Cultura, religione e popolazione in Angola

Cultura

La politica coloniale portoghese non favoriva l’educazione per i comuni cittadini africani dell’Angola. Fino al 1961, quando l’amministrazione coloniale ha approvato un una revisione del programma di istruzione, la maggior parte dell’educazione è stata lasciata alle istituzioni religiose – con la Chiesa cattolica romana concentrata sui coloni portoghesi e su un piccolo numero di africani, mentre i protestanti erano più attivi tra la popolazione africana. Dopo l’indipendenza, la politica del MPLA sull’istruzione primaria per tutti ha triplicato le iscrizioni alla scuola primaria tra il 1976 e il 1979, anche se sono poi diminuite della metà negli anni ’80. A causa dei molti anni di guerra civile, le condizioni nelle scuole sono peggiorate drasticamente, con una grave carenza di insegnanti e la mancanza dei materiali didattici più basilari. Tuttavia, l’iscrizione alle scuole secondarie e all’Università Agostinho Neto (1963) è cresciuta continuamente dopo il 1975. Queste istituzioni hanno sofferto meno delle scuole primarie l’instabilità politica e conflitti. Ma anche qui c’era carenza di insegnanti e materiale didattico, e la maggior parte delle facoltà universitarie sono state chiuse per lunghi periodi a causa delle presunte agitazioni politiche. Durante questo periodo, si stima che l’arruolamento nelle forze armate dell’MPLA e dell’UNITA abbia avuto un impatto maggiore rispetto al sistema scolastico angolano sulla diffusione dell’alfabetizzazione, l’aumento dell’uso del portoghese e l’acquisizione di competenze tecniche. Molti Angolani sono stati addestrati all’estero, specialmente a Cuba e nell’Unione Sovietica.
Il governo dell’Angola continua a garantire l’istruzione gratuita, obbligatoria per otto anni. L’istruzione primaria, a partire dall’età di sette anni, continua per quattro anni. L’istruzione secondaria comprende due cicli: a partire dall’età di 11 anni, gli studenti completano un ciclo di quattro anni, che poi può essere seguito da un ciclo di tre anni. Oltre all’Università Agostinho Neto, l’istruzione superiore in Angola è fornita da istituzioni come l’Università Cattolica dell’Angola (1997) e l’Università dell’Angola Jean Piaget (1998).
Quasi tre decenni di guerra civile hanno avuto delle ripercussioni sul sistema educativo dell’Angola. All’inizio del XXI secolo, circa quattro quinti di tutte le scuole del paese erano deserte o distrutte, e la stragrande maggioranza dei bambini dell’Angola non potevano frequentare le lezioni. Fin dalla fine del conflitto nel 2002, è stato fatto uno sforzo per costruire più scuole e aumentare la formazione e il numero di insegnanti nel paese.
Il tasso di alfabetizzazione in Angola è inferiore a quello della maggior parte dei paesi limitrofi, nonostante un sensibile miglioramento nell’ultimo trimestre del XX secolo. All’indipendenza, meno di un quinto della popolazione adulta era istruito, ma nel 1990 il tasso era più che raddoppiato. All’inizio del XXI secolo, circa i tre quinti della popolazione erano alfabetizzato.

 

Religione

La popolazione dell’Angola è pel la maggior parte cristiana. Circa tre quinti della popolazione è cattolico romano, circa un decimo è protestante, e il resto aderisce alle credenze tradizionali o ad altre religioni.

 

Popolazione

Oltre ad alcuni europei e gruppi isolati di gruppi etnici Khoisan come il Kung (un gruppo San) nel sud-est remoto, tutti gli Angolani parlano le lingue bantu della famiglia di lingue del Niger-Congo, che domina l’Africa occidentale, centrale e meridionale. Il più grande gruppo etnolinguistico è l’Ovimbundu, che parla Umbundu e che rappresenta circa un quarto della popolazione. Essi abitano l’altopiano di Bié, dopo aver migrato a Benguela e Lobito e aree lungo la ferrovia di Benguela a ovest e ad est, e vivono in numero abbastanza grande a Luanda. Il più grande gruppo etnico è il Mbundu (Kimbundu), che parla Kimbundu e che costituisce anche circa un quarto della popolazione. Dominano la capitale e gli altopiani di Malanje e sono ben rappresentati nella maggior parte delle città costiere. Il Congo (Bakongo, Esikongo) – a nord est, tra cui la città di Luanda e parte dei paesi della Repubblica Democratica del Congo e della Repubblica del Congo – parla di Kikongo e rappresenta circa un ottavo della popolazione. Le popolazioni di Lunda, Chokwe e Ngangela vivono sparse per la parte orientale del paese, sprofondata nella Repubblica Democratica del Congo e nello Zambia. Anche i popoli di Ovambo (conosciuti anche come Ambo) e Herero nel sud-ovest vivono anche in Namibia, mentre i popoli Nyaneka-Nkhumbi strettamente legati abitano solo l’Angola.

Altri viaggi che potrebbero interessarti

Durata: 13 giorni / 11 notti

da € 2.465 - Voli esclusi

Durata: 10 giorni / 7 notti

da € 2.380 - Voli esclusi

Articoli che potrebbero piacerti
windhoek

Sossusvlei Sossusvlei, una grande pozza d’acqua effimera, è immersa tra dune di sabbia rossa alte fino a 325 metri sopra il livello della valle. Raramente contiene acqua, ma, quando il fiume Tsauchab aumenta di volume e potenza si spinge oltre le pianure, fino al mare di sabbia, si trasforma completamente. Il fango secco normalmente dà […]

Ecosistemi diversi e culture antiche ancora presenti: tutto questo caratterizza l’arcipelago delle Bijagos. Scoprilo insieme a noi!

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: procedendo con l'invio di questo modulo, si autorizza il trattamento dei dati personali forniti per la finalità, con le modalità e nei limiti indicati nell'informativa sulla privacy, ai sensi e per gli effetti dell'art. 23 del D.lgs. 196/03.

Go Australia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02116980422 R.E.A. AN 162472
Capitale Sociale € 30.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
Continua a seguirci su