Eventi, festività e attività da fare in Benin

Eventi e festività

1 gennaio: giorno di Capodanno
Lunedi di Pasqua
Ascensione
1 maggio
lunedì di Pentecoste
1 agosto: Giornata nazionale
15 agosto: Giorno Assunzione
1 novembre: Giorno di tutti i Santi
25 dicembre: Giorno di Natale
Ramadan
Ad-el-FLTR
Maouloud

Attività

-Safari
Mentre la maggior parte dell’Africa è conosciuta per gli animali, specialmente i Big 5, Benin è ricco di storia e cultura. Le persone sono meno interessate al safari e affascinate dal percorso degli schiavi. La religione Voodoo e altre influenze storiche sono più popolari della fauna selvatica, ma ci sono alcune attrazioni animali in Benin.
Ci sono due parchi nazionali che hanno una vasta gamma di fauna selvatica tra ghepardi, ippopotami e coccodrilli. Pendjari è normalmente aperto solamente tra dicembre e giugno e l’alloggio è disponibile nel parco in alta stagione. Volare a Cotonou e prendere uno dei due autobus che hanno servizi giornalieri a Tanguiéta. Il viaggio dura 8 ore e la tariffa è di 9 000 f CFA, ma una volta raggiunto il parco potrai camminare per ore dopo esserti sistemato nella tua stanza. A circa dieci chilometri dall’ingresso del parco, il villaggio di Tanongou è conosciuto per le sue meravigliose cascate e i visitatori possono dormire in rifugi progettati per questo villaggio eco. Durante il giorno una guida vi mostrerà i panorami e il gruppo folkloristico “Tinfi” del villaggio esegue balli culturali e tradizionali sotto le stelle.

-Surf
Anche se la maggior parte del territorio del Benin è nell’entroterra, ci sono alcune zone costiere che sono fughe ideali per i surfisti che vogliono un diverso tipo di avventura. Solo raggiungere queste spiagge isolate è un viaggio indimenticabile. Per il viaggiatore più avventuroso, c’è la “bocca del fiume della morte” che ora è chiamata Cotonou (la traduzione di questo spaventoso termine proviene dalla lingua Fon) e si trova sulla striscia costiera tra il lago Nokoué e l’Oceano Atlantico .

-Hiking
Per la vista dalla cima dei Monti Atakora bisognerà raggiungere i 658 metri sul livello del mare e attraversare due paesi, poiché questa catena si estende lungo il confine nord-occidentale tra Benin e Togo. Le colline e le falesie degli Atakora offrono uno scenario panoramico sul Parco Nazionale del Pendjari, sulla terra circostante e sul fiume che si possono ammirare per chilometri dalla cima del Monte Sokbaro.

-Andare in barca
Se la tua idea per attività all’aperto comprende la navigazione  o fare qualcosa di sportivo come la vela o l’equitazione, Cotonou ha diverse opzioni che ti faranno uscire dall’albergo e nel sole africano! Esplora il Mercato Dantokpa di 20 ettari, il più grande mercato a cielo aperto di prodotti africani. Questo enorme mercato genera un fatturato commerciale di oltre un miliardo di franchi CFA al giorno.

Confina con la Laguna di Cotonou e con il Blvd St Michel ed è fornito di medicinali tradizionali, manufatti e beni locali. Il mercato tradizionale, come le maschere rituali di Batiks e Fon, gli arazzi, le statue e la ceramica, si trovano nel mercato. C’è anche un mercato di feticci che attrae i clienti con i “Mama Benz” che sono le donne affariste del mercato, chiamate così per le loro auto preferite.
Se lo shopping è troppo noioso o sedentario per gli amanti dell’avventura, c’è l’opportunità di navigare presso lo Yacht Club di Cotonou o noleggiare una piroga o motoscafo sulla Nakoue Lagoon. Queste attività possono essere organizzate attraverso l’hotel o i servizi turistici per trascorrere un piacevole giornata al sole, affittando uno yacht o una piroga, oppure sfrecciando su un motoscafo attraverso la laguna. Il tempo e la velocità dipendono dall’umore del viaggiatore.

-Visitare la via degli schiavi
Fortunatamente non ci sono più schiavi, ma Ouidah è stato il centro del “percorso degli schiavi”, luogo in cui le navi si fermavano al molo e raccoglievano i lavoratori per soddisfare le esigenze degli schiavisti.
Cercare un rifugio sotto l’Albero degli Schiavi o dell’Oblio, passare attraverso la porta di non ritorno e esplorare altri luoghi che erano parte dei riti degli schiavi prima di lasciare Benin. Lungo la via degli chiavi si trovano le statue che rappresentano i re del regno Dahomey, un regno dell’Africa occidentale nato nel XV secolo che si è specializzato nel commercio di schiavi, da cui il Benin è stato salvato quando divenne una colonia francese nel 1872. Se un viaggio di una giornata è troppo breve, le varie compagnie di tour offrono pacchetti di 5- Visite di 16 giorni. Il loro viaggio comprende visite notturne a Ouidah per visitare la Foresta Sacra, il Museo di Storia di Ouidah e il Tempio di Python.

-Birdwatching
In Benin ci sono molte lagune da esplorare. Il timing è fondamentale in quanto nessuno vuole rimanere bloccato sotto la pioggia torrenziale della stagione delle piogge o essere mangiato dalle zanzare in estate. La rete di lagune del Grand Popo a Porto-Novo a est offre interessanti birdwatching quando il cielo è limpido e gli uccelli volano liberamente.
Ci sono molti pesci da pescare in barca, e si può bere birra locale mentre si osserva il cielo. Le lagune di Grand Popo sul confine con il Togo sono navigabili in tutte le stagioni e, dopo aver esplorato la laguna, si può raggiungere il lago Aheme. Oppure si può fare una piacevole crociera lungo il fiume più lungo di Benin, l’Oueme, che è navigabile per circa 125 miglia (su un totale di 285 miglia), quindi potrebbe essere necessario tornare indietro sulla stessa rotta una volta che il fiume non è più navigabile. Nokoué è una laguna più larga (20 km) che lunga (11 km a nord / a sud), quindi è possibile navigare per lunghe passeggiate. A nord di Cotonou, la riva settentrionale è formata dai delta dei fiumi So e Ouémé.
Il viaggio verso il mare può essere effettuato tramite un canale attraverso Cotonou o un altro canale per la Laguna de Porto-Novo. Godetevi la bellezza naturale prima che caccia, inquinamento mangrovie e deforestazione peggiorino.

Articoli che potrebbero piacerti

La valuta del Paese è l’Euro. L’economia, in costante difficoltà e dipendente dagli aiuti della Francia, si basa essenzialmente sull’allevamento e sull’agricoltura: si producono caffè, vaniglia, ylang-ylang, canna da zucchero, noci di cocco. Prodotti che vengono anche esportati. Tuttavia, la caduta dei prezzi e l’aumento della competizione sui mercati internazionali hanno portato a un significativo […]

Passaporto e visto PASSAPORTO: richiesto. Non è più necessaria la validità residua di almeno 6 mesi al momento dell’ingresso nel Paese. E’ sufficiente che la scadenza sia successiva alla data del ritorno dal viaggio Per eventuali modifiche a tale norma, si consiglia di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata di Mauritius a Parigi (127 rue de Tocqueville […]

I nostri Tour Operator al tuo servizio per la tua esperienza di viaggio senza confini. Clicca e parti.

I nostri cluster: realizza il sogno di un viaggio per le tue esigenze e passioni. Clicca e parti.

Semplifichiamo la pianificazione e la realizzazione di un viaggio di lavoro o per affari. Clicca e parti.

Per il mondo delle agenzie di viaggio. Clicca e fai business con Go World.

Per chi ama i social media. Clicca e sogna il tuo prossimo viaggio.

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: Procedendo con la compilazione e con l'invio di questo modulo, Lei acconsente al trattamento dei dati personali da Lei forniti per la finalità e nei limiti indicati nell'informativa privacy del sito, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Go Australia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02116980422 R.E.A. AN 162472
Capitale Sociale € 30.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
ASTOI Fondo di Garanzia ASTOI