Letteratura, musica e film in Egitto

Letteratura

Nell’ottavo secolo l’Egitto era stato conquistato dagli arabi musulmani. La letteratura, e soprattutto le biblioteche, prosperava sotto il nuovo Egitto grazie ai conquistatori musulmani. Durante questo periodo sono intervenuti diversi importanti cambiamenti che hanno colpito gli scrittori egiziani. Il papiro è stato sostituito da carta e la calligrafia è stata introdotta come sistema di scrittura. Inoltre, il focus della scrittura si è spostato quasi interamente sull’Islam. Il romanzo più antico scritto in Egitto è il Theologus Autodidactus di Ibn al-Nafis, il primo esempio di fantascienza e di romanzo teologico. Il concetto di una “breve dichiarazione che elogia un prodotto letterario”, ora noto come brano, risale anche alla letteratura egizia medievale del XIV secolo e fu conosciuto come taqriz nella letteratura araba medievale.
Molti racconti delle Mille e una notte (Notti Arabe) possono essere ricondotte alle tradizioni storiche egiziane medievali. Questi racconti erano probabilmente in circolazione prima che venissero raccolti e codificati in una singola collezione. Il folklore medioevale egiziano era uno dei tre strati distinti di narrazione che furono incorporati nelle Notti nel XV secolo, gli altri due erano l’antico folklore indiano e persiano e le storie dell’epoca di Abbasid Baghdad.
Nel tardo XIX e inizio Novecento il mondo arabo ha vissuto l’al-Nahda, un movimento rinascimentale che ha toccato quasi gli ambiti, inclusa la letteratura. Una delle figure più importanti fu Naguib Mahfouz, il primo egiziano a vincere il Premio Nobel per la Letteratura. Nel 1914 Muhammad Husayn Haykal scrisse Zaynab, considerato il primo romanzo moderno egiziano e islamico.
Un nuovo movimento di scrittura si è generato nella letteratura egiziana durante gli anni ’90.
Gli autori proliferanti sono Samir Gharib ‘Ali, Mahmud Hamid, Wa’il Rajab, Ahmad Gharib, Muntasir al-Qaffash, Atif Sulayman, May al-Tilmisani, Yasser Shaaban, Mustafa Zikri e Nura Amin. La società di pubblicazione Dar Merit è sostenitrice della nuova scrittura. Con la direzione del suo proprietario, Muhammad Hashim, Dar Merit ha facilitato la diffusione della scrittura. Di conseguenza, le piccole case editrici, non di proprietà statale, non sono influenzate dall’élite letteraria tradizionale e hanno prodotto la nuova scrittura egiziana. Ad esempio, le storie di Ahmed Alaidy, pubblicate da Dar Merit, si concentrano sulla cultura dei centri giovanili, hanno usato l’arabo vernacolare e i messaggi presenti nel testo. Queste opere sfidano l’ortodossia della forma e dello stile nella letteratura araba.
Gli anni ’90 hanno visto anche un aumento delle scrittrici grazie alla facilità di pubblicazione moderna e privata. Ci sono state molte pressioni e critiche sulle autrici, e sono descritte in modo negativo come kitabat al-banat, che si traduce in Scrittura delle ragazze. Inoltre, la maggior parte dei romanzi in questo periodo era relativamente breve, non più di 150 pagine, e non erano incentrati sulle relazioni familiari e sulle icone nazionali. Stilisticamente, molti di questi romanzi erano caratterizzati da una narrazione in prima persona narratori invece che da narratori onniscienti.

 

Musica

La musica è stata parte integrante della cultura egiziana dall’antichità. La Bibbia documenta gli strumenti suonati dagli antichi Ebrei, tutti correlati all’archeologia egiziana. La musica egiziana probabilmente ha avuto un impatto significativo sullo sviluppo della musica greca antica, e attraverso i Greci era importante per la musica europea del Medioevo. La musica moderna dell’Egitto è considerata musica araba perché è stata fonte o influenza di altri stili regionali. La struttura tonale della musica araba è definita dai maqamat, leggermente simili a quelli occidentali, mentre il ritmo della musica araba è governato dai iqa’at, modalità ritmiche standard formate da combinazioni di battute accentate e non accentate.
Gli egiziani addirittura utilizzavano i propri denti come strumenti, usando speciali boccole per fare rumori interessanti con i loro denti. Nel XX secolo i musicisti provenienti da tutta l’Egitto conservano viva la tradizione popolare, come quelle degli egiziani rurali (fellahin), dei nubiani, degli arabi, dei berberi, degli zingari e dei beduini.
Dall’epoca di Nasser, la musica pop egiziana è diventata sempre più importante nella cultura egiziana, in particolare tra le grandi popolazioni giovanili dell’Egitto. La musica popolare egiziana continua a essere suonata durante matrimoni e altre feste tradizionali. Nell’ultimo quarto del XX secolo la musica egiziana è stata un modo per comunicare le questioni sociali e di classe. Fra alcuni dei più popolari cantanti pop egiziani oggi sono Mohamed Mounir e Amr Diab.
La musica Sawahli (costiera) è un tipo di musica popolare dalla costa settentrionale, e si basa sul simsimiyya, uno strumento a corde indigeno. I cantanti noti sono Abdo’l Iskandrani e Aidel-Gannirni.

 

Film

678
Assal Eswed (Molasses)
Bolbol Hayran (A Bewildered Lovebird)
El Khoroug (Cairo Exit)
Noor Eieny (The Light of My Eyes)
Rassayel El Bahr (The Sea Messages)
Zahaymar (Alzheimer’s)
Asmaa Amr Salama
El Shoq (Lust)
Tahrir 2011: The Good, the Bad, and the Politician
X-Large Sherif Arafa
Baadel Mawkeaa (After the Battle)
Coming Forth By Day
Fatat El Masnaa

Altri viaggi che potrebbero interessarti

Durata: 10 giorni / 7 notti

da € 1290 - Voli esclusi

Durata: 18 giorni / 17 notti

Su richiesta

Articoli che potrebbero piacerti

Timgad Uno dei luoghi romani più belli romani esistenti, le rovine di Timgad si estendono quasi a perdita d’occhio su una pianura che in inverno è freddo e desolato e in estate caldo e secco. La sua perfetta conservazione lo ha reso un Patrimonio dell’Umanità Unesco – prendetevi il tempo per camminare lentamente, sostare nel […]

Cultura La politica coloniale portoghese non favoriva l’educazione per i comuni cittadini africani dell’Angola. Fino al 1961, quando l’amministrazione coloniale ha approvato un una revisione del programma di istruzione, la maggior parte dell’educazione è stata lasciata alle istituzioni religiose – con la Chiesa cattolica romana concentrata sui coloni portoghesi e su un piccolo numero di […]

I nostri Tour Operator al tuo servizio per la tua esperienza di viaggio senza confini. Clicca e parti.

I nostri cluster: realizza il sogno di un viaggio per le tue esigenze e passioni. Clicca e parti.

Semplifichiamo la pianificazione e la realizzazione di un viaggio di lavoro o per affari. Clicca e parti.

Per il mondo delle agenzie di viaggio. Clicca e fai business con Go World.

Per chi ama i social media. Clicca e sogna il tuo prossimo viaggio.

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: Procedendo con la compilazione e con l'invio di questo modulo, Lei acconsente al trattamento dei dati personali da Lei forniti per la finalità e nei limiti indicati nell'informativa privacy del sito, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Go Australia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02116980422 R.E.A. AN 162472
Capitale Sociale € 30.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
ASTOI Fondo di Garanzia ASTOI