Economia e popolazione in Sudan

Economia

Il Sudan è uno dei paesi più poveri e meno sviluppati del mondo, con circa un terzo dei suoi abitanti dipendenti dall’agricoltura. Anche se il suo ruolo nell’economia è diminuito nei decenni successivi all’indipendenza, l’agricoltura rappresenta ancora circa un terzo del prodotto interno lordo (PIL) del Sudan. La produzione di petrolio è iniziata alla fine degli anni ’90 ed è diventata rapidamente l’esportazione più importante del paese.

Le principali colture del Sudan includono cotone, arachidi, sesamo, gomma arabica, sorgo e canna da zucchero. Le principali colture di sussistenza sono il sorgo e il miglio, con piccole quantità di grano, mais e orzo. Esistono quattro sottosettori distinti nell’agricoltura sudanese: un’agricoltura moderna irrigata, la maggior parte della quale avviene con attrezzature meccanizzate su vasta scala, con l’aiuto di investimenti pubblici; produzione vegetale piovana; allevamento tradizionale con pioggia; e allevamento di bestiame.
Le aree irrigue lungo il Nilo producono la maggior parte delle colture commerciali del paese. Queste aree sono centrate sullo schema Gezira (Al-Jazīrah), con la sua estensione del Mangil. Altre importanti aree agricole vengono irrigate dalla diga Khashm Al-Qirbah sul fiume Atbara e dalla diga di Al-Ruṣayriṣ, che fornisce acqua per il regime Rahad.
L’agricoltura irrigata del Sudan dipende pertanto da un’abbondante quantità di acqua proveniente dai due rami principali del Nilo. La crescita futura dell’agricoltura sudanese continua tuttavia a dipendere dall’agricoltura meccanizzata a pioggia in una cintura larga che corre dalla porzione nordorientale del paese a sud-sud-ovest. L’agricoltura a pioggia meccanizzata è stata iniziata nelle pianure fertili dell’argilla del Sudan orientale a metà degli anni ’40 e da allora è stata notevolmente ampliata. Uno dei maggiori svantaggi di questo tipo di agricoltura è che i ricchi agricoltori esercitano una versione sofisticata della coltivazione tradizionale: coltivano un’area intensamente con attrezzature finanziate dal governo per alcuni anni ma poi si trasferiscono in una terra vergine più attraente quando i rendimenti diminuiscono. Questa pratica ha portato ad un’erosione del suolo e persino alla desertificazione in alcune aree.
Gran parte della popolazione del paese è impegnata in agricoltura di sussistenza. Molti di questi agricoltori vivono nelle savane con basse precipitazioni nel Sudan meridionale, coltivando colture di sorgo e miglio. Molte famiglie sudanesi mantengono il bestiame, in particolare nelle zone rurali. Asini, capre, pollame e pecore sono gli animali più comunemente allevati. Lo sfruttamento commerciale del bestiame è iniziato negli anni ’70 e il bestiame è ora un’importante esportazione agricola.


Politica

Dall’indipendenza del 1956, il Sudan ha assistito a diverse costituzioni e cambiamenti di regime, inclusi i colpi militari nel 1985 e nel 1989. Nel 1993, il Consiglio del comando rivoluzionario per la salvezza nazionale (RCC) ha revocato la costituzione transitoria del 1985, l’Assemblea nazionale e tutti i partiti politici e sindacati e decisi dal decreto.
Il RCC si è sciolto nel 1993 dopo aver nominato Omar Hassan Ahmad al-Bashir alla carica di presidente nella nuova amministrazione “civile”; ha conservato quella posizione dopo aver vinto le elezioni nel 1996, nel 2000 e nel 2010. Una nuova costituzione, promulgata nel 1998, ha richiesto la legge islamica Sharī’ah, che costituisce la base per le leggi e regolamenti del paese. La Costituzione è stata sostituita nel 2005 da una Costituzione provvisoria ai termini dell’Accordo di Pace che ha concluso la guerra civile di lungo periodo del paese.

In base alla costituzione, il presidente, eletto popolarmente per un periodo di cinque anni (rinnovabile una volta), è assistito da due vice presidenti, nominati dal presidente. Il presidente nomina anche i membri del Consiglio dei ministri. Il potere legislativo è bicamerale, costituito dall’Assemblea Nazionale, i cui membri sono eletti direttamente e il Consiglio degli Stati, composto da due rappresentanti di ciascuno Stato eletti dai legislatori statali. Il Consiglio degli Stati ha anche due osservatori della regione di Abyei. I membri legislativi hanno un termine di cinque anni.

Altri viaggi che potrebbero interessarti

Durata: 10 giorni / 7 notti

da € 1630 - Voli esclusi

Durata: 9 giorni / 6 notti

da € 2500 - Voli esclusi

Durata: 10 giorni / 7 notti

da € 1430

Articoli che potrebbero piacerti

Eventi e festività Capodanno Anche in Eritrea si festeggia il nuovo anno il 1° gennaio. È tipicamente caratterizzata dalla macellazione di una capra o di una pecora, in segno di sacrificio a dio. Epifania ortodossa Questa festa cristiana commemora la presentazione di Gesù Bambino alla Trinità. Segnala anche la fine dei 12 giorni di Natale. Giorno […]

Vi mostriamo il fantastico lago Retba del Senegal, meglio conosciuto come lago rosa, per via della particolare e inusuale colorazione delle sue acque.

I nostri Tour Operator al tuo servizio per la tua esperienza di viaggio senza confini. Clicca e parti.

I nostri cluster: realizza il sogno di un viaggio per le tue esigenze e passioni. Clicca e parti.

Semplifichiamo la pianificazione e la realizzazione di un viaggio di lavoro o per affari. Clicca e parti.

Per il mondo delle agenzie di viaggio. Clicca e fai business con Go World.

Per chi ama i social media. Clicca e sogna il tuo prossimo viaggio.

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: Procedendo con la compilazione e con l'invio di questo modulo, Lei acconsente al trattamento dei dati personali da Lei forniti per la finalità e nei limiti indicati nell'informativa privacy del sito, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Go Australia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02116980422 R.E.A. AN 162472
Capitale Sociale € 30.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
ASTOI Fondo di Garanzia ASTOI