Ambiente e clima in Algeria

La variegata vegetazione dell’Algeria comprende regioni costiere, montuose ed erbose del deserto che supportano un’ampia varietà di fauna selvatica. Molte delle creature che compongono la fauna algerina vivono in prossimità della civiltà. Gli animali più comunemente osservati includono i cinghiali, gli sciacalli e le gazzelle, anche se non è raro osservare fennec (volpi) e gerboa. L’Algeria ha anche delle piccole popolazioni di leopardo africano e ghepardo sahariano, avvistati raramente. Una specie di cervo, il cervo berbero, abita le fitte foreste umide nelle aree nordorientali.

Una grande varietà di uccelli rende il paese un’attrazione per i birdwatcher. Le foreste sono abitate da cinghiali e sciacalli. Le bertucce sono le uniche scimmie native. Serpenti, varani e numerosi altri rettili possono essere trovati a vivere in mezzo a diversi roditori in tutte le regioni semiaride dell’Algeria. Molti animali sono ora estinti, tra cui i leoni berberi, orsi e coccodrilli dell’Atlante.

A nord, alcune delle piante tipiche sono: ulivo, quercia, cedro e altre conifere. Le regioni montane contengono grandi foreste di sempreverdi (pino d’Aleppo, ginepro e leccio) e alcuni alberi decidui.

 

Il clima influisce a livello geografico sul paese. La quantità di precipitazione e, soprattutto, la sua distribuzione durante tutto l’anno, nonché il tempo e la portata dello scirocco – un vento asciutto che arriva stagionalmente dal Sahara – costituiscono gli elementi principali su cui si basano l’agricoltura e molte altre attività.

La zona costiera dell’Algeria e le montagne settentrionali hanno un tipico clima mediterraneo, con estati calde e secche ed inverni miti e piovosi. Ad Algeri, per esempio, le temperature del pomeriggio sono di 28 °C nel mese di luglio, che scendono a 21 °C di notte, mentre a gennaio le temperature giornaliere sono comprese tra i 15 e 9 °C.

Quattro quinti delle precipitazioni annuali di 760 mm cadono tra ottobre e marzo, luglio e agosto sono solitamente asciutti. Le precipitazioni annue aumentano lungo la costa dall’ovest ad est, ma diminuisce rapidamente dalla costa sud verso l’interno. La maggior quantità di precipitazioni si verifica nelle regioni montuose del litorale orientale, che sono direttamente esposte ai venti umidi che soffiano dal Mediterraneo. Da circa 80 km ad ovest di Algeri fino alla frontiera tunisina, le precipitazioni annuali superano i 600 mm e, in alcuni luoghi, ad esempio Grande Cabilia, Piccola Cabilia e area dell’Edough, raggiunge i  1.000 mm. A ovest di questa zona, le precipitazioni di una notevole parte della valle di Chelif, delle pianure del litorale e della regione immediatamente a sud di essa nei pressi di Oran sono insufficienti. Le precipitazioni diminuiscono anche dopo aver attraversato l’area dell’Atlante verso sud, ad eccezione dell’Aurès e di una sezione dell’Amour.

Il vero Sahara inizia sul confine meridionale dell’Atlante sahariana. La demarcazione coincide con una diminuzione delle precipitazioni a meno di 100 mm all’anno. Il paesaggio e la vegetazione differiscono notevolmente da quelli del nord, con la vita e l’attività limitata a pochi luoghi privilegiati. Le temperature giornaliere e annuali sono ancora più estreme rispetto all’Alto Altopiano, e le precipitazioni sono segnate da una maggiore irregolarità. Possono passare anche tre anni senza precipitazioni nella regione di Tademaït, ben cinque sull’altopiano di Ahaggar.

Altri viaggi che potrebbero interessarti

Durata: 10 giorni / 7 notti

da € 1130 - Voli esclusi

Durata: 10 giorni / 7 notti

da € 880 - Voli esclusi

Durata: 10 giorni / 9 notti

da € 920 - Voli esclusi

Articoli che potrebbero piacerti

Fonti testimoniano tra il V e l’VIII secolo, la popolazione originale di Mayotte composta di bantu e malay. Le successive invasioni arabe portano la cultura swahili e la religione musulmana, oltre che sultanati rivali nell’arcipelago delle Comore. I primi Europei, ovvero Portoghesi e Francesi, sbarcano a Mayotte verso il XV secolo, sfruttando l’arcipelago come rifornimento […]

Cultura I marocchini sono estremamente ospitali e molto tolleranti. La maggior parte delle persone è religiosa, gran parte delle donne marocchine non indossa un velo, anche se può indossare un foulard. Tuttavia, è bene cercare di non sfidare le credenze religiose delle persone, in particolare delle persone più anziane e più conservatrici, per esempio, indossando […]

I nostri Tour Operator al tuo servizio per la tua esperienza di viaggio senza confini. Clicca e parti.

I nostri cluster: realizza il sogno di un viaggio per le tue esigenze e passioni. Clicca e parti.

Semplifichiamo la pianificazione e la realizzazione di un viaggio di lavoro o per affari. Clicca e parti.

Per il mondo delle agenzie di viaggio. Clicca e fai business con Go World.

Per chi ama i social media. Clicca e sogna il tuo prossimo viaggio.

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: Procedendo con la compilazione e con l'invio di questo modulo, Lei acconsente al trattamento dei dati personali da Lei forniti per la finalità e nei limiti indicati nell'informativa privacy del sito, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Go Australia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02116980422 R.E.A. AN 162472
Capitale Sociale € 30.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
ASTOI Fondo di Garanzia ASTOI