Cultura, religione e popolazione in Swaziland

Cultura

Centrale nei villaggi è il bestiame, che si trova in una zona circolare racchiusa da grandi tronchi. Il bestiame ha un significato pratico come fonte di ricchezza e simbolo di prestigio. Di fronte al bestiame si trova la byre che è la grande capanna che è occupata dalla madre del capo.
Il capo è al centro di tutti gli affari ed è poligamo. Fa da esempio per la sua comunità e consiglia le sue mogli per l’amministrazione della casa, oltre a provvedere al mantenimento della famiglia. Inoltre trascorre il tempo socializzando con i giovani ragazzi, che sono spesso suoi figli o parenti stretti, consigliandoli sulla vita.
L’evento culturale più importante nello Swaziland è la cerimonia di Incwala. Si tiene il quarto giorno dopo la luna piena più vicina al giorno più lungo, il 21 dicembre. Incwala è spesso tradotto in inglese come “cerimonia della prima frutta”, dove il Re deve degustare il nuovo raccolto. Incwala è meglio tradotto come “Cerimonia Kingship”: quando non c’è il re, non c’è Incwala. È considerato alto tradimento per chi organizza un Incwala.
Ogni Swazi può partecipare ai festeggiamenti pubblici del Incwala. Il culmine dell’evento è il quarto giorno del Big Incwala. Le figure chiave sono il Re, la Regina Madre, le mogli e i figli, i governatori reali (indunas), i capi, i reggimenti e le “bemanti” o “le persone dell’acqua”.
Il più noto evento culturale di Swaziland è l’annuale Umhlanga Reed Dance. Nella cerimonia di otto giorni le ragazze hanno tagliato le canne e le presentano alla regina madre  e poi ballano. (Non esiste alcuna concorrenza formale). È fatto a fine agosto o all’inizio di settembre. Possono partecipare solo ragazze senza figli. Gli obiettivi della cerimonia sono quelli di preservare la castità delle ragazze, di rendere omaggio alla regina madre e di incoraggiare la solidarietà lavorando insieme. La famiglia reale nomina una fanciulla per essere “induna” (capitano) delle ragazze. Se una ragazza resta incinta al di fuori del matrimonio, la sua famiglia deve pagare una multa al capo locale. Dopo un certo numero di anni, quando le ragazze raggiungono l’età da matrimonio, svolgono il servizio di lavoro per la regina madre, finendo con balli e feste.
Lo Swaziland è noto anche per una forte presenza nel settore dell’artigianato. Le imprese artigianali di Swaziland hanno più di 2.500 persone, molte delle quali sono donne. I prodotti sono unici e riflettono la cultura dello Swaziland, che vanno dalla biancheria per la casa, alle decorazioni artistiche, a creazioni di vetro, pietra o legno.


Religione

L’80% della popolazione aderisce al cristianesimo, rendendolo la religione più comune dello Swaziland. Le chiese africane, protestanti e indigene africane, tra cui il sionista africano, costituiscono la maggioranza dei cristiani (40%), seguita dal cattolicesimo romano al 20% della popolazione. Il 18 luglio 2012, Ellinah Wamukoya, è stata eletta vescovo anglicano dello Swaziland, diventando la prima donna ad essere vescovo in Africa. Il 15% della popolazione segue le religioni tradizionali; altre religioni non cristiane praticate nel Paese includono l’Islam (2%), la Fede Bahá’í (0,5%) e l’Induismo (0,2%). Ci sono 14 famiglie di ebrei.


Popolazione

La maggior parte della popolazione dello Swaziland è etnicamente Swazi, mescolata con un piccolo numero di zulù e bianchi africani, per lo più persone di origine britannica e africana. Tradizionalmente lo Swazi è composto da agricoltori di sussistenza e pastori, ma la maggior parte ora unisce tali attività con il lavoro nella crescente economia urbana e nel governo. Alcune persone lavorano nelle miniere in Sudafrica.
Lo Swaziland ha anche ricevuto i coloni portoghesi e i profughi africani del Mozambico. Il cristianesimo nello Swaziland è talvolta mescolato alle credenze e alle pratiche tradizionali. Molti tradizionalisti ritengono che la maggior parte degli Swazi attribuisca un ruolo spirituale speciale al monarca.
A causa degli effetti della mortalità dell’AIDS, i residenti di Swaziland hanno quasi la minore aspettativa di vita documentata nel mondo.

Articoli che potrebbero piacerti

Eventi e festività -Festival dell’Arte dell’Africa Orientale A marzo di ogni anno Nairobi ospita il festival dell’Arte dell’Africa Orientale, il più grande del suo genere nella regione, che attrae concorrenti e spettatori provenienti da tutto il mondo. La tre giorni mostra arte, musica, teatro, musica, moda, letteratura, architettura, scultura e artigianato tradizionale. È ospitato dal […]

viaggio in Burkina Faso

Sport Lo sport in Burkina Faso è diffuso e include calcio, basket, ciclismo, unione di rugby, pallamano, tennis, atletica, boxe e arti marziali. Gastronomia La cucina burkinabé, la cucina del Burkina Faso, è simile a quella di molte parti dell’Africa occidentale, e si basa su alimenti di base di sorgo, miglio, riso, fonio, mais, arachidi, […]

I nostri Tour Operator al tuo servizio per la tua esperienza di viaggio senza confini. Clicca e parti.

I nostri cluster: realizza il sogno di un viaggio per le tue esigenze e passioni. Clicca e parti.

Semplifichiamo la pianificazione e la realizzazione di un viaggio di lavoro o per affari. Clicca e parti.

Per il mondo delle agenzie di viaggio. Clicca e fai business con Go World.

Per chi ama i social media. Clicca e sogna il tuo prossimo viaggio.

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: Procedendo con la compilazione e con l'invio di questo modulo, Lei acconsente al trattamento dei dati personali da Lei forniti per la finalità e nei limiti indicati nell'informativa privacy del sito, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Go Australia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02116980422 R.E.A. AN 162472
Capitale Sociale € 30.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
ASTOI Fondo di Garanzia ASTOI