Economia e politica in Benin

Economia

L’economia del Benin dipende dall’agricoltura di sussistenza, dalla produzione di cotone e dal commercio regionale. Il cotone rappresenta il 40% del PIL e circa l’80% delle entrate ufficiali dell’esportazione. La crescita della produzione reale è stata mediamente intorno al 5% negli ultimi sette anni, ma la rapida crescita della popolazione ha compensato gran parte di questo aumento. L’inflazione è scomparsa negli ultimi anni. Il Benin usa il franco CFA, che è fissato all’euro.
L’economia di Benin ha continuato a rafforzarsi negli ultimi anni, con una crescita del PIL reale stimata rispettivamente del 5,1 e del 5,7% nel 2008 e nel 2009. Il principale fattore di crescita è il settore agricolo, il cotone è l’esportazione principale del paese, mentre i servizi continuano a contribuire alla maggior parte del PIL in gran parte grazie alla localizzazione geografica di Benin, consentendo attività commerciali, trasporti, transiti e turismo con i paesi vicini.
Al fine di incrementare ulteriormente la crescita, Benin intende attirare più investimenti stranieri, privilegiare il turismo, facilitare lo sviluppo di nuovi sistemi di trasformazione alimentare e prodotti agricoli e incoraggiare nuove tecnologie di informazione e comunicazione. I progetti per migliorare il clima imprenditoriale grazie alle riforme del sistema di proprietà terriera, del sistema di giustizia commerciale e del settore finanziario sono stati inclusi nel bilancio per 307 milioni di dollari nel Millennium Challenge Fund.

Il club di Parigi e i creditori bilaterali hanno facilitato la situazione del debito estero, con il Benin che ha beneficiato di una riduzione del debito G8 annunciata nel luglio 2005, pur premendo per una riforma strutturale più rapida. L’approvvigionamento elettrico insufficiente continua ad influenzare negativamente la crescita economica del Benin, anche se il governo ha recentemente adottato misure per aumentare la produzione di energia elettrica interna.
Sebbene i sindacati in Benin rappresentino fino al 75% della forza lavoro formale, la grande economia informale è stata notata dalla Confederazione Internazionale del Commercio (ITCU) per contenere problemi in corso, tra cui la mancanza di uguaglianza salariale femminile, l’uso del lavoro minorile, e il continuo rilascio del lavoro forzato.
Il Benin è membro dell’Organizzazione per l’armonizzazione del diritto commerciale in Africa (OHADA).
Cotonou ha l’unico porto marittimo e l’aeroporto internazionale. Attualmente è in costruzione un nuovo porto tra Cotonou e Porto Novo. Il Benin è collegato da strade asfaltate a due corsie ai suoi paesi vicini (Togo, Burkina Faso, Niger e Nigeria). Il servizio di telefonia mobile è disponibile in tutto il paese con diversi operatori. Le connessioni ADSL sono disponibili in alcune aree. Benin è connesso a Internet tramite collegamenti via satellite (dal 1998) e da un solo cavo sottomarino SAT-3 / WASC (dal 2001), mantenendo alti i prezzi dei dati.

 

Politica

La politica di Benin si svolge in un quadro di una repubblica democratica rappresentativa presidenziale, dove il presidente del Benin è capo di stato e di governo, all’interno di un sistema multipartitico. Il potere esecutivo è esercitato dal governo. Il potere legislativo è attribuito sia al governo che alla legislatura. Il sistema giudiziario è indipendente dall’esecutivo e dal legislatore. Il sistema politico deriva dalla Costituzione del Benin del 1990 e dalla successiva transizione verso la democrazia nel 1991.
Il Benin si è ben posizionato nell’Indice Ibrahim della Governance africana del 2013, che misura in modo completo lo stato della governance in tutto il continente. Il Benin è classificato al 18° posto su 52 Paesi africani e ha performato meglio nelle categorie di “Sicurezza e legge di stato” e “Partecipazione e diritti umani”.
Nel Worldwide Press Freedom Index del 2007 , i Reporter Senza Frontiere hanno classificato Benin 53° su 169 paesi.
Il Benin è stato valutato 88° su 159 paesi in un’analisi del 2005 della polizia, delle imprese e della corruzione politica.

Articoli che potrebbero piacerti

Sono immigrati arabi gli occupanti di quello che oggi è lo Djibouti, arrivati qui intorno III° secolo a.C.. I loro discendenti sono gli Afar, uno dei due principali gruppi etnici odierni. I Somali Issas arrivarono poco dopo. Djibouti è stato acquisito dalla Francia tra il 1843 e il 1886 attraverso i trattati con sultani somali. […]

Cultura Anche se Seychelles non è nota come destinazione culturale, ci sono diverse cose da vedere. Il tempio di Ariadne Navasakti Vinayagar a Victoria è il centro dell’Induismo sulle isole. Il tempio è splendidamente decorato e le cerimonie sono molto interessanti. I visitatori sono i benvenuti ed consentito fare fotografie. Il Museo di Storia Naturale […]

I nostri Tour Operator al tuo servizio per la tua esperienza di viaggio senza confini. Clicca e parti.

I nostri cluster: realizza il sogno di un viaggio per le tue esigenze e passioni. Clicca e parti.

Semplifichiamo la pianificazione e la realizzazione di un viaggio di lavoro o per affari. Clicca e parti.

Per il mondo delle agenzie di viaggio. Clicca e fai business con Go World.

Per chi ama i social media. Clicca e sogna il tuo prossimo viaggio.

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: Procedendo con la compilazione e con l'invio di questo modulo, Lei acconsente al trattamento dei dati personali da Lei forniti per la finalità e nei limiti indicati nell'informativa privacy del sito, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Go Australia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02116980422 R.E.A. AN 162472
Capitale Sociale € 30.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
ASTOI Fondo di Garanzia ASTOI