Cultura, religione e popolazione in Sudan

Cultura

A causa della grande diversità culturale del Sudan, è difficile classificare le culture tradizionali dei vari popoli. Le società tradizionali del Sudan hanno diverse caratteristiche linguistiche, etniche, sociali, culturali e religiose. E, sebbene le comunicazioni migliorate, l’aumento della mobilità sociale ed economica e la diffusione di un’economia monetaria abbiano portato ad un allentamento generale dei legami sociali, dei costumi, delle relazioni e dei modi di organizzazione nelle culture tradizionali, molto permane tuttora. Le tre culture predominanti sono quelle Fur, musulmani africani nella parte più lontana del paese; la tribù Humr degli Arabi Baqqārah, del Sudan centro-occidentale; e la tribù di Otoro del Nuba, nel sud-est del Sudan.


Religione

La maggioranza della popolazione del Sudan è musulmana, appartenente in gran parte al ramo sunnita. L’Islam sunnita in Sudan, come in gran parte del resto dell’Africa, è stato caratterizzato dalla formazione di tarīqahs o da confraternite religiose musulmane. La più antica di queste tarīqahs è la Qādiriyyah, che fu introdotta nel Sudan dal Medio Oriente nel XVI secolo. Un’altra importante tarīqah è la Khatmiyyah, o Mīrghaniyyah, fondata da Muḥammad’Uthmān al-Mīrghanī all’inizio del XIX secolo. Forse il tarīqah più potente e meglio organizzato è il Mahdiyyah; i suoi seguaci hanno portato a termine una rivolta contro il regime turco-egiziano (1821-85) e hanno istituito uno stato indipendente nel Sudan che è durato dal 1884 al 1898. I Mahdiyyah e Khatmiyyah tarīqahs costituirono la base per i partiti politici emersi nel Sudan negli anni ’40 e hanno continuato a svolgere un ruolo dominante nella politica della nazione nel periodo di postindependenza.

Una piccola percentuale della popolazione del Sudan segue le religioni tradizionali animiste, in particolare nei Monti Nuba. Anche se questi animisti condividono alcuni elementi comuni di credenza religiosa, ogni gruppo etnico ha una propria religione indigena. Praticamente tutte le religioni tradizionali africane del Sudan condividono la concezione di un alto spirito o divinità, di solito un dio creatore. Esistono due concezioni dell’universo: il terreno e il celeste, o il visibile e l’invisibile. Il mondo celeste è visto come popolato da esseri spirituali la cui funzione è di servire da intermediari o messaggeri di Dio; nel caso dei Niloti, questi spiriti sono identificati con i loro antenati. La divinità suprema è l’oggetto dei riti che usano musica e danza.

I cristiani rappresentano un’altra piccola porzione della popolazione. Il cristianesimo è venuto per la prima volta nel Sudan circa il VI secolo e, per secoli dopo, le chiese cristiane fiorirono nell’antico regno di Nubia. Dopo l’istituzione del dominio musulmano in Egitto e successivamente delle migrazioni arabe nel Sudan, il cristianesimo fu gradualmente sostituito dall’Islam; il processo è stato completato alla fine del XV secolo. Il cristianesimo nel Sudan oggi è un prodotto degli sforzi missionari europei che hanno avuto inizio nella seconda metà del XIX secolo. La maggior parte di questi sforzi è stata concentrata nei monti Nuba piuttosto che tra i musulmani del nord.


Popolazione

In molti modi, il concetto di etnia in Sudan è strettamente connesso alla lingua e alla religione. Il paese è dominato dai musulmani, la maggior parte dei quali parlano arabo e si identificano come “arabi”. Sono per lo più etnicamente misti, e molti di loro sono fisicamente indistinguibili da coloro che non si considerano arabi. Nonostante un linguaggio e una religione comuni, gli arabi non costituiscono un gruppo coeso: sono altamente differenziati nel loro modo di vivere e comprendono abitanti della città, agricoltori e nomadi pastorali. Gli arabi storicamente sono stati divisi in tribù basati sulla presunta discendenza da un antenato comune. Il sistema tribale è in gran parte disintegrato nelle aree urbane e nei villaggi insediati, ma mantiene la sua forza solo tra i nomadi delle pianure. Ogni tribù araba è a sua volta assegnata ad un più grande gruppo tribale, di cui i due più grandi sono il Jalayin e il Juhaynah. Il Jalayin comprende gli agricoltori sedentari lungo il Nilo medio da Dongola a sud fino a Khartoum e include tribù come la Jalayin, la Shāyqiyyah e il Rubtab. Il Juhaynah, invece, era tradizionalmente costituito da tribù nomadi, anche se alcuni di loro sono ormai sedentari. Tra le tribù più importanti del raggruppamento di Juhaynah ci sono la Shukriyah, la Kababish e la Baqqārah.

Ci sono diversi gruppi musulmani non arabi nel paese. I più importanti sono i Nubiani, che vivono lungo il Nilo nel nord est e nel sud dell’Egitto. La maggior parte dei nubiani parlano l’arabo come seconda lingua. Lo stesso vale per il Beja, che abita le Colline del Mar Rosso. Anche se hanno adottato l’Islam, questi nomadi pastorali hanno mantenuto il loro linguaggio Bedawi, che appartiene al ramo cushitico della famiglia linguistica afro-asiatica.

La grande maggioranza dei popoli non musulmani in Sudan vive nel sud. Uno dei gruppi più importanti, il Nuba, vive nei Monti Nuba. I Nuba sono coltivatori di collina che tendono ad essere isolati dai popoli adiacenti nella valle del Nilo. Parlano varie lingue orientali sudaniche, tra cui Midobi e Birked, che collettivamente sono conosciute come Hill Nubian. Un altro gruppo meridionale è la Dinka, che vive vicino al confine con il Sud Sudan. La capitale, Khartoum, al centro del Sudan, ospita anche le popolazioni non musulmane.

Articoli che potrebbero piacerti

Eventi e festività -Wanyambo Festival Il Festival Wanyambo è una delle migliori opportunità per scoprire la cultura locale della Tanzania all’inizio di gennaio. L’evento si svolge nella zona nord di Dar es Salaam, conosciuta come Makumbusho, con un sacco di musica tradizionale, danza, costumi e cibo. -Kiliman Adventure Challenge Un triathlon, il Kiliman Adventure Challenge […]

Viaggi in Zimbabwe

Cultura                                                                                                                                                                                        Lo Zimbabwe ha molte culture diverse che possono includere credenze e cerimonie, uno dei quali il gruppo etnico degli Shona, il più grande dello Zimbabwe. Il popolo Shona ha realizzato  (e realizza tutt’ora) sculture con i migliori materiali disponibili. Le prime celebrazioni dell’indipendenza si sono svolte nel 1980 a Zimbabwe Grounds. A queste feste […]

I nostri Tour Operator al tuo servizio per la tua esperienza di viaggio senza confini. Clicca e parti.

I nostri cluster: realizza il sogno di un viaggio per le tue esigenze e passioni. Clicca e parti.

Semplifichiamo la pianificazione e la realizzazione di un viaggio di lavoro o per affari. Clicca e parti.

Per il mondo delle agenzie di viaggio. Clicca e fai business con Go World.

Per chi ama i social media. Clicca e sogna il tuo prossimo viaggio.

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: Procedendo con la compilazione e con l'invio di questo modulo, Lei acconsente al trattamento dei dati personali da Lei forniti per la finalità e nei limiti indicati nell'informativa privacy del sito, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Go Australia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02116980422 R.E.A. AN 162472
Capitale Sociale € 30.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
ASTOI Fondo di Garanzia ASTOI