e aveva posti a sedere per ben 3500 persone. Gli archeologi francesi hanno ricostruito gran parte di ciò che vediamo oggi. L’originale è stato ceduto dai soldati dell’imperatore Giustiniano quando costruirono la vicina fortezza nel 539. Tutto ciò che è accaduto qui nell’antichità, lo spettacolo principale per i visitatori oggi, è la splendida vista di tutto il sito dagli “dèi”, i posti più alti del teatro.

Dal teatro vale la pena camminare attraverso il sentiero scavato e attraverso la macchia al forte. I Bizantini scelsero di costruire al di fuori dell’insediamento originale, sul luogo di un precedente santuario dedicato alla divinità custode di una fonte d’acqua. In contrapposizione al campo originale di Timgad, che non è mai stato murato, il forte è una struttura militare enorme, 112m per 67m, le sue pareti di calcare spesse 2,5 m, difese da torri in ogni angolo e sulla porta. All’interno della fortezza, gli ufficiali sono stati squadrati sulla destra, intorno al bacino associato con la divinità dell’acqua, e i soldati a sinistra. I resti di caserme e molte altre stanze possono essere fatte tra la crescita eccessiva. La terra intorno al forte, come gran parte di Timgad, deve ancora essere completamente scavata.

Il Campidoglio e il Mercato
Tornando verso il centro, si diresse verso i resti della capitale, facilmente identificabile da due grandi colonne ancora in piedi sulla piattaforma sollevata. Il campidoglio era dedicato, come il tempio nel centro di Roma, agli dèi Giove, Giunone e Minerva. Questo è stato il luogo più sacro del culto pagano e, quando è stato completato nel 160 d.C., il più impressionante, chiudendo uno spazio più grande del forum, raggiunto da un volo di 28 passi. Poco resta al di là delle due colonne ricostruite, 14 m, e alcuni frammenti che sono caduti nelle vicinanze. Questa strada esterna prosegue oltre il “nuovo” mercato di Sertius, con le sue lastre dove i commercianti disponevano le loro merci, verso uno dei principali monumenti di Timgad.

L’arco di Traiano
Quando fu costruito per la prima volta Timgad aveva una porta occidentale molto simile alle porte agli altri cardini. Ma all’inizio del III secolo, quando la città si era già ampliata verso ovest, oltre il suo schema urbanistico originale e chiusa da una nuova porta trionfale, l’originale cancello interno è stato sostituito dall’arco di Traiano. L’arco, a tre fornici, aiuta a unire la nuova città a quella vecchia ed è la più elegante delle strutture sopravvissute di Timgad. Il fornice centrale è stato riservato ai carri, e il loro passaggio ha lasciato profondi solchi sul basolato di lastre di pietra. I fornici laterali erano per i pedoni, che passavano sotto due alte colonne affiancate e lo sguardo di statue imperiali.

Hippo Regius

Le grandi rovine dell’antica città romana di Hippo Regius, nota anche come Ippona, sono tra le più suggestive dell’Algeria, occupano un’area pieno di fiori, rosmarino, ulivi, uccelli e pecore e trascurati dall’epoca coloniale.

Basilica di Santa Agostino.
Si entra da quello che era il lungomare: l’acqua si è ritirata di centinaia di metri nei millenni. Il quartiere vicino all’entrata e sul lungomare è stato residenziale e si possono visitare resti di diverse ville, i cortili contrassegnati da colonne e alcune delle pareti e dei pavimenti ancora visibili. La cosiddetta Villa del Labirinto e la Villa del Procurateur sono i più impressionanti. Anche qui ci sono i resti dei piccoli bagni.
Il sentiero prosegue fino al quartiere cristiano dove si può ancora rintracciare il profilo della grande basilica di 42 metri, in particolare l’abside centrale, che incontra insolitamente il nord, mentre i suoi pavimenti sono ancora coperti da mosaici. Questo potrebbe essere stato la basilica dove S. Agostino era vescovo – la data coincide, ma non ci sono altre prove per dimostrarlo.

 

Djemila

Le spettacolari rovine della città romana Djemila (o Cuicul come era allora nota) è abbastanza piccola da poter essere visitata in mezza giornata. Ma dedicandole più tempo, rimanendo nei templi e nei mercati, passeggiando tra le stanze da bagno o semplicemente sdraiandosi all’ombra delle mura della villa è possibile risalire ai suoni e alle sensazioni dei tempi passati: uno dei grandi siti archeologici del mondo prenderà vita.

Arco di Caracalla
Subito a sud dei bagni c’è la Casa di Bacco, una grande dimora costruita intorno all’inizio del V secolo, con due giardini e una vasca che serviva come acquario per i pesci. Proseguendo verso nord dopo una graziosa fontana (a sinistra), il cardo entra nel luogo des Sévères (piazza della famiglia Severo), il fulcro della città. Subito a sinistra si trova l’Arco di Caracalla, decorato con colonne e capitelli corinzi. Originariamente fu abbellito da statue dell’imperatore e dei suoi genitori, Settimio Severo e Giulia Domna. Questo era la porta ovest della città e, a 12,5 m di altezza, era un imponente ingresso per persone provenienti da Sétif e oltre. L’arco è stato smantellato dal Duca d’Orleans nel 1839, pronto per essere trasportato a Parigi, ma quando il duca morì tre anni dopo il progetto sfumò. L’arco fu ricostruito nel 1922.

Tempio dei Severi
Subito a nord dell’arco c’era un mercato delle stoffe, costruito negli anni ’60, e una latrina pubblica. Attraverso la distesa della piazza sorge il Tempio dei Severi. Si accede attraverso una grande scalinata, fiabcheggiata da massicce colonne corinzie. Questo primo edificio del III secolo è uno dei più importanti punti di riferimento di Cuicul, proprio come Settimio Severo lo avrebbe voluto. Le statue dell’imperatore e della moglie, esposte nel museo, sono state trovate qui. Attraverso la piazza, il cardo maximus entra nel nucleo della città vecchia. Un edificio sulla destra, segnato da un fallo, è stato spesso scambiato come un bordello, una improbabile attribuzione: i bordelli sarebbero stati posti in luoghi meno centrali. Piuttosto, è più probabile che sia stato un totem, un simbolo fortunato per portare fertilità o ricchezza.

Vecchio Forum
Il cardo poi conduce oltre una fila di grandi case e attraverso un arco al vecchio foro, una zona lastricata, 48m per 44m. Originariamente fiancheggiato da portici, fu affiancato da tre degli edifici più importanti della città: la curia, una basilica che serviva municipio, e il campidoglio, il tempio centrale dedicato a Giove, Giunone e Minerva. Pochi i resti per distinguere questi edifici, anche se c’è un affascinante altare in pietra con la scena di un sacrificio animale scolpita sul fianco.

Mercato e prigione
Ci sono più sculture e opere d’arte da vedere nel mercato di Cosinius, occupato dai tavoli usati come banchi di vendita dai commercianti. Ci sono talmente tante sculture decorative che è facile immaginare, mentre si passeggia, come deve essere stato quando le bancarelle erano piene di olive, grano, carne, pesce e altri beni provenienti da Cuicul. Anche qui è una pietra intagliata che mostra come i pesi e le misure venivano controllati. Subito al di sotto del mercato c’è una prigione sotterranea, presumibilmente utilizzata per tenere i commercianti e altri che scoperti a truffare. Gli archi e le volte sono impressionanti e il luogo è ancora evocativo.

Teatro
Tornando indietro verso sud attraverso il foro e verso la piazza dei Severi, lasciando le mura originali della città, con i resti del granaio pubblico sulla vostra sinistra, prendete la strada a sinistra del Tempio della famiglia Severana. Ciò porterà oltre un’iscrizione latina che dichiara che Julius Crescens e l’esecutore della sua volontà, Caius Julius Didius Crescentianus, costruirono un arco qui decorato con statue di Fortuna e di Marte, la divinità di protezione della colonia. Mentre il sentiero scende improvvisamente verso la valle profonda, porta al teatro, scavato nella collina nel II secolo. Il teatro è stato collocato al di fuori delle pareti originali per evitare gli affollamenti per le 3000 persone che hanno partecipato a giochi e altre performance.

Quartiere cristiano
Il quartiere cristiano si trova all’estremità meridionale e superiore della città, la più lontana dalle pareti recintate originali. Al centro del quartiere cristiano c’era un gruppo di edifici episcopali: due basiliche, un battistero e una cappella. Il battistero è il più facilmente identificabile sotto una cupola costruita dagli archeologi per preservare i mosaici che adornano i pavimenti. Accanto ci sono i bagni, forse per purificazione religiosa, e la basilica settentrionale, un edificio del VI secolo dove i servizi sono stati tenuti immediatamente dopo il battistero. Questo edificio è stato collegato da un corridoio alla più grande basilica di Cresconius, chiamata per il vescovo il cui nome è stato celebrato su un grande mosaico, ora nel museo. Quaranta metri di lunghezza, la sua navata centrale fiancheggiata da colonne elaborate e coperte di mosaici, questa basilica sembra essere stata l’ultima struttura significativa costruita a Cuicul, presumibilmente dopo che i Bizantini si sono ristabiliti in Nord Africa, un’ultimo fioritura prima che la città morisse.


Tipas Archeological Park

I fondatori di Tipasa (come Tipaza era nota durante l’epoca romana) ovviamente avevano un occhio per l’estetica. La città scende dolcemente attraverso i pini su una piccola spiaggia e un mare blu-argenteo. È questa bellezza naturale, così come le pareti in pietra arenaria, l’anfiteatro in cui sono state ricostruite le battaglie navali e i resti dei mercati in cui i pesci sono stati venduti, che rende veramente Tipasa uno dei siti romani più belli del Nord Africa.

 

Cherchell Museum

Questo museo ospita alcune delle più belle sculture e mosaici del paese. Fra i punti culminanti ci sono i busti marmorei della famiglia reale di Juba II, un raro ritratto della suocera di Juba, la famosa Cleopatra d’Egitto e una statua di un Apollo nudo in marmo bianco, copia dell’originale greco del VI secolo. La collezione di mosaici comprende una scena di Odisseo e i suoi seguaci che passano le sirene, e un ritratto di scene agricole notevolmente vivido.

 

Sétif Museum

Questo museo centrale è uno dei migliori musei in Algeria e da solo giustifica una fermata a Sétif. Le esposizioni sono ben strutturate, illuminate e etichettate (in francese). Ci sono teche pieni di ceramiche e lampade della Sétif romana, ma le stelle vere sono i mosaici della corte centrale del pianterreno, che sono tra i migliori che vedrete in Algeria.
Uno di questi mosaici raffigura il Trionfo di Venere, un’opera del IV-V secolo che mostra la dea seduta in un guscio, nuda, circondata da mostri e cherubini. Il capolavoro, però, è il Trionfo di Dioniso, in cui il tema è una processione trionfale per celebrare la conquista del Dio dell’India. Sono rappresentati tutte le creature esotiche e bizzarre, tra cui tigri, elefanti, cammelli, leoni e una giraffa, l’unico ritratto africano del periodo romano. Un’altra sezione dello stesso mosaico, vista più da vicino, mostra una caccia al cinghiale. Entrambe hanno una straordinaria sottigliezza, una vasta gamma di colori e toni della pelle, la definizione muscolare e delle espressioni del volto.

 

Tiddis

Sorge su un versante sterile di montagna, a circa 30 km da Costantina, la città romana di Tiddis è forse il luogo più impressionante di tutti i siti romani dell’Algeria. Tuttavia, le rovine stesse sono state abbastanza deteriorate dal tempo e non possono confrontarsi con le città romane più famose del circondario.
In questo sito si sono insediati almeno i berberi neolitici, ma i romani svilupparono Castellum Tidditanorum, che, come suggerisce il suo nome, era un castello o una fortezza, una delle serie di villaggi fortificati che circondavano l’insediamento più grande a Costantina (poi Cirta) e proteggeva il territorio.
I Romani sono arrivati nell’età di Augusto, ma hanno costruito gran parte di quello che si può vedere nel III secolo d.C., adattando la loro regola fondamentale della pianificazione urbanistica – due strade centrali dirette che attraversano il cuore della comunità – alle curve del luogo. Tiddis non aveva fonti d’acqua, quindi una delle caratteristiche più interessanti delle case qui sono i canali e le cisterne. Sono stati progettati per preservare l’acqua piovana, sulla quale dipendeva la comunità durante le estati calde.


Casbah

Il cuore della città è la sua antica Casbah, un labirinto ripido e stretto di strade proprio a ovest del Place des Martyrs. Qui sono esposti diversi palazzi Ottomani, più concentrati intorno alla Djemaa Ketchoua alla fine di Rue Ahmed Bouzrina. Il più bello è il Dar Hassan Pacha.
Questo quartiere fieramente tradizionale ha visto alcuni dei combattimenti più amari durante la battaglia di Algeri (lo straordinario film di Gillo Pontecorvo con lo stesso nome è stato girato in loco poco dopo la fine della guerra). Oggi nella Casbah va bene passeggiare, ma bisogna prestare attenzione agli effetti personali ed evitare di andarci di notte. Assumere una guida (chiedere al proprio hotel) non è una cattiva idea.

Altri viaggi che potrebbero interessarti
Articoli che potrebbero piacerti

Il fallimento della sanità pubblica ha portato all’apertura di piccolo cliniche private nelle città. I comoriani non separano la malattia da altre misfortune. I medici tradizionali offrono rimedi a base di erbe, amuleti protettivi con sopra testi coranici, calcoli astrologici o propiziazione degli spiriti possessori. Le persone usano questi rimedi in base alla natura del […]

Lotta accanita contro i bracconieri in Zimbabwe. Leggilo qui!

I nostri Tour Operator al tuo servizio per la tua esperienza di viaggio senza confini. Clicca e parti.

I nostri cluster: realizza il sogno di un viaggio per le tue esigenze e passioni. Clicca e parti.

Semplifichiamo la pianificazione e la realizzazione di un viaggio di lavoro o per affari. Clicca e parti.

Per il mondo delle agenzie di viaggio. Clicca e fai business con Go World.

Per chi ama i social media. Clicca e sogna il tuo prossimo viaggio.

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: Procedendo con la compilazione e con l'invio di questo modulo, Lei acconsente al trattamento dei dati personali da Lei forniti per la finalità e nei limiti indicati nell'informativa privacy del sito, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Go Australia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02116980422 R.E.A. AN 162472
Capitale Sociale € 30.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
ASTOI Fondo di Garanzia ASTOI