Leggende e curiosità in Sudafrica

Fiabe, miti e leggende 

La cultura tradizionale del Lesotho consiste perlopiù di consuetudini, riti e superstizioni. Gli importanti momenti della nascita, della pubertà, del matrimonio e della morte sono accompagnati da cerimonie. Anche il bestiame gioca un ruolo fondamentale sia come animali sacrificali, sia come simbolo di benessere. Gran parte del folklore è in realtà la concretizzazione del buon senso: tostare il pane fresco al posto di quello vecchio è male, perché causa reumatismi; i ragni all’interno delle capanne devono essere lasciati stare perché rappresentano la forza della famiglia; un cane che ulula deve essere zittito immediatamente altrimenti porta male.


Curiosità

Nelson Mandela è indubbiamente il simbolo del Sudafrica. È l’uomo che ha condotto le lotte contro l’apartheid in Sudafrica e nel 1994 diventò il primo presidente nero del Paese.
Una delle molte curiosità collegata a questo personaggio, è quella della scelta della sua casa quando decise di ritirarsi. Dato che ha alle spalle 27 anni di carcere, Nelson Mandela ha scelto di vivere in una casa uguale a quella della guardia carceraria in cui visse negli ultimi giorni della sua reclusione nella prigione di Victor Verster. Sosteneva scherzando di avere scelto questa abitazione perché vi era già abituato e non avrebbe dovuto “vagare di notte in cerca della cucina”.
Inoltre, la banca centrale del Sudafrica ha emesso banconote con il ritratto di Nelson Mandela. Busti e statue dell’ex presidente sorgono in tutto il Paese e numerosi edifici, piazze e strade portano il suo nome. Addirittura, nella chiesa Regina Mundi di Soweto, centro di proteste contro l’apartheid, c’è una vetrata con l’immagine di Mandela con le braccia alzate. La sua immagine compare perfino sugli aerei della compagnia South African Airways.

Articoli che potrebbero piacerti

Ogni primavera questo deserto fra Sudafrica e Namibia, si ricopre di un manto stupendo di fiori colorati. Un prodigio di madre natura!

Parlare francese ha valenza contraddittoria, dipendendo dal contesto: è un segno di educazione in contesti amministrativi ma è offensivo nel villaggio. Questo perché ‘comportarsi da mzungu’, dove ‘mzungu’ sta per Francese, è un atteggiamento malvisto. Mentre l’educazione occidentale incoraggia l’individualismo,  quella Comoriana favorisce l’obbedienza e la conformità al gruppo. I bambini sono quindi divisi tra […]

I nostri Tour Operator al tuo servizio per la tua esperienza di viaggio senza confini. Clicca e parti.

I nostri cluster: realizza il sogno di un viaggio per le tue esigenze e passioni. Clicca e parti.

Semplifichiamo la pianificazione e la realizzazione di un viaggio di lavoro o per affari. Clicca e parti.

Per il mondo delle agenzie di viaggio. Clicca e fai business con Go World.

Per chi ama i social media. Clicca e sogna il tuo prossimo viaggio.

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: Procedendo con la compilazione e con l'invio di questo modulo, Lei acconsente al trattamento dei dati personali da Lei forniti per la finalità e nei limiti indicati nell'informativa privacy del sito, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Go Australia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02116980422 R.E.A. AN 162472
Capitale Sociale € 30.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
ASTOI Fondo di Garanzia ASTOI