Economia e politica in Camerun

Economia

Il PIL pro capite del Camerun è stato stimato in US $ 2,300 nel 2008, uno dei dieci più alti nell’Africa sub-sahariana. I principali mercati di esportazione includono Francia, Italia, Corea del Sud, Spagna e Regno Unito.
Il Camerun ha avuto un decennio di forte performance economica, con un PIL crescente in media del 4% all’anno. Nel periodo 2004-2008 il debito pubblico è stato ridotto da oltre il 60% del PIL al 10% e le riserve ufficiali sono quadruplicate a oltre 3 miliardi di dollari. Il Camerun fa parte della Banca degli Stati dell’Africa Centrale (di cui è l’economia dominante), l’Unione doganale e economica dell’Africa centrale (UDEAC) e l’Organizzazione per l’armonizzazione del diritto commerciale in Africa (OHADA). La sua moneta è il franco CFA.
La disoccupazione è stata stimata al 4,4% nel 2014 e circa un terzo della popolazione ha vissuto al di sotto della soglia di povertà internazionale di 1,25 dollari al giorno nel 2009. Dalla fine degli anni ’80, il Camerun ha seguito i programmi promossi dalla Banca mondiale e dal Fondo Monetario Internazionale (FMI) per ridurre la povertà, privatizzare le industrie e aumentare la crescita economica. Il governo ha adottato misure per incoraggiare il turismo nel paese.
Le risorse naturali del Camerun sono molto adatte all’agricoltura e all’arboricoltura. Si stima che il 70% delle aziende agricole e l’agricoltura abbia procurato il 19,8% del PIL nel 2009. La maggior parte dell’agricoltura avviene a scala di sussistenza dagli agricoltori locali utilizzando strumenti semplici. Vendono i loro prodotti in eccedenza e alcuni mantengono campi separati per uso commerciale. I centri urbani sono particolarmente legati all’agricoltura contadina per i loro prodotti alimentari. Terreni e climi sulla costa promuovono una vasta coltivazione commerciale di banane, cacao, palme, gomma e tè. Nell’entroterra nell’altopiano del Camerun del Sud, le colture includono caffè, zucchero e tabacco. Il caffè è un importante raccolto negli altopiani occidentali, e nel nord le condizioni naturali favoriscono colture quali cotone, noci e riso. La dipendenza dalle esportazioni agricole rende il Camerun vulnerabile ai cambiamenti dei prezzi.
Il bestiame è allevato in tutto il paese. La pesca impiega 5.000 persone e fornisce ogni anno oltre 100.000 tonnellate di frutti di mare. La selvaggina, di cui si ciba ampia parte dei camerunensi rurali, è considerata una delizia nei centri urbani del paese. Il commercio di selvaggina ha superato la deforestazione come la principale minaccia per la fauna selvatica in Camerun.
La foresta pluviale meridionale ha vaste riserve di legname, che si stima coprire il 37% della superficie totale del Camerun. Tuttavia, grandi aree della foresta sono difficili da raggiungere. La logistica, gestita in gran parte da imprese straniere, fornisce al governo 60 milioni di dollari all’anno in tasse (a partire dal 1998) e le leggi impongono lo sfruttamento sicuro e sostenibile del legname. Tuttavia, in pratica, l’industria è uno dei settori meno regolamentati in Camerun.
Più di 75% della forza industriale di Camerun si trova a Douala e Bonabéri. Il Camerun possiede notevoli risorse minerarie, ma non sono estesamente estratte. Lo sfruttamento del petrolio è diminuito dal 1986, ma questo è ancora un settore sostanziale, e i ribassi dei prezzi hanno un forte effetto sull’economia. Rapide e cascate ostacolano i fiumi meridionali, ma questi siti offrono opportunità per lo sviluppo idroelettrico e forniscono la maggior parte dell’energia di Camerun. Il fiume Sanaga alimenta la più grande stazione idroelettrica, situata a Edéa. Il resto dell’energia del Camerun viene da motori termici a petrolio. Gran parte del Paese rimane senza alimentatori affidabili.

 

Politica

Dopo il plebiscito del 1972, è stata costituita una repubblica unitaria del Camerun Est e Ovest per sostituire l’ex repubblica federale.

Articoli che potrebbero piacerti

Sport Corse di cavalli, corse di cammelli e wrestling sono alcuni degli sport tradizionali del Niger che sono stati fortemente rinchiusi nella loro cultura. Altri sport popolari hanno dominato questi giochi tradizionali in Niger, cioè il calcio e il rugby. Il paese ha squadre ben qualificate per entrambi, che competono sia in ambito amatoriale che […]

Passaporto e visto Passaporto: necessario. Oltre al passaporto occorre essere in possesso di un biglietto di andata e ritorno, condizione indispensabile per l’ingresso nel Paese. All’ingresso nel Paese viene apposto un timbro sul passaporto sul quale è indicata la durata del soggiorno, che non può eccedere mai i trenta giorni. In caso di proroga del […]

I nostri Tour Operator al tuo servizio per la tua esperienza di viaggio senza confini. Clicca e parti.

I nostri cluster: realizza il sogno di un viaggio per le tue esigenze e passioni. Clicca e parti.

Semplifichiamo la pianificazione e la realizzazione di un viaggio di lavoro o per affari. Clicca e parti.

Per il mondo delle agenzie di viaggio. Clicca e fai business con Go World.

Per chi ama i social media. Clicca e sogna il tuo prossimo viaggio.

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: Procedendo con la compilazione e con l'invio di questo modulo, Lei acconsente al trattamento dei dati personali da Lei forniti per la finalità e nei limiti indicati nell'informativa privacy del sito, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Go Australia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02116980422 R.E.A. AN 162472
Capitale Sociale € 30.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
ASTOI Fondo di Garanzia ASTOI