Economia e politica in Ciad

Economia

L’indice di sviluppo umano delle Nazioni Unite classifica il Ciad come settimo paese più povero del mondo, con l’80% della popolazione che vive sotto la soglia di povertà. Il PIL pro capite è stato stimato in US $ 1,651 nel 2009. Il Ciad fa parte della Banca degli Stati dell’Africa Centrale, dell’Associazione Dogana ed Economica dell’Africa Centrale (UDEAC) e dell’Organizzazione per l’Armonizzazione del Diritto Aziendale in Africa (OHADA).
La valuta del Ciad è il franco CFA. Negli anni ’60, l’industria mineraria produsse carbonato di sodio, o natron. Ci sono state anche tracce di quarzo dorato nella prefettura di Biltine. Tuttavia, anni di guerra civile hanno spaventato gli investitori stranieri; coloro che hanno lasciato Ciad tra il 1979 e il 1982 hanno appena cominciato a riacquistare fiducia nel futuro del Paese. Nel 2000 sono iniziati importanti investimenti esteri nel settore petrolifero, rafforzando le prospettive economiche del paese.
Oltre l’80% della popolazione del Ciad si affida all’agricoltura di sussistenza e all’allevamento di bestiame per il suo sostentamento. Le colture coltivate e le posizioni delle mandrie sono determinate dal clima locale. A sud si trova il terreno più fertile della nazione, con ricchi rendimenti di sorgo e miglio. Nel Sahel cresce solo miglio, e con rese molto inferiori a quelle del sud. D’altra parte, il Sahel è pascolo ideale per le mandrie, per capre, pecore, asini e cavalli. Le oasi sparse nel Sahara supportano solo datteri e legumi.

Le città del Ciad affrontano gravi difficoltà con le infrastrutture; solo il 48% dei residenti urbani ha accesso all’acqua potabile e solo il 2% alla sanità di base.

Prima dello sviluppo dell’industria petrolifera, l’industria era dominata dal cotone e rappresentava circa l’80% degli utili dell’esportazione. Il cotone resta un’esportazione primaria, anche se non sono disponibili dati esatti. La riabilitazione di Cotontchad, importante società di cotone indebolita dal calo mondiale dei prezzi del cotone, è stata finanziata dalla Francia, dai Paesi Bassi, dall’Unione europea e dalla Banca internazionale per la ricostruzione e lo sviluppo (IBRD). Ora si prevede che il parastatale sia privatizzato. Oltre il cotone, il bestiame e la gomma arabica sono dominanti.
Se il Ciad riesce a mantenere una sembianza di stabilità, gli investimenti stranieri alla fine torneranno, ma nonostante siano passati 24 anni dall’ultimo colpo di stato che ha portato al potere il presidente Idris Deby, gli investitori sono ancora restii ad investire in Ciad.

 

Politica

La costituzione del Ciad prevede un forte ramo esecutivo diretto da un presidente che domina il sistema politico. Il presidente ha il potere di nominare il primo ministro e il Consiglio di stato, ed esercita una notevole influenza sugli incarichi di giudici, generali, funzionari provinciali e capi delle imprese parastatali. Nei casi di grave e immediata minaccia, il presidente, in consultazione con l’Assemblea nazionale, può dichiarare uno stato di emergenza. Il presidente viene eletto direttamente dal voto popolare per un periodo di cinque anni; Nel 2005 sono stati rimossi i limiti del termine costituzionale, consentendo al presidente di rimanere al potere oltre il limite prefissato di due mandati. La maggior parte dei consulenti chiave di Déby sono membri del gruppo etnico Zaghawa, anche se alcune personalità del sud e dell’opposizione sono comunque rappresentate nel suo governo.

Altri viaggi che potrebbero interessarti

Durata: 10 giorni / 7 notti

da € 1130 - Voli esclusi

Articoli che potrebbero piacerti

Il Camerun è un mosaico di vulcani attivi, spiagge di sabbia bianca, foresta pluviale e magnifici paesaggi appiccicati spezzati dalle bizzarre formazioni rocciose del Sahel. Con entrambe le regioni francofona e anglofona, per non parlare di circa 250 lingue locali, il paese è un vasto puzzle etnico e linguistico, ma che, a differenza di tanti […]

Ouagadougou Ouagadougou, più comunemente conosciuta con il nome abbreviato Ouaga, è la capitale del Burkina Faso e anche la sede amministrativa ed economica del paese. L’architettura qui non è di grande attrattiva (eccetto per l’imponente cattedrale cattolica romana), ma la città è un vero alveare di ispirazione artistica. Danza, musica dal vivo, festival e mercatini artigianali […]

I nostri Tour Operator al tuo servizio per la tua esperienza di viaggio senza confini. Clicca e parti.

I nostri cluster: realizza il sogno di un viaggio per le tue esigenze e passioni. Clicca e parti.

Semplifichiamo la pianificazione e la realizzazione di un viaggio di lavoro o per affari. Clicca e parti.

Per il mondo delle agenzie di viaggio. Clicca e fai business con Go World.

Per chi ama i social media. Clicca e sogna il tuo prossimo viaggio.

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: Procedendo con la compilazione e con l'invio di questo modulo, Lei acconsente al trattamento dei dati personali da Lei forniti per la finalità e nei limiti indicati nell'informativa privacy del sito, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Go Australia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02116980422 R.E.A. AN 162472
Capitale Sociale € 30.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
ASTOI Fondo di Garanzia ASTOI