Economia e politica in Angola

Economia

Il governo portoghese considerava l’Angola come gioiello d’oltremare della corona durante il periodo coloniale. Ha reso la colonia un obiettivo di ambiziosi sistemi di insediamento e incoraggiato gli investimenti nell’economia. Come risultato di questi sforzi, l’economia dell’Angola è in rapida crescita negli anni settanta, principalmente grazie all’esportazione di materie prime come caffè, agave, diamanti e petrolio. Alcune industrie leggere si sono sviluppate anche nelle principali città. Ma questa crescita è stata sbilanciata, la maggior parte dei profitti è concentrata nelle mani di una piccola classe di coloni, con la maggioranza della popolazione relegata a progetti di lavoro forzato o obbligata a vendere prodotti agricoli a prezzi bassi. La conseguente diseguaglianza nel reddito e nelle opportunità ha svolto un ruolo significativo nello sviluppo dei movimenti nazionalisti.

C’è stato un grande esodo di lavoratori portoghesi qualificati con l’indipendenza nazionale del 1975 e, poiché lo stato coloniale non aveva sviluppato in modo adeguato i sistemi educativi locali e le opportunità di lavoro, pochi Angolani erano a disposizione per rimpiazzarli. La perdita di capitale e di competenze ha avuto un impatto negativo immediato sullo sviluppo economico. Inoltre, il nuovo governo ha cercato di imporre lo sviluppo socialista su un modello sovietico e cubano che includeva un elevato grado di partecipazione statale all’economia, come le imprese agricole collettive e statali. Il capitale straniero è stato spesso nazionalizzato, ei tassi di cambio sono stati fissati artificialmente.

L’economia è stata ulteriormente paralizzata da una guerra civile postindipendenza, che ha fatto trasferire gran parte della popolazione, ha rovinato le piantagioni e ha interrotto i trasporti molto di più che durante le guerriglie precedenti. La combinazione di riorganizzazione economica e guerra ha causato un crollo economico virtuale, che da allora si è scarsamente ridotto. Alla fine degli anni ’80, per esempio, la spesa per la difesa costituiva quasi la metà del bilancio totale, mentre il tasso annuo di inflazione ha superato il 900 per cento nel 1994 e più del 2,500 per cento l’anno successivo. La produzione alimentare ha raggiunto livelli tali che i prodotti alimentari sono stati importati o forniti da aiuti stranieri e fonti umanitarie, poiché la carestia o le condizioni di povertà prevalevano in gran parte delle famiglie del paese dalla metà degli anni ’80 fino alla fine della guerra civile nel 2002. Le esportazioni agricole, come il caffè, cessarono effettivamente dopo la fine della guerra. Solo l’industria petrolifera, che non è stata nazionalizzata o regolamentata e protetta durante la guerra, è riuscita a produrre redditi regolari. L’industria petrolifera, tuttavia, impiega ancora poche persone locali e investe poco nell’economia inglese, con la maggior parte delle royalties che vanno verso lo Stato. Anche i diamanti hanno fornito un reddito sostanziale, specialmente alle forze UNITA che hanno controllato molte delle miniere di diamanti durante la guerra.
Sebbene le riforme economiche iniziate nel 1988 eliminassero molti degli esperimenti socialisti falliti e gli stranieri furono autorizzati a investire più liberamente il capitale, la guerra scoraggiò costantemente tale investimento e ostacolò la ricostruzione delle infrastrutture di base nella maggior parte del paese. Tuttavia, il governo dell’Angola si è concentrato sulla ricostruzione fin dalla fine della guerra nel 2002. Nonostante tutto, l’andamento generale dell’economia è migliorato, in gran parte a causa dei redditi generati dall’industria petrolifera del paese.

 

Politica

L’Angola subì una transizione da uno Stato socialista monopartitico a una democrazia nominale multipartitica nel 1992.

Articoli che potrebbero piacerti

Visita con noi il parco nazionale più grande dell’Angola, quello di Iona.

-La Résidence Ylang Ylang (2008) -Ashes of Dreams (2011) -The Grand Marriage (2013) -Tsendo Hisa Twamaya (2019)

I nostri Tour Operator al tuo servizio per la tua esperienza di viaggio senza confini. Clicca e parti.

I nostri cluster: realizza il sogno di un viaggio per le tue esigenze e passioni. Clicca e parti.

Semplifichiamo la pianificazione e la realizzazione di un viaggio di lavoro o per affari. Clicca e parti.

Per il mondo delle agenzie di viaggio. Clicca e fai business con Go World.

Per chi ama i social media. Clicca e sogna il tuo prossimo viaggio.

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: Procedendo con la compilazione e con l'invio di questo modulo, Lei acconsente al trattamento dei dati personali da Lei forniti per la finalità e nei limiti indicati nell'informativa privacy del sito, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Go Australia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02116980422 R.E.A. AN 162472
Capitale Sociale € 30.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
ASTOI Fondo di Garanzia ASTOI