Economia e politica in Rwanda

Economia

L’economia del Rwanda ha sofferto pesantemente durante il genocidio del 1994. Ciò ha causato una forte riduzione del PIL e ha distrutto la capacità del paese di attirare investimenti privati e esterni. L’economia da allora si è rafforzata, con il PIL pro capite (PPP) stimato a $ 2.090 nel 2017, rispetto a $ 416 nel 1994. I principali mercati di esportazione includono la Cina, la Germania e gli Stati Uniti. L’economia è gestita dalla Banca Centrale del Rwanda e la valuta è il franco ruandese. Nel mese di agosto del 2015, il cambio era di 755 franchi al dollaro statunitense. Il Rwanda è entrato a far parte della Comunità dell’Africa orientale nel 2007 e ha ratificato un piano per l’unione monetaria.
Il Rwanda è un paese con poche risorse naturali e l’economia si basa principalmente sull’agricoltura di sussistenza. Secondo il bilancio previsto, il 90% delle aziende agricole attive e l’agricoltura rappresentava circa il 32,5% del PIL nel 2014. Le dimensioni delle aziende agricole e la produzione di cibo sono diminuite, in parte dovute al reinsediamento degli sfollati.
Le colture di sopravvivenza coltivate nel paese comprendono le matane (banane verdi), che occupano più di un terzo del terreno agricolo, patate, fagioli, patate dolci, cassava, grano e mais. Il caffè e il tè sono le colture più importanti per l’esportazione, con le alte altitudini, i pendii ripidi e i terreni vulcanici che forniscono condizioni favorevoli. La dipendenza dalle esportazioni agricole rende il Rwanda vulnerabile ai cambiamenti dei prezzi. Gli animali allevati in Rwanda includono mucche, capre, pecore, suini, polli e conigli. I sistemi di produzione sono per lo più tradizionali, sebbene ci siano alcuni allevamenti intensivi e caseifici intorno a Kigali. Le carenze di terra e di acqua, l’alimentazione insufficiente e di scarsa qualità e le epidemie, con insufficienti servizi veterinari, sono vincoli importanti. La pesca si svolge sui laghi del paese, ma la fauna si è esaurita e vengono importati pesci vivi al fine di rilanciare l’industria.

Il settore industriale è piccolo, contribuendo al 14,8% del PIL nel 2014. I prodotti fabbricati comprendono cemento, prodotti agricoli, bevande su piccola scala, saponi, mobili, scarpe, articoli in plastica, tessuti e sigarette. L’industria mineraria del Rwanda è un importante contributore, generando 93 milioni di dollari nel 2008. I minerali includono cassiterite, tolfammite, oro e coltan, che viene utilizzato nella produzione di dispositivi elettronici e di comunicazione, come i telefoni cellulari.
Il settore dei servizi del Rwanda ha subito una recessione nel 2000, quando sono stati ridotti i prestiti bancari, gli aiuti dall’estero e gli investimenti. Il settore è risalito nel 2010, diventando il settore più grande del paese per la produzione economica e contribuendo al 43,6% del PIL del paese. I principali contributori terziari includono il settore bancario e finanziario, il commercio all’ingrosso e il commercio al dettaglio, gli alberghi e i ristoranti, il trasporto, lo stoccaggio, la comunicazione, l’assicurazione, i beni immobili, i servizi alle imprese e la pubblica amministrazione, comprese l’istruzione e la salute. Il turismo è una delle risorse economiche in rapida crescita. Nonostante l’eredità del genocidio, il paese è sempre più percepito a livello internazionale come destinazione sicura. Il numero di arrivi turistici nel 2013 è stato di 864.000 persone, passando da 504.000 nel 2010. I ricavi del turismo sono stati di 303 milioni di dollari nel 2014, dai 62 milioni di dollari del 2000. Il più grande contributo a queste entrate è stato il tracking dei gorilla di montagna, nel Parco Nazionale dei Vulcani. Il Rwanda è uno dei due soli paesi in cui i gorilla di montagna possono essere visitati in modo sicuro, I gorilla attirano migliaia di visitatori all’anno, che sono disposti a pagare anche prezzi elevati per i permessi. Altre attrazioni includono la foresta di Nyungwe, casa di scimpanzé, colobus di Ruwenzori e altri primati, le località del lago Kivu e Akagera, una piccola riserva di savana ad est del paese.


Politica

Il Presidente del Rwanda viene eletto con voto popolare ogni sette anni e nomina il Primo Ministro e tutti gli altri membri del Gabinetto. Il presidente in carica è Paul Kagame, che ha ottenuto la carica dopo le dimissioni del suo predecessore, Pasteur Bizimungu, nel 2000. Kagame ha successivamente vinto elezioni nel 2003 e nel 2010, anche se le organizzazioni per i diritti umani hanno criticato queste elezioni in quanto hanno aumentato la repressione politica e la repressione della libertà di parola. L’articolo 101 della Costituzione attuale limita i presidenti a due mandati, ma dal 2015 è in corso una mozione nel parlamento ruandese per modificarlo e consentire a Kagame di correre per un terzo mandato. La mozione, che richiederebbe la ratifica con referendum, è stata presentata dopo una petizione firmata da 3,8 milioni di ruandesi.

La costituzione è stata adottata a seguito di un referendum nazionale nel 2003, sostituendo la costituzione transitoria che era stata applicata dal 1994. La costituzione impone un sistema multipartitico di governo, con una politica basata sulla democrazia e sulle elezioni. Tuttavia, la costituzione detta le condizioni su come i partiti politici possono operare. L’articolo 54 afferma che “alle organizzazioni politiche è proibito basarsi su razza, gruppo etnico, tribù, clan, regione, sesso, religione o qualsiasi altra divisione che possa dare luogo a discriminazioni”. Il governo ha anche emanato leggi che criminalizzano l’ideologia del genocidio, che possono includere intimidazioni, discorsi diffamatori, negazione del genocidio e derisione delle vittime. Tuttavia il governo mostra una forte intolleranza verso le forme di dissenso più semplici.

Articoli che potrebbero piacerti
Accra

Economia Il Ghana è un paese mediamente ricco di risorse naturali come minerali industriali, idrocarburi e metalli preziosi. È un’economia digitale emergente con una crescita del PIL del 8,7% nel 2012. L’obiettivo del piano economico, noto come “Ghana Vision 2020”, prevede che il Ghana sia il primo paese africano a diventare un paese sviluppato tra […]

Passaporto e visto Passaporto: necessario. Per le eventuali modifiche relative alla validità residua richiesta del passaporto si consiglia di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata o il Consolato del Paese presente in Italia o presso il proprio Agente di viaggio. Viaggi all’estero dei minori: si prega di consultare l’Approfondimento: “Prima di partire – documenti per viaggi all’estero […]

I nostri Tour Operator al tuo servizio per la tua esperienza di viaggio senza confini. Clicca e parti.

I nostri cluster: realizza il sogno di un viaggio per le tue esigenze e passioni. Clicca e parti.

Semplifichiamo la pianificazione e la realizzazione di un viaggio di lavoro o per affari. Clicca e parti.

Per il mondo delle agenzie di viaggio. Clicca e fai business con Go World.

Per chi ama i social media. Clicca e sogna il tuo prossimo viaggio.

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: Procedendo con la compilazione e con l'invio di questo modulo, Lei acconsente al trattamento dei dati personali da Lei forniti per la finalità e nei limiti indicati nell'informativa privacy del sito, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Go Australia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02116980422 R.E.A. AN 162472
Capitale Sociale € 30.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
ASTOI Fondo di Garanzia ASTOI